.
contributo inviato da Achille_Passoni il 18 ottobre 2010


Il Governo, come spesso capita in questo periodo ha preso un'enorme sbandata, e arriva a contestare duramente i dati sulla disoccupazione forniti dalla Banca d’Italia. Secondo il bollettino trimestrale di via Nazionale infatti, i disoccupati in Italia sono molto più numerosi di quanto non dicano i dati Istat, e raggiungerebbero l’11% della forza lavoro, invece dell’8,5.

Una differenza enorme, che si spiega facilmente: l’Istat non conteggia chi ha perso il posto di lavoro e non lo cerca più perché rassegnato, e nemmeno i cassintegrati a zero ore, anche se molto spesso la Cig maschera situazioni in cui non ci sono possibilità della ripresa del lavoro nell’azienda - e dunque equivale alla disoccupazione. La realtà infatti è che in Italia si fa un uso distorto della Cassa: ce ne serviamo per bloccare situazioni di disoccupazione effettiva fingendo che si tratti di una sospensione temporanea. Per paura di affrontare la realtà del licenziamento dunque, si finge che il rapporto di lavoro duri ancora e viene sprecato del tempo prezioso per la riqualificazione e la ricollocazione del lavoratore. E si ingannano le statistiche.

La Banca d’Italia insomma ha badato alla sostanza dei fatti e ha tenuto conto di questa realtà, fornendo un dato che certamente si avvicina di più alla situazione reale del nostro Paese, utilizzando tra l’altro un sistema di calcolo del tutto simile a quello di molti altri Paesi, ad esempio gli Stati Uniti. Di fronte alla realtà sbattuta in faccia a chi predica un futile ottimismo, la reazione non si è fatta attendere: si tratta di “dati ansiogeni” per Tremonti, mentre Sacconi ha parlato di “numeri esoterici”. Una reazione scomposta tipica di chi racconta favole e non è abituato a fare i conti con la realtà. E intanto il Paese viene lasciato a sé stesso.
TAG:  LAVORO  CRISI  DISOCCUPAZIONE  TREMONTI  BANKITALIA  SACCONI 

diffondi 

commenti a questo articolo 1
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
4 marzo 2010
attivita' nel PDnetwork