.
contributo inviato da team_realacci il 3 settembre 2010
ROMA - Prevenzione, riduzione degli sprechi, uso oculato e sostenibile della risorsa, disponibilita' e accesso al bene: tutto questo e' al centro della 'World water week', la Settimana mondiale dell'acqua in programma dal 5 all'11 settembre a Stoccolma. La capitale svedese sara' il luogo d'incontro annuale per le questioni piu' urgenti riguardanti le risorse idriche del pianeta, e il summit - spiega l'Unesco, che ospita il Programma di valutazione delle risorse idriche mondiali dell'Onu - "vuole definire questioni chiave e punti di discussione" legati al tema dell'edizione 2010, che e' 'Le sfide relative alla qualita' dell'acqua - Prevenzione, adeguato utilizzo e riduzione'. Organizzata dallo Stockholm international water institute (Siwi), raduna esperti, tecnici, politici, opinionisti e leader da tutto il mondo. Scopo del meeting e' "approfondire la conoscenza, stimolare idee e coinvolgere la comunita' dell'acqua nelle sfide relative alla qualita' di questa risorsa".

Seminari, dibattiti e tavole rotonde tra le inziative in programma: tra questi spiccano 'La capacita' delle Nazioni unite di sviluppo idrico e gestione dell'inquinamento nelle aree costiere', in programma domenica, 'La gestione idrica urbana: problemi e priorita'', in programma martedi', e 'La siccita' che mette a rischio gli obiettivi del Millennio', organizzato per l'8 settembre.

Ma al di la' delle varie singole tematiche legate a quello che sempre piu' e' considerato vero e proprio 'oro blu', la Settimana mondiale dell'acqua si concentra sulle prospettiva di lungo periodo, e per il periodo 2009-2012 il tema su cui concentrarsi e' quello dell''Acqua - Risposta ai cambiamenti climatici'. All'interno del dibattito - scientifico e politico - le questioni delll'accesso all'acqua per uso comune, la qualita' dell'acqua, sicurezza alimentare mondiale.

Tutti temi da non sottovalutare, perche' l'uso (e l'abuso) di acqua incide a livello globale. Un esempio, in tal senso, l'ha fornito il Wwf durante la 'World water week' del 2008. In quell'occasione l'associazione del Panda rilevo' che "ogni italiano usa in media 215 litri di acqua reale al giorno, per bere e per lavarsi, ma il consumo e' 30 volte superiore se consideriamo anche l'acqua virtuale impiegata per produrre cio' che mangiamo e indossiamo". In totale, "fanno piu' di 6.500 litri a testa, ogni giorno". Il valore "piu' alto al mondo dopo quello degli Stati Uniti". Non solo: nel 2008 risulto' che l'Italia era il quinto importatore d'acqua del pianeta.

Insomma, l'acqua a disposizione si spreca e si finisce col prelevarla altrove sottraendola a qualcun altro. E cio' non va bene, visto che la scarsita' d'acqua e' uno dei problemi piu' gravi con cui l'uomo dovra' presto fare i conti: la popolazione mondiale raggiungera' infatti 9 miliardi di individui nel 2040. E a una domanda crescente d'acqua fara' riscontro una riduzione della disponibilita' della risorsa. Per questo a Stoccolma si cerca di capire come iniziare a comportarsi.

Fonte: Agenzia Dire
www.dire.it
2 settembre 2010
TAG:  ACQUA  SETTIMANA  MONDIALE  STOCCOLMA  UNESCO  ONU  VALUTAZIONE  RISORSE  IDRICHE  MONDIALI  SICCITÀ  OBIETTIVI  MILLENNIO  WORLD WATER WEEK 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
26 gennaio 2009
attivita' nel PDnetwork