.
contributo inviato da team_realacci il 25 novembre 2010
ROMA - "Evitare la distruzione delle foreste primarie è possibile". Ne è convinta Greenpeace, che si rivolge alle principali aziende del settore cartario italiano in occasione della prima presentando le 'Linee guida per gli acquisti della carta a Deforestazione Zero', che contengono anche la guida 'Foreste a Rotoli' per l’acquisto responsabile di prodotti usa e getta come carta igienica, tovaglioli e fazzoletti. In occasione della Greenpeace Business Conference, a Milano, l'associazione ambientalista suggerisce "il percorso virtuoso per tutte le aziende del settore che vogliono escludere dai loro prodotti fenomeni di distruzione forestale". E l'organizzazione raccoglie subito i frutti della propria iniziativa: "Mondadori- annunciano gli ambientalisti- si impegna a definire un percorso per incrementare progressivamente nel tempo la percentuale di carta 'amica delle foreste'".

Perchè tanta enfasi? Perchè, spiega Greenpeace, la richiesta di polpa di cellulosa per la produzione di carta "sta pericolosamente accelerando la distruzione delle foreste nel sudest asiatico, minacciate dall’irresponsabilità di aziende come App (Asia pulp and paper) e dai loro clienti". Ma adesso il gruppo editoriale Mondadori "è già pronto a fare un primo passo, utilizzando esclusivamente carta Fsc (Forest stewardship council, schema di certificazione internazionale) in alcune delle collane di maggior prestigio e qualità letteraria", tra cui Strade Blu e gli Oscar Spiritualità di Edizioni Mondadori, Einaudi Stile Libero, Wellness di Sperling & Kupfer e, nel mondo junior, alcune collane di Geronimo Stilton, Scooby-Doo e Flambus Green di Piemme.

Fonte: Agenzia Dire
www.dire.it
25 novembre 2010
TAG:  CAMBIAMENTI  CLIMATICI  GLOBAL WARMING  EMISSIONI  CO2  DISTRUZIONE  FORESTE  CARTA  NON A ROTOLI  LINEE GUIDA  GREENPEACE  CARTA IGIENICA  TOVAGLIOLI  FAZZOLETTI  APP  CASE EDITRICI  FSC 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
26 gennaio 2009
attivita' nel PDnetwork