.
contributo inviato da team_realacci il 19 novembre 2010
Roma, 19 novembre 2010
 
“E’ positivo che la Camera oggi abbia approvato l’ordine del giorno per estendere il credito di imposta del 55% anche al consolidamento antisismico degli edifici. Come è stato più volte ribadito dai massimi esperti in materia gran parte del patrimonio edilizio italiano è di qualità scadente e lontano dagli standard antisismici indispensabili nel nostro paese. Avviando immediatamente un piano straordinario di consolidamento e miglioramento sismico degli edifici pubblici e privati, non solo si potrebbe mettere in sicurezza gran parte della popolazione, ma si potrebbe rilanciare un'economia legata all'edilizia di qualità, attivare il sistema delle piccole e medie imprese e produrre anche un rilevante effetto sul terreno occupazionale. Per quanto riguarda l’eco-bonus del 55% per l’efficienza energetica in edilizia, è sicuramente un risultato positivo, che il Governo abbia fatto marcia indietro, confermando la misura. Sarà comunque importante al Senato cercare di superare il limite di dieci anni, che indebolisce molto l’efficacia della misura”, lo afferma Ermete Realacci, responsabile green economy del Pd commentando l’approvazione dell’ordine del giorno presentato dal Partito Democratico.

Ufficio stampa On. Realacci
TAG:  CREDITO D'IMPOSTA  55%  CONSOLIDAMENTO  ANTISISMICO  EDIFICI 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
26 gennaio 2009
attivita' nel PDnetwork