.
contributo inviato da pierluigi bersani il 7 settembre 2010
Berlusconi e Bossi non hanno a disposizione le istituzioni: devono mettersi in testa questo piccolo particolare. Non hanno a disposione, per esempio, il presidente della Camera: devono capire questo piccolo particolare se ritengono di essere dentro un quadro istituzionale. Quando avremo la Costituzione di Arcore potremo ragionare diversamente.

TAG:  BERLUSCONI  BOSSI  COSTITUZIONE  FINI  SKYTG24  BERSANI 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
commento di car me lo inviato il 10 settembre 2010
continua......
se si è fatto bene o se si è fatto male. Evidentemente non tutto quello che si è fatto lo si è fatto per il bene del paese adesso, se si è ancora in tempo bisogna cominciarlo a fare.
Grazie Segretario per il suo onesto e decoroso lavoro non molli mai la speranza è sempre l'ultima a morire.
commento di car me lo inviato il 10 settembre 2010
La cosa più assurda è che dal lontano, oramai, 1994 stiamo ancora discutendo del fatto che Berlusconi è al governo e che non rispetta la costituzione e che pratica la politica come pratica la sua azienda.
Caro segretario ad essere intellettualmente onesti dico che, su questo tema, c'era bisogno nel partito e, non si è mai fatta, una grande discussione e riflessione indistintamente di tutta la dirigenza e riflettere soprattutto sul fatto che come dice Rebyaco:
"lo dobbiamo ai NOSTRI GLORIOSI politici che non hanno MAI fatto, per ragioni MAI SPIEGATE, (come il sospetto di un ricatto), una legge sul Conflitto di Interessi che IL PAESE RECLAMAVA."
Errori, purtroppo, che si sono pagati cari in termini di consenso elettorale. Noi cittadini che credavamo ad un altro progetto di paese come d'altronde Lei stesso credeva e crede, e che avevamo investito sulla capacità di alcuni uomini che purtroppo hanno deluso e si sono resi quasi complici di questa incresciosa situazione, e me lo lasci dire, per noi la delusione è stata talmente grande che a tutt'oggi non vedo grande interesse alle supposte soluzioni da Voi annunciate. Ora il momento è davvero delicato, la gente è stanca, chi senza lavoro, chi non pensa più al proprio futuro, chi si ritrova davanti un ministro come la Gelmini che come l'Attila del precariato non vuole lasciare ritto nemmeno un precario. Ora quale la soluzione questo spetta a Lei indicarla io, noi, non possiamo che sperare alla Sua capacità ed onestà. Ma mi creda non sarà facile raccogliere quello che si è perso per strada perchè a parte la buona volontà di pochi nel partito non vedo grandi sviluppi o speranza di giorni felici. Sono passati tanti anni dalla discesa in campo del dittatorello di Arcore e la responsabilità se esso ancora è a capo del Governo Italiano e anche Vostra/Nostra.
E poi c'è la Lega che torna ad avercelo duro. Gli sbagli caro Segretario si pagano ed in politica tutto torna a vantaggio e/o a svantaggio a secondo se si è fat
commento di rebyjaco inviato il 9 settembre 2010
Non dimentichiamo MAI, che con Berlusconi, ha trattato sia Dalema che Veltroni, Nemmeno dobbiamo dimenticare MAI, che se Lo Psicopatico, Presidente del Consiglio, è in Parlamento e a Capo del Governo, lo dobbiamo ai NOSTRI GLORIOSI politici che non hanno MAI fatto, per ragioni MAI SPIEGATE, (come il sospetto di un ricatto), una legge sul Conflitto di Iteressi che IL PAESE RECLAMAVA. L'IDEA, di dimezzare Parlamento e Province: NON MI CONVINCE, che siano solamente Il PDL e LEGA, che non lo VOGLIONO, ma, il sospetto legittimo, è che molti, troppi, direi, rappresentanti del PD., rimarrebbero a casa, e questo, è legittimamente INCOMPATIBILE con i LORO legittimi interessi. Questa ""Casta Politica"" che da decenni, ha instaurato una DITTATURA POLITICA, è la stessa, inammovibile, e indistruttibile, che ci ha condotto sin quì. UNA casta, che invita uno Schifani, alla FESTA del popolo di sinistra, e PRETENDE che non venga fischiato. E' VERO, che si trattava di una manifestazione organizzata da persone ""politicizzate"" (si fa per dire), ma, è altrettanto VERO, che avrebbero dovuto essere i TESSERATI PD. a manifestare lo SDEGNO per questi inviti dal SAPORE SGRADEVOLE della condivisione di una POLITICA tutt'altro che dignitosa.
commento di cristinasemino inviato il 8 settembre 2010
Due argomenti tabu sul net: dimezzare i parlamentari e ridurre le province (almeno quelle medio-piccole). Eppure, segretario, sarebbero mosse vincenti e spiazzerebbero l'avversario, perchè mi pare fossero due temi contenuti nel loro programma elettorale. Fatene una vostra battaglia, motivando con la necessità di reperire fondi per fare qualcosa in questo paese. Non parliamo poi delle auto blu: altro argomento tabu. Eppure qualche milione qua, qualcun altro là...si potrebbero recuperare soldi da utilizzare per scopi mirati (insisto sul lavoro giovanile).
commento di spiritolibero inviato il 8 settembre 2010
Certo che Berlusconi si trova in forte difficoltà, era da tempo che non subiva in difesa. mM questo non basta. Bisogna stanarli sulle proposte concrete come

dice cristina1950 che parla di dimezzare il numero dei parlamentari e di destinare le risorse al lavoro giovanile ...

anche l'eliminazione delle province, che sono diventati centri clientelari e di potere; e poi ci sarebbero dei risparmi enormi.
commento di cristinasemino inviato il 8 settembre 2010
Il grande capo fà ciò che vuole, indisturbato: da una parte i suoi leccapiedi che hanno imparato come si può vivere senza lavorare, dall'altra l'opposizione che dovrebbe urlare mattina, pomeriggio e sera questi soprusi e il totale disinteresse di b. per i problemi del paese.
Le sue riflessioni, caro segretario, sono sempre condivisibili. Peccato che arrivino solo a noi e non agli altri Italiani: il PD deve trovare il modo di accaparrarsene la fiducia, lanciando messaggi dirompenti: ve ne abbiamo suggeriti diversi. Proponga, ad esempio, di dimezzare il numero dei parlamentari e di destinare le risorse al lavoro giovanile: vedrà che il consenso aumenterà in un "botto".
commento di F.Rosso inviato il 8 settembre 2010
Caro Pierluigi, ma lo scoprite ora chi sono quei due?
Bossi è uno che, come programma di partito, ha "essere ignoranti". Per i legaioli l'ignoranza è tutto nella vita...
Berlusconi, invece, segue solo gli istinti peggiori del suo elettorato, il quale è ignorante alla stregua di Bossi e si interessa solo della sua pancia (o tasca).
E con questi volevate fare accordi? Ma nemmeno un caffè... altro che accordi.
Questi due vanno cacciati il prima possibile, prima che il Paese sia definitivamente distrutto.
Non perdete tempo nel fare l'alleanza e il programma..... e attenzione a Casini!
Se potete, meglio lasciarlo a se stesso: uno che si vende al miglior offerente non è il massimo
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
27 febbraio 2008
attivita' nel PDnetwork