.
contributo inviato da frapem il 29 settembre 2010

Sulla sette il chierichetto Francescni con vove roca e idee incerte reclamava l'esigenza di una nuova legge elettorale, adducendo il motivo sacrosanto che gli elettori hanno diritto a scegliersi i candidati, e a suo dire su questo tema e solo su questa tema dovrebbe nascere un nuovo governo.

Dunque da ciò si evince che il PD non ha nessuna voglia di superare il bicameralismo perfetto e di ridurre il numero dei parlamentari. Ancora una volta il PD lascia nelle mani della destra uno dei problemi più sentiti dai cittadini italiani che è quello di ridurre i costi della politica e di efficientare le istituzioni.

Ritengo gravissima e miope questa posizione. Bersani prenda subito una posizione su questo argomento che è il suo vero tallone d'Achille. E per favore non mandate in televisone questi personaggi alla franceschini, serracchiani, bindi ed altri che balbettano su tutto.

 

TAG:   

diffondi 

commenti a questo articolo 0
commento di partigiano49 inviato il 1 ottobre 2010
Per principio Quagliariello non può aver ragione qualsiasi cosa dica perchè un galoppino del Berlusca mente sempre sapendo di mentire o se non mente ha secondi scopi: io sono tifoso.

Ha ragione Frapem, non è possibile recuperare i voti dei tifosi, quelli che cantano "meno male che Silvio c'è" non voteranno mai PD neppure sotto tortura, e viceversa, il tifo è fatto così è superiore a tante cose, un tifoso milanista di sx è e rimane milanista anche se il padrone del Milan è Berlusconi (solo Emilio Fede ha cambiato squadra ma è un caso clinico).
I voti devono essere recuperati fra i cittadini "normali" e sopratutto convincendo gli astenuti che il PD ha realmente intenzione di far qualcosa di buono; gli astenuti si astengono principalmente perchè pensano che "è inutile votare tanto sono tutti uguali", il PD dimostri che "non sono tutti uguali" se vuol candidarsi a guidare il paese.
commento di Anpo inviato il 1 ottobre 2010
Bah credo che il cittadino sentendo Quagliarello abbia anche pensato "ma che c.... dice questo. Hanno cambiato la legge elettorale solo 4 anni fa senza fare uno straccetto di riforma facendo in modo che a scegliere gli eletti fossero i leader di partito e adesso dicono che servono le riforme per una legge più democratica?

Personalmente poi l'argomento di Franceschini balbettato o meno che sia stato mi pare abbastanza forte. Credo che i cittadini si siano rotti di andare a votare una lista dove i vincenti già si sanno.
commento di frapem inviato il 30 settembre 2010
Io con i miei post sulla Mercegaglia e su Quagliariello ho solo voluto mettermi nei panni del cittadino non schierato. Perchè sia ben chiaro le elezioni non le decidono i tifosi ma i cittadini non schierati o che possono permettersi questo lusso perchè non hanno da chiedere favori a nessuno. Ovvio che il tifoso PDL dà ragione a Quagliariello, ed è ovvio l'inverso. Nel caso della Mercegaglia il suo basta la pazienza è finita, ecc. ecc. il cittadino di cui sopra vi riconosce la sua impazienza.
Allo stesso modo il balbettio di Franceschini fa chiedere al cittadino lettore libero: ma possibile che PD non dà argomenti forti ai suoi dirigenti per controbbattere questo tizio? Sarebbero questi gli alternativi?
commento di Anpo inviato il 30 settembre 2010
Ah beh se è per quello abbiano tempo per recuperare. Finchè governa Berlusconi di interlocuteri non ce ne sono. Questa è la triste lezioni appresa in 16 anni.
commento di frapem inviato il 30 settembre 2010
Gli italiani devono sapere che siamo pronti chiunque sia il nostro interlocutore.. ma pronti a cosa? Se nessuno ne sa niente e un cretino qualsiasi mette in imbarazzo dirigenti che coprono cariche di partito di primo piano: la bindi, presidente, franceschini capogruppo.
E ammesso che come dici tu con questa gente non vogliamo fare nulla allora diciamolo a chiare lettere.
commento di reterete inviato il 30 settembre 2010
x frapem

L'argomentazione di Franceschini era relativa ad un governo di brevissima durata per poi andare alle elezioni.Già sarà difficile trovare una maggioranza disposta a farlo per cui sarebbe senza senso aggiungere altra materia.
Il Pd ha presentato e Bersani ha già espresso in varie occasioni in televisione la volontà di modificare il bicameralismo perfetto e ridurre i parlamentari, per cui o frapem non segue con attenzione o fa finta per poter attaccare il PD. Io ho la netta sensazione che il vero scopo del post fosse proprio questo, infatti non si giustifica il giudizio trancian su tutti gli altri dirigenti del PD, Franceschini è bravo, Bindi (la mia preferita) è sempre chiara e incisiva, la Serracchiani se la cava bene per l'esperienza che ha.
commento di F.Rosso inviato il 30 settembre 2010
Poi dici a me che ci faccio nel PD... dare ragione a Quagliarella aprire confronti su temi delicati con questa maggioranza piduista mi pare non rientri (e meno male) nei programmi piddini.
Perché se ci rientrassero ne uscirei io e tanti altri...
p.s. La Bindi e la Serracchiani semplicemente vorrebbero ripulito il parlamento da questi personaggi cui tu dai ragione. Se questo è balbettare, allora balbettiamo tutti.
commento di partigiano49 inviato il 30 settembre 2010
E' ovvio che se fosse inserita in un insieme di riforme istituzionali sarebbe meglio, il rischio è che per aspettare una cosa non si faccia mai l'altra (ricordarsi la Bicamerale a cui D'Alema ha abboccato con tutta la lenza, il galleggiante e la canna)
commento di Anpo inviato il 30 settembre 2010
Come hanno loro nel 2006 introducendo il porcellum. Quagliarello sa che questa legge è indifendibile e tenta di "metterla in caciara" facendo credere che la legge elettorale non si puó cambiare senza le riforme sulle quali la destra puó fare difficoltà in maniera piú credibile di fronte al Paese.
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
28 aprile 2008
attivita' nel PDnetwork