.
contributo inviato da silver28 il 7 ottobre 2010

Dopo Marrazzo, Boffo e Fini spunta un'altra clamorosa notizia su un personaggio della vita pubblica che risulterebbe sotto minaccia di ricatto. A questo punto mi chiedo.

Ma se fossero tutti sotto ricatto? Se qualcuno ha un archivio segreto con tutte le informazioni su amanti, conti all'estero, evasioni, piccoli e grandi peccati, come potrebbe influenzare la vita pubblica di un Paese.

I nostri leader politici possono affermare pubblicamente di non aver mai ricevuto ricatti? Se così non fosse si giustificherebbero tante cose di questi ultimi 15 anni di mancata legge del conflitto di interessi, di opposizione "soffice", ecc. ecc.

Chi sa qualcosa ora parli subito!

TAG:  PD  MARRAZZO  BOFFO  FINI  MARCEGAGLIA 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
commento di scompala inviato il 8 ottobre 2010
W VENDOLA CANDIDATO PREMIER
TUTTI GLI ALTRI COLLUSI E NON A CASA !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
commento di nicoli marco inviato il 7 ottobre 2010
La calunnia e la denigrazione dell'avversario sono ormai forme di lotta politica in Italia, usate sistematicamente da parte di certa stampa e di certe trasmissioni televisive che si dedicano di più al gossip politico che all'approfondimento giornalistico.
Nel caso della casa di Montecarlo,poi, si sta rasentando il ridicolo e veramente non se ne può più...... Mentre il Paese affonda, alle prese con una gravissima crisi economica, si consumano più fiumi d'inchiostro e si fanno più speciali TV sulla faccenda di Fini e suo cognato, che non sulle vicende tragiche che stanno investendo, ad esempio, i cantieri navali della Finmeccanica a Castellamare o le questioni legate a Pomigliano e più in generale sul preoccupante aumento di disoccupati e di imprese che chiudono.
Comunque in questi ultimi tempi ho sentito tanta gente che è stufa di questo andazzo. Il Berlusconismo ha ammazzato la politica, ha istigato all'odio politico e non solo, perché ha dato voce ad una forma di intolleranza diffusa, per cui ogni argomento ed ogni pretesto, anche il più sleale, sono armi giuste per affossare l'avversario politico. No, Feltri e Bel Pietro, non sono giornalisti nel senso vero della parola, ma "guardoni", che per conto del padrone, spiano la gente che fa ombra al grande capo, cercando di scoprirne eventuali difetti o mancanze, anche lievi, per farle diventare ragioni di denigrazione. Siamo tutti noi a rimetterci, ci vorranno lunghi anni per rimediare ai guasti alle coscienze degli Italiani che ha determinato questo modo di intendere e fare politica.
commento di partigiano49 inviato il 7 ottobre 2010
Credo che praticamente tutti potrebbero per qualcosa essere sotto ricatto, Berlusconi in testa , sinistra, centro , destra, banchieri, imprenditori e personaggi pubblici.

La differenza su chi è sotto ricatto e chi no la fanno chi controlla i servizi deviati(P2-P3) e chi ha i mezzi tecnici e i media per diffondere ed eventualmente ingigantire e manipolare le notizie
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
14 maggio 2008
attivita' nel PDnetwork