.
contributo inviato da team_realacci il 21 novembre 2010
Il maltempo continua a imperversare e anche oggi piogge e temporali hanno colpito molte regioni, soprattutto al centro-nord. E la situazione non è destinata a migliorare tanto che il Dipartimento per la Protezione civile ha emesso un nuovo allerta meteo secondo il quale le precipitazioni, anche intense, dopo il nord colpiranno nelle prossime ore la Campania e successivamente le altre regioni meridionali, in particolare quelle tirreniche e la Sicilia.

Le temperature, almeno oggi, non sono state rigide. Questo, assieme alle piogge, ha contribuito a causare due slavine - una nel bergamasco, l'altra al Passo del Tonale (Brescia) 2 - che fortunatamente non hanno provocato vittime. Nel primo incidente, in Alta Valle Seriana, si è temuto per la vita di un escursionista di 43 anni che è stato travolto mentre era in compagnia di due amici che sono riusciti a mettersi in salvo e a chiamare i soccorsi. Dopo quattro ore di ricerche l'uomo è stato ritrovato sotto la neve, ma in stato di ipotermia: le sue condizioni sono gravi. La seconda slavina si è abbattuta, poco dopo le 10 di stamani, sulla pista 'Paradiso' al passo del Tonale. In quel momento era in corso un'esercitazione dei volontari
del soccorso alpino e c'erano comunque pochi sciatori perché l'impianto è stato aperto ieri. Tre persone, due volontari e uno sciatore, sono rimaste ferite in modo non grave.

Dato il protrarsi delle precipitazioni, c'è attenzione per il livello dei fiumi e per il fenomeno acqua alta che si è riproposto a Venezia. A Vicenza è scattato il preallarme per possibile rischio idrico ed è costantemente monitorato il Bacchiglione, il fiume che è esondato nell'alluvione di inizio novembre 3 mandando sott'acqua il 30 per cento della città. L'Agenzia interregionale per il Po (Aipo) prevede invece nei prossimi giorni livelli idrometrici "prossimi alla soglia di criticità ordinaria (livello 1)", a causa delle precipitazioni diffuse su tutto il bacino e delle pregresse condizioni di portata nell'asta principale del fiume, nel tratto tra Piacenza e il Delta. Inoltre il ponte provvisorio di Piacenza, per la permanenza di livelli superiori al livello d'esercizio, rimane ancora chiuso e restano per ora interdetti gli accessi ai laghi di Mantova.

Nel Lazio, colpito da forti piogge, il fiume Paglia, in provincia di Viterbo, è esondato all'altezza del ponte di Acquapendente, invadendo i campi circostanti. La strada provinciale Onanese è stata chiusa in entrambi i sensi di marcia per una frana che ha invaso la carreggiata. Traffico in difficoltà sulla Cassia nei pressi di Gradoli e sulla Trevignanese, dove in alcuni punti l'acqua ha superato i 40 centimetri di altezza.

Ed è allerta meteo a Venezia dove stamani l'acqua alta ha raggiunto i 103 cm sullo zero mareografico e dove è prevista una massima di 125 cm. Il Centro Maree mette in guardia per il rischio di eventi di marea molto sostenuta fino a martedì sera.

In Toscana sono sette le famiglie allontanate, per precauzione, dalle loro case ad Albiano Magra, nel comune di Aulla, in provincia di Massa Carrara: la decisione è stata presa dal Comune dopo che nel centro del paese, al confine con la provincia di La Spezia, per le infiltrazioni di acqua intorno alle 16.30 è crollato un muro di contenimento e una frana ha messo in pericolo cinque edifici. In tutto sono una ventina le persone sfollate.

E' tornata alla normalità Capri, nel "day after" del tremendo temporale che ieri per alcune ore ha colpito l'isola e dopo la grandinata che ha imbiancato le strade. Qualcuno ha calcolato i danni che sono stati arrecati alle viti, alla vegetazione e alle boutique del centro, molte delle quali si sono allagate a causa della massa d'acqua piovana che ha inondato le stradine del centro storico e via Camerelle, la strada dello shopping griffato. Anche in Campania, però, il sereno ha le ore contate e le piogge sono nuovamente in arrivo.

E la Coldiretti lancia l'allarme: niente semine autunnali a causa della continua pioggia che non consente l'accesso ai terreni. Tra le zone più colpite il Veneto, dove si contano perdite per 25 milioni, e la Campania, dove in provincia di Salerno si stimano danni per decine di milioni, anche se il maltempo - conclude la Coldiretti - ha interessato a macchia di leopardo tutta l'Italia.

Fonte: la Repubblica
21 novembre 2010
TAG:  MALTEMPO  ALLERTA  METEO  PIOGGIA  ACQUA ALTA  ALLUVIONE  TONALE  VALLE SERIANA  VICENZA  LAZIO  VENEZIA  TOSCANA  CAPRI  CAMPANIA  SICILIA 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
26 gennaio 2009
attivita' nel PDnetwork