.
contributo inviato da magnagrecia il 26 novembre 2010
Sulle auto blu, ho provveduto ad analizzare i risultati del monitoraggio ordinato dal Ministero della Funzione Pubblica e Innovazione. Da esso si ricava che le auto blu sono 86.000 circa. Ecco i dati salienti.

 
MONITORAGGIO SULLE AUTOVETTURE DI SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI (escluse le scuole)

 
Il numero di autovetture nella disponibilità delle amministrazioni distinte in:
?? Auto blu-blu: le cosidette auto “ di rappresentanza” in uso esclusivo ad autorità,
alte cariche dello Stato, vertici politici di Regioni e Amministrazioni Locali;
?? Auto blu: le auto di “servizio”, cioè auto con autista in uso esclusivo e non
esclusivo all’alta dirigenza delle amministrazioni centrali, degli enti pubblici, delle
Regioni e degli Enti Locali e degli uffici di diretta collaborazione delle cariche
politiche1;
?? Auto grigie: le auto utilizzate dalle amministrazioni per lo svolgimento del lavoro d’ufficio e l’erogazione dei servizi.
 
Le autovetture di servizio: i numeri
Sulla base dei dati raccolti sono state elaborate delle stime sulla consistenza complessiva del parco autovetture utilizzando come universo sia il numero di auto immatricolate al PRA che la dimensione delle amministrazioni (n. dei dipendenti). La stima è stata ottenuta rapportando le singole categorie di amministrazioni all’universo, sulla base dei rapporti rilevati tra campione ed universo sia per numero di dipendenti (rilevati sul totale della categoria) che per numero di auto registrate al PRA ( rapporto tra auto registrate dalle amministrazioni rilevate sul numero registrato dal totale delle amministrazioni della singola categoria).
In entrambi i casi il numero di autovetture stimato risulta di circa 86.000 auto (approssimazione 2%), di cui 5.000 circa sono auto blu-blu, 10.000 auto blu e circa 71.000 auto grigie.
Il personale impegnato nella gestione e manutenzione del parco autovetture è in larga maggioranza interno alle amministrazioni (rispettivamente il 94% nelle amministrazioni locali e il 96 % in quelle centrali) ed è stimato pari a 0,2 unità per ogni autovettura.
Il personale impegnato nella guida è stimato in 2,02 addetti per le auto blu-blu; 1,2 per le auto blu.
Il costo complessivo per i consumi del parco autovetture stimato in 86.000 autovetture, escludendo le autovetture con targhe speciali e quelle dedicate a servizi di sicurezza e vigilanza, valutato sulla base delle risposte delle amministrazioni rispondenti, nel 2009, è di circa 300.000.000 euro.
Aggiungendo ai consumi gli ammortamenti, i costi di stazionamento ed i costi relativi alle altre autovetture non rilevate nel monitoraggio il costo dei consumi, assicurazione, manutenzione, parcheggio e gestione delle auto pubbliche si avvicina a un miliardo di euro.
Il personale impegnato (autisti, addetti al parco auto, manutenzione, controllo, ecc.) stimato sulla base delle dichiarazioni delle singole amministrazioni è di 40/45.000 unità (di cui 20/25.000 autisti), con un costo stimato totale di circa 2 miliardi di euro.
A questi costi è da aggiungere almeno 1 miliardo di euro per le autovetture dedicate ai servizi speciali e/o di vigilanza urbana nei quali sono impegnate altre 10/12.000 unità.
 
TAG:  AUTO BLU 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
commento di magnagrecia inviato il 7 dicembre 2010
600 MILA AUTO BLU, UNA LEGGENDA METROPOLITANA.
Il Sole 24 ore - 21 dicembre 2008
"Auto blu, record mondiale all'Italia con 600mila vetture
L'Italia ha conquistato un nuovo record mondiale per il proprio parco di 'auto blù, che ha raggiunto le 607.918 unità. È quanto emerge dallo studio condotto da Contribuenti.it - Associazione Contribuenti Italiani con 'Lo Sportello del Contribuentè che ha analizzato il parco auto esistente, sia proprie che in leasing, in noleggio operativo ed in noleggio lungo termine, presso lo Stato, Regioni, Province, Comuni, Municipalità, Asl, Comunità montane, Enti pubblici, Enti pubblici non economici e Società misto pubblico-private, Società per azioni a totale partecipazione pubblica. (...)". http://www.ilsole24ore.com/art/SoleOnLine4/Italia/2008/12/auto-blu-italia-record.shtml?uuid=08b13a44-cf64-11dd-8a58-2c467fce84b6&DocRulesView=Libero SEGUE/1
commento di magnagrecia inviato il 7 dicembre 2010
SEGUE/2
"COMUNICATO STAMPA 11.5.2010. AUTO BLU, CONTRIBUENTI.IT: CORRONO LE AUTO BLU, +0,6%.
ROMA – Aumentano ancora le auto blu in Italia: nel primo trimestre del 2010 sono cresciute dello 0,6% raggiungendo il tetto record di 629.120 unità. E' quanto emerge dalle prime proiezioni effettuate da KRLS Network of Business Ethics per conto di Contribuenti.it".

Basta leggere congiuntamente l'articolo de “Il Sole 24 ore”, che scrive di “parco auto esistente, sia proprie che in leasing, in noleggio operativo ed in noleggio lungo termine, presso lo Stato, Regioni, Province, Comuni, Municipalità, Asl, Comunità montane, Enti pubblici, Enti pubblici non economici e Società misto pubblico-private, Società per azioni a totale partecipazione pubblica” e la voce Wikipedia: “Si arriva a 624.330 (contro 8 milioni e mezzo in USA), se si conteggiano anche le auto: della polizia, dei carabinieri, dei vigili urbani, dei vigili del fuoco, le auto dell'Enel e dell'Asl e di tutte le aziende statali” http://it.wikipedia.org/wiki/Auto_blu . Cioè chiamano “auto blu” tutto. FINE
commento di magnagrecia inviato il 7 dicembre 2010
Il dato frutto di inventario (con parziale stima in funzione di 2 parametri distinti, ma convergenti come risultato) di 86.000 tra auto “blu-blu” (5.000), “blu” (10.000) e “grigie” (71.000) del monitoraggio non include le scuole e le aziende controllate dallo Stato. Il costo complessivo (incluso il personale) delle 86.000 auto blu ammonta a circa 3 miliardi l'anno.
commento di magnagrecia inviato il 27 novembre 2010
E' opportuno osservare che il dato del monitoraggio (anche se parzialmente frutto di una stima, perché una parte degli Enti non ha trasmesso i dati), che quantifica in 86.000 le auto blu, è molto distante dalle 600.000 di cui si è letto sugli organi di stampa.
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
15 ottobre 2009
attivita' nel PDnetwork