.
contributo inviato da team_realacci il 3 ottobre 2010
Parte il 4 ottobre a Tianjin, in Cina, il quarto round del 2010 di negoziati sul clima in ambito della Convenzione Onu sui cambiamenti climatici. Una cinque giorni di prove d'intesa, fino al 9 ottobre, tra i governi del mondo per preparare nel miglior modo possibile il campo alla Conferenza mondiale sui cambiamenti climatici (la sedicesima Conferenza delle parti, Cop16) che si terrà tra due mesi a Cancun, in Messico.

L'appuntamento cinese è un banco di prova decisivo per i delegati dei diversi Paesi (circa 2.500 rappresentanti di oltre 160 nazioni) che lavoreranno in parallelo su due binari distinti. Il primo gruppo (Awg-Lca) ha il compito di fornire una soluzione globale a lungo termine. Il secondo gruppo (Awg-Kp) invece lavora sugli ulteriori impegni da attuare nel post-Kyoto, cioé oltre il 2012, concentrandosi in particolare sugli impegni di riduzione delle emissioni di gas serra dei 37 Paesi industrializzati che hanno ratificato il Protocollo.

Nel corso dell'anno, osserva il segretario esecutivo Unfccc, Christiana Figueres, "i governi sono stati convergenti sulla necessità di istituire un'azione per il clima globale. A Tianjin, si dovrà ridurre il numero di opzioni sul tavolo, e capire cosa è realizzabile a Cancun".

Fonte:Ansa
1° ottobre 2010
TAG:  CANCUN  CLIMA  TIANJIN  CINE  NEGOZIATO  CONVENZIONE  ONU  CAMBIAMENTI  CLIMATI  COP16 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
26 gennaio 2009
attivita' nel PDnetwork