.
contributo inviato da team_realacci il 17 settembre 2010
Ridurre drasticamente le emissioni inquinanti derivanti dal trasporto aereo, con il necessario supporto dei governi nazionali, chiamati a sostenere gli sforzi del settore. E' questo l'obiettivo delineato dalla Iata in vista della prossima assemblea dell'Organizzazione internazionale dell'aviazione civile, a Montreal a partire dal 28 settembre.

Tra i target fondamentali per combattere il cambiamento climatico, l'industria di settore ha fissato un miglioramento annuale dell'1,5% nell'efficienza dei carburanti fino al 2020 e il dimezzamento entro il 2050 delle emissioni inquinanti rispetto ai livelli del 2005.

"Gli ultimi 18 anni - afferma in una nota il direttore generale di Iata Giovanni Bisignani - sono stati dal punto di vista finanziario i peggiori nella moderna storia dell'aviazione. Ma persino in questi tempi difficili, le risorse destinate alla difesa dell'ambiente non sono state tagliate. Nei prossimi 10 anni, l'industria spenderà 1.300 miliardi di dollari per 12.000 nuovi aerei. Ciascuno di essi sarà del 20-25% più efficiente rispetto alle macchine precedenti".

Fonte: Ansa
17 settembre 2010

TAG:  EMISSIONI  CO2  AEREI  AVIAZIONE  CIVILE  IATA  CAMBIAMENTO CLIMATICO  EFFICIENZA  CARBURANTI 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
26 gennaio 2009
attivita' nel PDnetwork