.
contributo inviato da pdmarconi il 13 ottobre 2010

Roma ed i romani meritano rispetto e meritano di vedere interrotta questa spirale di piccole, misere, quotidiane violenze.

Una spirale che si nutre del virus della diffidenza, della indifferenza, della paura del diverso, della protervia e del senso di impunità che ormai dilaga.

 E' una sorta di pena del contrappasso che colpisce chi - alcuni anni fa - ha voluto dipingere Roma come una città "insicura".

Eppure è appunto oggi - come dice il nostro coordinatore romano del PD, Marco Miccoli - che "la città è incattivita, in preda a pulsioni egoistiche che mai avevano avuto cittadinanza nella Capitale, e appare più insicura e intollerante".

 Anche Marconi comincia ad essere colpita da questo fenomeno.

Basti pensare alle risse scatenate su Via Oderisi da Gubbio nel giugno 2009 e recentemente nei primi giorni di ottobre 2010, risse scatenate per futili motivi o alla rissa mortale avvenuta ad agosto 2010 in via Grimaldi.

Ed inoltre Marconi vede e pensa con preoccupazione a strani fenomeni di "autocombustione" avvenuti nel 2010 in esercizi commerciali del nostro quartiere, o all'aggressione subita da alcuni commercianti bengalesi in via Bagnera avvenuta ad inizio ottobre.

 Il Sindaco Alemanno oggi si è scagliato contro l'indifferenza dei romani. Ma ha perso un'occasione per soppesare le parole.

Dalle immagini del video emerge chiaramente come l'aggressore sia stato fermato da un cittadino meritevole, che altri cittadini abbiano chiamato/segnalato il fatto alle forze dell'ordine.

I segnali che esistono germi positivi di resistenza ci sono, debbono essere valorizzati.

Carla Boto, coordinatore PD Marconi

TAG:  ROMA  VIOLENZA  CULTURA  SICUREZZA  RISSA  ALEMANNO  CIVILTÀ  PD MARCONI 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
20 ottobre 2008
attivita' nel PDnetwork