.
contributo inviato da verduccifrancesco il 24 novembre 2010

È il cielo oggi pieno di rancore!

Di nubi basse e nere, di pioggia

Cariche è solcato, e chiuso,

Come un carcerato, nel suo dolore.

 

Piange! Di lacrime sincere bagna la terra!

Ma non per ridare ciò che è dovuto all'uomo!

Non per proteggere l'opera che lo scempio

Ha creato! Ma per lavare l'offesa alla povera terra,

 

Per coprire l'inganno dell'uomo ingrato

- Portando offesa e dolore ai figli del cielo -

Che del suo immenso potere ha abusato!

 

Non è vendetta, e neanche giustizia!

Ma l'opera che ogni padre dovrebbe

Compiere per proteggere la sua creatura.

TAG:  CIELO  TRISTEZZA  UOMO  VENDETTA 

diffondi 

commenti a questo articolo 1
commento di nino55 inviato il 24 novembre 2010
complimenti a francesco.Il fatto è che le veci del padre sulla terra non se le vuole assumere nessuno.E se questo qualcuno, anche che si chiami OBAMA, oserebbe riunire i figli, all'improvviso chissà per quale mistero, diventerebbe tutto fragile, la sua forza prorompente perde di vitalità,il suo coraggio si disperde, la sua voce è fievole.
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
10 marzo 2009
attivita' nel PDnetwork