.
contributo inviato da professional consumer il 28 settembre 2010

Cortesi Signori,

 

 

Sono Mauro Artibani, studioso dell'economia dei consumi, mentore del Professional Consumer.

Un sagace individuo che, così abbigliato, ha indagato la crisi economica; con l'occhio del consumatore addestrato rivendica  l'averne previsto e compreso gli sviluppi et voilà i modi per andare oltre.

Esistono, insomma, ruoli economici che attendono ristoro, categorie produttive che scalpitano: i Consumatori ne hanno ben donde.
Siete interessati a conoscere la fine dalla storia?

Nelle righe che seguono la sintesi del percorso tracciato.

 

Ne “LA VITA SPESA A FARE LA SPESA” i Sociologi intrappolano l’esperienza del consumare; quella stessa vita che gli Economisti istigano a vivere per dare ristoro ai bisogni; vita grama che i Politici tentano di alleviare mediante tutele normative e che gli stessi Consumatori rintracciano nel loro fare quotidiano.

Per smentire simili bluff viene al mondo il Professional Consumer; ancor più per rivendicare il ruolo affatto diverso recitato nell’Economia dei Consumi, proprio quando la crescita decresce, il debito privato e quello pubblico fanno sboom

Rivendica d’essere Operatore di Mercato, sbatte le sue ragioni in prima pagina: la crescita economica rende la pratica del consumo indifferibile; i 2/3 del PIL, generati dalle azioni di consumo, lo mostrano.

Rivela che i redditi erogati per produrre merci risultano insufficienti per smaltire quanto prodotto.

Denuncia che ingombranti, quanto desueti, paradigmi nascondono i fatti e non fanno vedere.

Rivendica il centro della scena economica al proprio fare: mediante l’acquisto fornisce ricchezza al sistema; consumando l’acquistato garantisce continuità al ciclo economico, niente di più niente di meno.

Questa azione trova mille rivoli per potersi esercitare; molti i modi di fare; molti i fatti che mostrano sagacia nel fare.

Un esercizio professionale che restituisce dignità agli atti di consumo, responsabilità sociale all’azione e oplà ristoro economico

Un credo assoluto: aumentare la redditività del proprio reddito per dare conforto al mestiere, continuità all’azione, sostegno alla crescita economica.

Finanche una prospettiva da perseguire là, dove la domanda comanda: il Capitalismo dei Consumatori!

 Mauro Artibani

autore del libro: PROFESSIONE CONSUMATORE, pdc editori 2009
 
www.professionalconsumer.splinder.com

tel. 069495423
 
mauart1@libero.it

  

 

TAG:  CENTRO STUDI PD  CULTURA  FONDAZIONI  ASSOCIAZIONI  UNITÀ D'ITALIA 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
commento di no-rating inviato il 3 ottobre 2010
Non sono uno studioso di economia, ma ogni tanto mi soffermo a riflettere su cio' che vedo. A me sembra che cio' che tu decanti non sia altro che la circolazione del denaro. Quando il denaro passa di mano molto velocemente e' probabilmente un buon segno per l'economia, ma (senza saperlo spiegare a parole) credo che sia solo un effetto della buona salute economica e non una causa.
Io sono inchiodato alla vecchia teoria del produrre-risparmiare-investire e se devo trovare una chiave di lettura agli ultimi anni direi che il fattore esterno (o meglio alieno) che ha provocato e sta provocando tanti guai sia la speculazione. Quest'ultima e' sempre esistita, ma per colpa di esseri umani spregiudicati e' diventata sistema.
SPECULAZIONE e' il guadagno facile (senza contribuire a produrre niente) che per le leggi della natura e' fatto alle spalle di qualcun altro.
SPECULAZIONE e' indebitarsi consci che per restituire i soldi ne dovro' prendere a prestito degli altri.
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
10 febbraio 2008
attivita' nel PDnetwork