.
contributo inviato da pierluigi bersani il 13 settembre 2010
Voglio per l’autunno una grande mobilitazione che coinvolga oltre ai nostri militanti e ai nostri circoli tanti e tanti dei tre milioni di cittadini che hanno partecipato un anno fa alle primarie. Dobbiamo suonare le nostre campane, tenere il passo di un lavoro non semplice, forse non breve ma appassionante e decisivo. Tutti assieme, con intelligenza, con convinzione, con entusiasmo, con passione, rimbocchiamoci le maniche e prepariamo giorni migliori per l’Italia.

TAG:  PD  OCCUPAZIONE  GIUSTIZIA  LEGALITÀ  GOVERNO  CENTRODESTRA  BERLUSCONI  OPPOSIZIONE  NAPOLITANO  VASSALLO  FALCONE  BORSELLINO  MEZZOGIORNO  CRIMINALITÀ  LEGA  FEDERALISMO  TREMONTI  BERSANI 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
commento di Chakrapec inviato il 2 ottobre 2010
Abbiamo ascoltato il discorso di Bersani con grande attenzione. Condividiamo totalmente sia la sua analisi della situazione, sia le sue proposte programmatiche. Ci auguriamo che il PD abbia il modo di realizzare almeno parte del programma enunciato
Luigi e Valeria Rispoli
commento di AntonChecov inviato il 21 settembre 2010
E ci sarà un motivo per cui il PD nei sondaggi precipita.
a) gli italiani sono tutti degli imbecilli
b) il PD fa proposte giustissime ma nessuno le capisce
c) il PD viene percepito come una accozzaglia senza capo ne coda diviso su tutto
d) ecc.. ecc..
Credo che il gruppo dirigente, pena l'estinzione, debba fare una seria riflessione. Per me, il PD parla alla pancia delle persone e non è in grado, al di là degli slogan, di fare proposte per un nuovo modello di sviluppo. Certo non è semplice ma è l'unico modo per riconquistare la fiducia delle persone.
commento di alby500 inviato il 21 settembre 2010
Sondaggio IPR su Repubblica,confronto tra luglio e settembre.
FIDUCIA IN BERLUSCONI:invariata,sempre 39 punti.
FIDUCIA COMPLESSIVA NEL GOVERNO:molta/abbastanza -3,poca/nessuna +2,senza opinione +1 (il governo sembrerebbe avere problemi)
FIDUCIA NELL'AZIONE DEI MAGGIORI PARTITI: PDL 34 (-1),Lega 33 (+3),UDC 33 (+2),IDV 29 (-4),PD 26 (-6).
Nonostante il momento di difficoltà della coalizione di governo il PD è messo così....AUGURI !
commento di enpassant inviato il 20 settembre 2010
x seamusbl:
ti sembra qualunquismo o UN FATTO che l'unica legge sul conflitto di interessi sia la buffonata Frattini del centrodestra? ti sembra qualunquismo o UN FATTO che Violante e soci abbiano garantito a Berlusconi di astenersi da provvedimenti in materia fin dal 1994? (vedi il famoso discorso parlamentare, erano parole di Violante, mica mie). ti sembra qualunquismo o UN FATTO che Calearo, astutamente candidato da Veltroni, si dichiari ora pronto a votare la fiducia a Berlusconi? nel parlamento dei nominati, questa non è una colpa degli elettori, ma di certi dirigenti PD. e ti sembra qualunquismo o UN FATTO che all'ultimo convegno Astrid il fior fiore del centrosinistra si sia dichiarato favorevole alla legge porcata sulla privatizzazione dell'acqua? e il bacio della Finocchiaro a Schifani l'ho visto forse in sogno?
SVEGLIA, per favore. il problema non è la composizione di interessi spesso conflittuali. purtroppo questi sugli interessi questi qui vanno tutti d'accordo. chi ci rimette sono gli elettori.
commento di seamusbl inviato il 19 settembre 2010
Comrade enpassant, non ti ho dato alcuna patente, ho letto quanto avevi scritto e mi sono sembrate delle stupidaggini qualunquiste, come se ne sentono molte in circolazione.
L’attributo e’ indirizzato al contenuto testuale manifestato. Dire che tutti se ne devono andare sulla base di arbitrarie citazioni ed estensive accuse, dall’inciucio ai bacetti, dal cemento all’acqua, dalle quinte colonne ai dalemiani per fare di tutte le erbe un fascio, consente un comprensibile sfogo, ma genera solo confusione e disorientamento e scivola verso il disfattismo irresponsabile.
Le critiche dovrebbero seguire una certa logica e realismo.

Ho pure argomentato, ma nella tua foga devastante non te ne accorgi, che il grosso problema e’ la composizione di interessi spesso conflittuali per cui le scelte non sono banali e facili, e solo un partito popolare robusto con una consapevole ideologia puo’ sviluppare un programma democratico di indirizzo in una situazione storico economica piuttosto delicata. E per lo meno l’80% della popolazione anche se non lo sa sta dalla stessa parte o sulla stessa barca e non ha scialuppe di salvataggio, quelle le ha solo l’elite.

Purtroppo il PD e’ debole strutturalmente e ideologicamnte e l’eredita’ della sinistra un disastro, tra cui la distruzione del patrimonio industriale pubblico.
Take care
commento di AntonChecov inviato il 19 settembre 2010
Quando leggo lo slogan sulla scuola che tipo banner campeggia su pdnetwork mi viene lo sconforto. Ma c'è qualcuno che se la sente di difendere lo sfascio della scuola italiana? La scuola è stato un ammortizzatore sociale, come tante altre cose in Italia. Piuttosto che difendere l'indifendibile Bersani mi dica come intende fare una scuola di qualità. I precari sono un problema sociale non un problema della scuola. E come tale va affrontato. Uno può anche perdere il lavoro, ma uno stato serio lo aiuta a riqualificarsi, gli sostiene il reddito e lo reimmette nel mondo del lavoro. Queste le proposte che aspettiamo. Basta parlare solo alla pancia della gente.
commento di cudighina inviato il 19 settembre 2010
Caro segretario, ............(CONTINUZIONE DEL MESSAGGIO INTERROTTO)
...... voti e li porti via a Berlusconi. Un grande centro abbastanza autorevole e fondato da gente onesta materialmente e culturalmente , da togliere i voti a Berlusconi.
Il nostro paese ha bisogno di politici che abbiano il senso delle istituzioni e dello stato e che possano essere un serio e corretto avversario ed interlocutore per il centro sinistra.
Il “grande centro” porterebbe via adesioni al PD? Si. Ne sono certa, questo però ci aiuterebbe a definire una nostra identità politica con più libertà, spostare l’asse più a sinistra e trovare adesioni a sinistra. Quando parlo con la gente normale, che non fa attività politica mi accorgo che non va facilmente a votare, anche persone di sinistra come sensibilità, non estremiste, sono deluse e il loro voto non è scontato, soprattutto se si pensano ad accordi anche con l’UDC. Non riesco a convincerle anche se si fidano di me.
Dobbiamo far perdere la destra, togliere il potere politico a Berlusconi e mettere al margine la Lega togliendo tutti i loro uomini dai posti chiave. Abbiamo bisogno di un altro interlocutore politico che abbia il senso dello stato e delle istituzioni con il quale concordare le rappresentanze nelle istituzioni lasciando fuori i dittatori attuali per tornare a ricostruire i rapporti normali della democrazia.
Fraternamente
commento di enpassant inviato il 19 settembre 2010
x seamusbl:
anche se 16 anni con gli stessi dirigenti perdenti ti sembrano pochi, non puoi comunque pretendere che tutti la pensino così.
e se accusi gli altri di scrivere stupidaggini irresponsabili, devi anche SPIEGARE e ARGOMENTARE perchè le ritieni stupidaggini, visto che ho citato circostanze precise.
la mia opinione è che il più grande problema del PD siano i suoi attuali dirigenti, e forse anche gli elettori un po' troppo pazienti.
fai le tue diagnosi evitando di distribuire agli altri patenti di stupidità, grazie.
ce ne sono già molti in giro, di "troppo intelligenti".
commento di cudighina inviato il 19 settembre 2010

Caro segretario,
ti ho votato e ti stimo, come a suo tempo ho votato e stimato Veltroni. Sono stata una semplice militante per tanti anni ed ora sono anche assessore nel mio comune del nord, vicino a quello famoso di Adro!(ieri c’ero anch’io a manifestare)
Faccio parte della base, di quel popolo del PD che è un popolo generoso e che lavora sempre, sia che il segretario sia Veltroni o che sia Bersani, anche quando le preoccupazione per le sorti del partito e la delusione lo stanca di più della fatica di fare la propaganda e le feste.
Quello che ci fiacca di più sono le divisioni interne e la poca chiarezza sul programma politico: cosa raccontiamo alla gente che dobbiamo contattare porta porta?
Dopo questo tuo appello ho sperato seguisse un bel programma: pochi punti chiari ( sono sicura che tu li hai in testa perché lo hai dimostrato con il tuo lavoro come ministro, l’hai detto anche nell’intervista ” a porta a porta”). Visto che non abbiamo lo strumento della TV bisogna che questi punti chiari siano scritti su manifesti ben confezionati, che siano riportati su volantini altrettanto scritti bene, che ai militanti siano forniti in numero sufficiente per essere distribuiti e che ogni mese ci piazziamo agli angoli delle strade con i gazebo insieme a deputati e dirigenti: lì, in strada a farci vedere dalla gente insieme, disponibili a spiegarli.
Ecco, questo serve, ed invece arrivano le sparate di Veltroni!
Ecco, l’ennesima “bacata” per i militanti.
Devo anche dirti però, che la proposta del Nuovo Ulivo mi lascia perplessa, per questo motivo:
la gente moderata, di centro non si fida del centro sinistra e non ci vota. Cittadini del mio paese lo ammettono candidamente che non si fidano ancora degli ex comunisti, nonostante tutta la nostra correttezza politica! E non è una barzelletta perché effettivamente continuano a votare a destra piuttosto.
Ma allora che ben venga questo benedetto “grande centro” che raccolga questi
commento di wakeUp82 inviato il 19 settembre 2010
x Enrico
Ok, i tuoi punti sono interessanti ma hai saltato uno importante per il rilancio dell'economia.
Bisogna scaricare un pò di tasse dalle imprese e differenziare le aliquote perchè un lavoratore medio non può avere uno stipendio dimezzato dalle tasse!
E una massiccia lotta all'evasione fiscale! Altro che scudo! Quella sì che è stata una invenzione per aiutare i ricchi e malavitosi. Come sempre chi agisce male alla fine ha pure il premio. E chi paga le tasse, lavora fino a spaccarsi in due ecc non gli viene riconosciuto nulla di nulla!
E' necessario usare tanta di quella polizia e carabinieri per presiedere alle partite di calcio? Ma perchè non possono pagare le società per il servizio d'ordine? Perchè quegli uomini devono farsi il mazzo per un servizio che è privato? Si risparmierebbero tanti di quei soldi e il loro lavoro potrebbe essere impiegato per altre ragioni ben piu importanti e gradite dalla popolazione. Perchè a Bari ci sono signori che fanno da parcheggiatori abusivi nei quartieri e se non lasci un euro ogni volta che parcheggi ti trovi un danno alla macchina? Ma ci rendiamo conto di questo? E' normale? Volete situazioni di questo tipo? Chiedete e non vi bastano 100 pagine di blog per contenerle. E questa è l'Italia dell'assurdo. Ma Bersani non le sa queste cose. Allora vada in giro a chiedere alla gente come vanno le cose.
commento di Enrico Traino inviato il 19 settembre 2010
Se si vuole al tempo stesso strappare L’Italia a questo declino progressivo a cui la sta condannando il berlusconismo ed avviare un processo di reale rinnovamento, dobbiamo essere capaci di convincere il paese che la nostra è una reale alternativa, che anche la sinistra è capace di “fare”.
Abbiamo bisogno di un programma semplice e chiaro, di soli 10 punti che aiutino a rinnovare il paese ma anche che facciano convergere su di noi il consenso, e non lascino ad altri la primogenitura di temi percepiti come fondamentali all’elettorato Provo ad elencare i più importanti:
1. Abolizione delle province (lo so, sono comode anchje alla sinistra come bacino di influenza, ma dobbiamo amputare il dito se non vogliamo ch evada in cancrena la gamba)
2. Dimezzamento del numero dei parlamentari;
3. Riforma elettorale e restituzione del diritto di scelta agli elettori
4. Introduzione del quoziente familiare (e quindi incremento degli sgravi per i familiari a carico per tutte le fasce di reddito) (così sarà più facile includere i centristi…)
5. Attuazione del piano di edilizia carceraria ed incremento del 50% della capienza (non lasciamo il tema della sicurezza a Fini, DiPietro e Bossi!)
6. Ineleggibilità per i condannati in primo grado e non assolti successivamente (non valgono l prescrizioni)
7. Legge sul conflitto di interessi: copiamo pari pari quella USA, nessuno ci potrà accusare di fare leggi anti-berlusconiane.
Signori dirigenti, invece di lamentarvi del fatto che si invochi l’arrivo di un leader esterno, perché non provate a dire e fare qualcosa di nuovo?
commento di seamusbl inviato il 19 settembre 2010
"non è vero, la gente non ha bisogno di voi: al contrario, ha bisogno che facciate le valigie. da Violante che pubblicamente si è dichiarato garante del perpetuarsi del conflitto d'interessi, al d'Alema dell'inciucio con l'UdC con "


Le stupidaggini irresponsabili non servono a nulla e risultano anche pericolose specie in periodi delicati come l'attuale in cui per la maggioranza la vita peggiora sensibilmente.
Comporre interessi non e' facile e inoltre quelli della maggioranza della popolazione vanno oltre artificiali bipartitismi.

Inventarsi falsi sbagli e abbandonarsi agli slogan e' un modo per inseguire gli irresponsabili. Purtroppo molti a sinistra hanno ricevuto il lavaggio del cervello del bollettino delle troie sulla base dell'antiberlusconismo e sono intorpiditi.
All'apposto il PD deve definire un responsabile programma che dia un'idea di come vada a comporre gli interessi, quali indirizzi intenda perseguire e le ragioni senza troppe divagazioni. Una sfida non facile ma che deve avvenire su
quel terreno. Non degli slogan irresponsabili degli intorpiditi che pensano comicamente di avere la bacchetta magica e alla fine portano acqua sciaguratamnte sempre agli stessi manipolatori.
commento di enpassant inviato il 19 settembre 2010
non è vero, la gente non ha bisogno di voi: al contrario, ha bisogno che facciate le valigie. da Violante che pubblicamente si è dichiarato garante del perpetuarsi del conflitto d'interessi, al d'Alema dell'inciucio con l'UdC con annesso acquedotto pugliese a beneficio di Caltagirone, al Veltroni promotore dei vari Calearo e grande amico dei cementificatori romani - oltre che artefice della caduta di Prodi nel 2008... per non parlare delle varie Finocchiaro che baciano Schifani (not in my name please!), dei fiancheggiatori dei privatizzatori dell'acqua, delle quinte colonne pronte a salvare il premier dai processi, dei salmodianti del dialogo, dei traditori che passano ad altri schieramenti e dei vari d'alemini sempre pronti ad accorrere in soccorso del vincitore e sempre in fregola di collaborazionismo per fare le "riforme", ovviamente "nell'interesse del paese".
diteci quanto volete per levarvi di torno e smetterla di tenere in ostaggio un partito e i suoi elettori. fate presto, grazie.
commento di seamusbl inviato il 18 settembre 2010
"Abbiamo un SEGRETARIO eletto da tutti alle primarie..."

Comrade segretario Bersani, che e' almeno onesto e allergico ai giochi di parole (nei quali neppure riesce bene) ha il compito di rinnovare e strutturare il partito agendo con un poco di coraggio.
Declamare slogan magari anche di buon senso e che persino le pietre conoscono non modifica il passato incerto e/o fallimentare dei poveri di spirito e idee che ormai hanno fatto il loro tempo e devono farsi da parte.
commento di Leanto inviato il 18 settembre 2010
rispondo a seamusbl: se Bersani è un buon Segretario, ma ha i suoi limiti, che gli altri lo aiutino per ilbene del PD di tutti ! è chiedere troppo ai ns dirigenti vecchi e giovani ?
- evviva i giovani e la freschezza delle idee, evviva la varietà delle proposte sia dei vecchi che dei giovani! ma non facciamole apparire come lotta interna !!!
Abbiamo un SEGRETARIO eletto da tutti alle primarie, io pur stimando moltissimo Bersani, non lo volevo segretario e poi leader alle elezioni contro Berlusconi, ma lui ha vinto ed ora bisogna lavorare CON lui e il MIGLIOR MODO di farlo è quello di lavorare assieme a lui e fargli le proposte, discuterle, concordarle, e poi AGIRE tutti assieme, con una "sola voce" FORTE e CHIARA che arrivi a tutti !
E' così difficile rinunciare alla ribalta ? perchè fare proclami ai giornali ? perchè parlare attraverso intermediari ? C'è un organo collegiale dove LAVORARE ASSIEME come ho detto sopra ? e allora........????
NON sprechiamo questa occasione ! è da qui che dipenderanno le sorti del nostro futuro
Leanto
commento di seamusbl inviato il 18 settembre 2010
"Quali sono le nostre proposte?
Bersani è un buon segretario...Ma non ha una visione complessiva di quale prospettiva dare al partito e all'Italia.
Piero M"

yup

ma puo' la risposta essere trasformismo e retorica? Svolta da coloro che ormai anche invecchiati si qualificano per infiniti fallimenti e assenze di prospettive se non aderire al neo-liberalismo e alla distruzione e svendita dell'industria pubblica italiana?

l'abitudine di sorvolare sui fatti rilevanti, appiccicare un poco di retorica e condire il tutto con l'antiberlusconismo e' stata la devastante prassi della "sinistra" la cui eredita' imbarazzante grava sul PD, con il peso addizionale di pseudodemocristiani intellettualmente deboli.

Gli italiani non vogliono avere bisogno del PD per ragioni concrete: per la distruzione dell'industria pubblica, per le politche restrittive per aderire all'euro con false promesse, per la delocalizzazione industriale e l'aumento della precarizzazione e poverta', per la sottomissione e ai poteri forti internazionali. A suo modo Berlusconi ha offerto una risposta populista e classista e Tremonti usa persino Lenin per descrivere il tetro futuro europeo.
Finche' il PD produce del teatro per rassicurare le elite di riferimento e non si fa popolare e discute i problemi concreti non si rende attrattore.
Ma in fondo quasi nessuno vuole che il PD sia un partito polare per cui tutto e' molto normale.
Thats the hidden problem.
commento di alexdago inviato il 18 settembre 2010
Ho inviato un commento al discorso del segretario,ma EVIDENTEMENTE dava noia a qualcuno perche non è stato pubblicato. Mi ricorda un paese straniero ,che il nostro premier ama,specialmente il suo leader,dove le parole di critica non erano ammesse.Bhè se siamo ridotti a questo vuol dire che non c'è piu nulla da fare
commento di wakeUp82 inviato il 18 settembre 2010
Condivido appieno con giovi. Ho appena letto il documento di Veltroni......lasciamo stare! Forse non hanno capito che non vogliamo sentire piu frasi del tipo: l'Italia ha bisogno di questo per ovviare a questo. Vogliamo sentire concretamente le misure per migliorare e le personalità in grado di farlo. Ad ora non ho sentito nè l'una nè l'altra! Vedete un pò come volete fare perchè se mai ci saranno elezioni e continuate così preferisco votare Di Pietro che almeno tiene una linea coerente sempre e non fa come la barca nel mare che un pò va di là un pò di qua.
commento di giovi55 inviato il 18 settembre 2010
il PD sta diventando una vera e propria barzelletta, chi si sveglia prima la mattina mette in discussione il leader eletto, con un governo in crisi si perde tempo in chiacchiere sterili, si cerca un accordo con Casini, un elemento che ha nella pancia del suo partito un mafioso (e chissa chi altro) acclarato da 2 sentenze di un tribunale e che non dice nulla in proposito se non difendere l'elemento in questione, è un partito allo sbando con un Veltroni che ha rimesso la testa fuori dal guscio in cerca di visibilità, mentre doveva andare in Africa e restarci a vita......... ero un vostro elettore ma come tanti ho capito che voi non avete più l'idea di cosa sia un vero partito, di cosa sia presentare alla gente una proposta e un programma, vi dannate l'anima nel farci notare quello che non fa Berlusconi per il paese o che fa male, cosa che sappiamo tutti. Purtropo devo constatare che ha ragione Di Pietro, voi state in mezzo al guado di un fiume e non sapete se andare indietro o avanti, Bersani, D'alema, Veltroni e soci, abbiate la decenza di ritirarvi in un angolo e lasciate il posto ai giovani che tenete sempre in secondo piano per paura che vi freghino il posto con le loro idee..... siete una delusione su tutta la linea
commento di scompala inviato il 17 settembre 2010
A CASA A CASA
VAI A FARE LA CALZA
WWW VENDOLA !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
commento di vax84 inviato il 17 settembre 2010
Beh, magari una legge sul conflitto d'interessi, non solo in ambito televisivo, aiuterebbe..
dai, almeno un po'..;-)
Ciao
commento di Sognodemocratico inviato il 17 settembre 2010
@vax84
Mi permetto di farti notare che per liberare la rai da pressioni politiche non occorre alcuna legge. Lo stesso vale per la sanità e per il consiglio superiore della magistratura.
commento di vax84 inviato il 17 settembre 2010
@Sognodemocratico
Non lo si fa x' funziona così:
Se 6 all'opposizione, fai opposizione e difficilmente, con questo Governo, puoi sperare di partecipare alla volontà legislativa. Per fare le riforme (vere e nn presunte tali!) servono delle leggi e le leggi, le puoi pure proporre ma per farle approvare ti servono i numeri in Parlamento.. Non è molto romantico, me ne rendo conto: grandi ideali a parte, funziona così!Non è un caso se, a proposito dell' evasione fiscale, questa è aumentata negli ultimi 2 anni ( dati Confindustria): il PD può pure proporre misure più severe (vedi inasprimento multe x evasori e x reati legati alla corruzione) e lo ha anche fatto, ma se le proposte nn te le votano, queste rimangono tali e invece si approva lo scudo fiscale!Ecco perchè, quella delle alleanze è l'unica strada xcorribile: per sperare, prima o poi, di avere i numeri, non solo per proporre ma anche per far effettivamente passare qlche provvedimento.Certo, se poi, anche quando si hanno i numeri, si decide di farsi la guerra, quello è un altro discorso: Tafazzismo appunto!Secondo me, spesso non è questione di credibilità ma di fattibilità e, di coerenza, pur sapendo che le contraddizioni non saranno mai xfettamente risolvibili x' la politica è fatta da e di uomini (generalmente pure mediocri!)..
commento di alby500 inviato il 17 settembre 2010
VOGLIO,VOGLIO.....tu caro segretario non vuoi proprio un bel niente .... io VORREI che tu e tutta la schiera dei tuoi dirigenti andaste sulla luna e ci rimaneste,purtroppo non è possibile....VORREI che leggeste quello che iscritti (io non lo sono) gli elettori (vi ho votato e non lo farò più)e i simpatizzanti scrivono qui.... così potete regolarvi e immaginare quello che succederà alle prossime elezioni.E'la seconda volta che un governo Berlusconi si trova in difficoltà e gli strateghi del PD non trovano di meglio che litigare e polemizzare tra di loro. CHE FIDUCIA POSSIAMO DARE A QUESTA GENTE?
commento di Piero M. inviato il 17 settembre 2010
Quello che dice cristina1950 è il primo punto di programma proposto da Veltroni, che NON SI E' CANDIDATO A NULLA. Come fanno in molti in questo blog, senza scandalizzare nessuno, ha enunciato ciò che non va ancora, per completare l'opera, per dare una mano a uscire dalle pastoie in cui versiamo. O vogliamo dire che la crisi attuale del PD sta in Veltroni che mette in dubbio la brillante idea di correre dietro a Casini?

Rispetto alle opportunità del momento, penso che oggi non ci siano elezioni in corso. Diverso è stato quando qualcuno si è candidato a segretario del PD dieci giorni prima delle elezioni regionali in Sardegna, parlandone con...Panorama, senza pensare che il PD un segretario ce l'aveva ed aveva bisogno di sostegno dal suo partito. Chissà perché abbiamo sempre poca memoria!!!
commento di Sognodemocratico inviato il 17 settembre 2010
Il problema di Bersani Veltroni D'Alema e soci è che sono impregnati di vecchi rancori, Bersani sta rimproverando a Veltroni quello che lui stesso ha fatto precedentemente. La soluzione quindi è di chiedere gentilmente a questi protagonisti di andare a risolvere le loro beghe altrove, il Partito Democratico deve essere dato in mano ad un giovane capace. Non si tratta di una questione di nuovismo o giovanilismo ma di opportunità, dopo trent'anni che gestisci il potere in tutte le sue forme non hai più il senso della realtà.
Mi permetto poi di far notare che i punti di un programma non corrispondono ad una singola affermazione per esempio(Rai libera) oppure (lotta all'evasione) perchè è ovvio che siamo d'accordo, ma io voglio sapere come si fa e perchè non si fa subito.
Il partito potrebbe decidere autonomamente senza bisogno di essere al governo di liberare la rai, di liberare la sanità di liberare le nomine del consiglio superiore della magistratura( Vietti??), in una parola Credibilità.
commento di vax84 inviato il 17 settembre 2010
l'Italia non è l'America!!
Considerato tutto questo, ripeto, non mi sembra giusto sparare a zero sul suo discorso. Certo, rimangono delle criticità che hanno a che fare sopratutto con la visione generale della classe politica, della sua dignità e dunque della sua legittimità( evidenziate ad es. da cristina50, sognodemocratico e Antochecov), però hanno a che fare, appunto, con la classe politica in generale!Piuttosto, io me la prendo x', come al solito, dopo un buon intervento come quello di Bersdani, è seguito quello di Veltroni ( a Gioia?!?): PD=TAFAZZI
commento di vax84 inviato il 17 settembre 2010
X i polemici..
Pur con tutti i limiti che si possono riconoscere al PD, bravissimo sopratutto a tirarsi la zappa sui piedi ( vedi tempismo xfetto di Veltroni, ieri!), non si può certo dire che Bersani NON abbia espresso un programma nel suo discorso di chiusura alla festa del PD di Torino. Dunque, per una volta che lo si fa, mi sembra un po' ingrato sostenere il contrario!(magari sarebbe il caso di leggerselo sto discorso prima di attaccare a priori, no?). La sua critica della situazione attuale è stata condivisibile e chiara: il Governo, da quando è tale, non ha attuato NESSUNA riforma davvero strutturale!Non nell'economia, non nella giustizia, non nel mezzogiorno nè paradossalmente nella sicurezza (x' sparare alle navi nn la definerei riforma strutturale!) e quì è scattato anche l'attacco politico alla Lega, che ha promesso molto in termini di efficienza ed abbattimento degli sprechi, ma che di fatto NON si è mai fatta sentire sui temi della questione morale e della corruzione politica, della scuola e xsino del taglio agli enti locali: semplicemente non pervenuta!Tutte queste cose, Bersani le ha denunciate e, alla stesso tempo, ha espresso PROPOSTE: spostamento del carico fiscale da famiglie e imprese vs evasione fiscale, redditti finanziari e patrimoni per investire il denaro sul welfare( in primis, scuola, sanità); promuovere la legalità in tutti i suoi aspetti, dalla lotta alla corruzione (un' impresa da milioni di euro..e un costo x lo Stato!), alla risoluzione del conflitto d'interessi (una RAI libera), al rifiuto delle mafie(Bersani il discorso lo ha dedicato a Vassallo e ha pubblicamente ringraziato il lavoro di Libera!); alla strategia politica di alleanza con altri partiti x formare una coalizione ( e a quelli che qui arricciano il naso vorrei ricordare che la politica è SOLO questione di numeri e, anche se il PD fosse al 30% non governerebbe mai, NON da solo..ci abbiamo provato con il referendum sul bipartitismo e nn è andato a buon fine: l'Italia nn
commento di Piero M. inviato il 17 settembre 2010
X Vecchio Vascello.
consiglio di ascoltare l'intervista integrale a Veltroni, invece di andar dietro a cosa ne dicono altri, interessati a denigrarlo.
Intanto non vuole spaccare il partito e non mette in discussione il segretario.
Lasciamo perdere il discorso sul figlio di papà..., che nel suo caso mi pare sia un po' fuori luogo, essendo rimasto orfano da bambino.
Vogliamo fare un piccolo sforzo intellettuale e chiederci se ci sta bene un partito che naviga verso il 20% dei voti?
Proviamo a dirci quale sia il programma del PD?
Finora ho solo capito del nuovo Ulivo e della grande coalizione, per mandare a casa Berlusconi!
Tutto qui?
Per fare cosa, dopo che Berlusconi è andato a casa?
I problemi li ho solo sentiti enunciare (ci vuol poco a dire che ci sono), con la dichiarazione che vogliamo risolverli. Bene. Ma come? Con proposte condivise?
Quali sono le nostre proposte? QUALI SONO LE NOSTRE PROPOSTE?
Bersani è un buon segretario che può unire intorno a sè le diverse anime del partito (se evita di dire "voglio" è meglio, ma non sottilizziamo).
Ma non ha una visione complessiva di quale prospettiva dare al partito e all'Italia.
Bene. Ne prenda atto e apra un tavolo permanente con tutte le componenti e le costringa ad aiutarlo. Forse ne potrà uscire un confronto in grado di fare superare le lacerazioni attuali e di dare una vera prospettiva al Paese.
Le potenzialità ci sono. A Bersani la scelta di usarle.
commento di menevadodalPD inviato il 17 settembre 2010
Penso che lancerò una Petizione per la Chiusura di questo Partito. Chiederemo le dimissioni di tutti i dirigenti del PD e la Fondazione di un GRANDE partito di Sinistra. Unica speranza per un vero cambiamento!
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
27 febbraio 2008
attivita' nel PDnetwork