.
contributo inviato da pierluigi bersani il 3 agosto 2010

Le elezioni anticipate sarebbero un fallimento tutto di Berlusconi. La crisi della maggioranza dopo lo strappo dei finiani e la nascita dei gruppi parlamentari di "Futuro e Libertà".

 

TAG:  BERSANI  BERLUSCONI  TREMONTI  CRISI  GOVERNO  DIMISSIONI  NAPOLITANO  FINI  CASINI 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
commento di enpassant inviato il 8 agosto 2010
"Le elezioni anticipate sarebbero un fallimento tutto di Berlusconi".
E allora perchè non ci vuole andare alle elezioni, caro Bersani? per salvarlo ancora una volta come state facendo da sedici anni?
Se questa è opposizione, io sono un centauro a motore.
commento di Giuseppe Ardizzone inviato il 7 agosto 2010
Proviamo a vedere se è possibile cominciare a riempire di contenuti una prima fase di alternativa di governo. La proposta che farei a tutte le forze politiche che hanno a cuore la difesa della legalità e della democrazia dovrebbe essere:
Formazione di un governo di larghe intese per la legalità ed il lavoro che entro massimo un anno vada alle elezioni dopo aver raggiunto i seguenti obiettivi minimi:
- Ripristinare regole di legalità rivedendo le impunità e stabilendo regole di incompatibilità per il ricambio e la rigenerazione della classe politica
- modificare la legge elettorale
- stabilire regole chiare sul conflitto d’interesse.
- Stabilire nuove regole per l’eliminazione di ogni possibilità di controllo monopolistico del mezzo televisivo.
- ottenere il superamento dei contratti di precariato con l’introduzione del contratto unico d’ingresso ( DDL Nerozzi che riprende le indicazioni degli economisti Boeri-Garibaldi) .e prorogare di un anno gli ammortizzatori sociali.
commento di pinocc inviato il 7 agosto 2010
d'accordo come si evince dal numero di miei interventi sul conflitto di interessi con maxo 7533,infatti il conflitto di interessi e' una cartina torna sole per vedere se i finiani davvero vogliono superare il berlusconismo (ossi una democrazia incompleta , zoppa), e non solo, eventualmente berlusconi, le due cose infatti non coincidono
commento di gattina... inviato il 7 agosto 2010
Le elezioni ora significano ulteriori spese, addebitate ovviamente ai più poveri, col fortissimo rischio, quasi la certezza, che rivinca Berlusconi, che sarebbe ancora più forte e ancor più legittimato a costruire e costruirsi leggi criminali, col sicuro appoggio di più fedeli servi.
commento di maxo7533 inviato il 7 agosto 2010
Credo che i finiani conoscano bene il berlusca e sè vogliono fare una cosa giusta devono toglierli le televisioni, tolte quelle il RE è nudo.
commento di CondizioniAlContorno inviato il 7 agosto 2010
@maxo7533

Sono d'accordo anch'io. Le elezioni restano un rischio più per noi e per la democrazia... ma anche berlusconi rischia qualcosa.
Nel frattempo dobbiamo davvero essere grati al fuoco incrociato di dichiarazioni (Bindi, Franceschini, Chiamparino, ecc.) e al lavoro dietro le quinte di D'Alema se il berlusca è sceso a più miti consigli...

... ma non bisogna "mollare l'osso"! Tutti devono continuare a lavorare al "lento logoramento"... E' noto quanto sia pericoloso abbassare la guardia.
Di solito berlusconi fa credere di essere in ritirata, proprio per spuntare le armi degli avversari.

Ciao!
commento di maxo7533 inviato il 7 agosto 2010
Il Governo Berlusconi non è in rianimazione, anzi, durerà altre 3 anni.

Berlusconi è più furbo dei dirigenti PD e sà benissimo che sè forza la mano o la legislatura, Napolitano sarà costretto a dare mandato ad un altro, perciò meglio il resto della legislatura con Lui Premier, che altri, che possano cambiare la legge sulla concorrenza TV, oppure il Lodo alfano o altre leggi che metterebbero Berlusconi fuori gioco.

Pertanto non è così scontato un cambio di Premier, ci sono 30 deputati e 20 senatori pronti ad appoggiare un nuovo Governo (sapendo di non essere rieletti)
a questo punto anche Bossi sarebbe costretto a far buon viso a cattiva sorte pur di portare a casa il Federalismo, quando Berlusconi si è reso conto del rischio che stà correndo, l'elezioni si sono allontanate come dice Casini.

L'unica cosa che il PD e gli elettori del PD devono sperare, è la tessittura che D'Alema stà costruendo per far fuori Berlusconi, altrimenti dovremmo cicciarcelo per altri 10 o 20 anni.
commento di torquemada58 inviato il 6 agosto 2010

pagina 2

"Investire nell'Università e nelle scuola" OK, d'accordo
"depotenziare il sistema bancario (negli USA il cassiere prende 5 dollari all'ora ed è uno studente che lavora part-time)" NON si depotenzia il sistema bancario prendendosela con i cassieri !
"meno notai, assicurazioni, avvocati e medici multimiliardari" OK, d'accordo
"onestà" , OK, d'accordissimo
"fare funzionare la sanità al SUD" OK, d'accordissimo
"Manca assolutamente una visione del futuro" OK, d'accordissimo

Ma il programma per andare alle elezioni quale sarebbe ? Ci mettiamo una proposta di legge contro.... gli inciuci economici tra PD e PDL e poi una proposta di legge contro ....le collusioni del PD contro la mafia al SUD ?
Lottare contro chi tenta di affossare scuola, università, sanità pubblica e privatizzare l'acqua ? Benissimo ma... i lavoratori ? I giovani disoccupati ? Le famiglie che non arrivano alla fine del mese ? Vogliamo pensare anche a loro ? Sì ? Benissimo ma...la domanda è : SIAMO PRONTI ? Il gruppo dirigente del PD è diviso su TUTTO, non sanno che pesci pigliare, secondo lei è possibile andare alle elezioni in queste condizioni ? Lei vuole vincere o è di quelli che vuole perdere ?

commento di torquemada58 inviato il 6 agosto 2010


@ acicchel

La crisi economica:

"in Italia è strutturale" OK
"Il paese, in media, cresce" NO, mi pare che il PIL sia calato del 7% , ai tassi di crescita, si fa per dire, attuali ci vorranno 10 anni per ritornare al punto in cui eravamo
"Non è certo merito dei governi, ma della pace sociale" La pace sociale c'è perchè il paese si regge sulle famiglie, sulle pensioni dei nonni, sui risparmi accumulati, su quella parte di sommerso e di evasione che serve per arrivare a fine mese, se salta uno solo di questi parametri, l'Italia diventa una polveriera
"Anche a Napoli le condizioni sono migliorate negli ultimi 20 anni" Napoli è un mondo a sé, non fa testo
"L'industria Italiana macina utili" No, l'industria italiano NON esiste e quel poco che esiste è allo stremo

Problemi:
"l'Italia cresce meno degli altri" Appunto...
"Il debito pubblico più alto è quello USA, e il paese va benone ugualmente"
gli USA non vanno benone per niente, gli USA sono ormai una colonia della Cina
"Se per crisi si riferisce all'industria dell'auto, le rispondo: vada pure la fiat in Serbia" A dire questa cosa ai cancelli di Mirafiori ci va Lei, io non ci vado di certo
"Meno auto = più trapsorto pubblico (ecco una cosa di sinistra)" Questo potrebbe essere giusto ma agli italiani per 60 anni è stato detto che la macchina è uno status symbol, l'autobus non è uno status symbol, quindi l'uguaglianza non mi pare automatica

Più ideali:
"meno inciuci economici Pd Pdl (il nome ormai è uguale) tipo Unisalute gruppo Unipol che stipula 4000 pilizze sanitarie a Finenvest e Mediaset" OK, d'accordo
"meno inciuci economici Pd Pdl nei consigli di amministrazione nelle banche, OK d'accordo
"meno onorevoli e amministratori PD collusi con la mafia al SUD" , OK, d'accordo ma Le ricordo che il Capo della Cupola è Berlusconi, non Bersani "Meno accondiscendenza verso gruppi affaristici pseudo-religiosi" Ok, d'accordo
"Investire nell'Universit
commento di acicchel inviato il 6 agosto 2010
Aggiungerei: fare funzionare la sanità al SUD. Queste cose sono utopie ? Conta solo l'utile dell'azionista telecom all fine dell'anno o chi andrà nel cda del monte dei paschi ? Manca assolutamente una visione del futuro. E questo che vogliamo sentire invece di governi tecnici con chi tenta di affossare scuola, università, sanità pubblica e privatizzare l'acqua. E fuori Veronesi dal PD, che ne capisce di nucleare ? Stia a fare il suo mestiere, invece di andare a pranzo con la prestigiacomo (altra grande esperta di nucleare, laureata con una tesi sulle adozioni infantili). Siamo un po' seri.
commento di acicchel inviato il 6 agosto 2010
La crisi economica: in italia è strutturale. Il paese, in media, cresce. Non è certo merito dei governi, ma della pace sociale. Anche a Napoli le condizioni sono migliorate negli ultimi 20 anni. L'industria Italiana macina utili.
Certo, ci sono problemi e falsi problemi. Problemi: l'Italia cresce meno degli altri. Il debito pubblico più alto è quello USA, e il paese va benone ugualmente. Se per crisi si riferisce all'industria dell'auto, le rispondo: vada pure la fiat in Serbia. Meno auto = più trapsorto pubblico (ecco una cosa di sinistra) . Più ideali: meno inciuci economici Pd Pdl (il nome ormai è uguale) tipo Unisalute gruppo Unipol che stipula 4000 pilizze sanitarie a Finenvest e Mediaset e nei consigli di amministrazione nelle banche, meno norevoli e amministratori PD collusi con la mafia al SUD. Meno accondiscendenza verso gruppi affaristici psedo-religiosi. Investire nell'Università e nelle scuola, depotenziare il sistema bancario (negli USA il cassiere prende 5 dollari all'ora ed è uno studente che lavora part-time) meno notai, assicurazioni, avvocati e medici multimiliardari. E' onestà. Questo è quello che chiediamo.
commento di torquemada58 inviato il 6 agosto 2010


@ acicchel

"Come ha detto Tremonti, tutto è sotto controllo"

Quindi vale quello che dice Tremonti, giusto ? Quindi il rischio default non c'è, il debito pubblico non sta crescendo, la crisi economica c'è ma non c'è, la disoccupazione è un problema marginale ecc. ecc. , giusto ?

Bene, non pensiamo all'economia ma solo alla politica, niente inciuci, sono d'accordo ( ma un governo tecnico come lo intendo io NON è un inciucio ), andiamo allo scontro frontale, bene, "recuperiamo un po' di ideali" , OK , ma....quali ? La sinistra adesso è divisa su TUTTO, quali potrebbero essere gli ideali da recuperare ? Una volta recuperati gli ideali, quali sono le proposte concrete che si potrebbero mettere in campo ? Con quali alleati ? Possiamo permetterci il lusso di perdere le prossime elezioni ? Io credo di no, per cui sarebbe bene fare ragionamenti ponderati.


commento di acicchel inviato il 6 agosto 2010
Assolutamente no a Goldman Sachs alla guida del Governo. Come ha detto Tremonti, tutto è sotto controllo. Sei Lei Sig. Ardizzone, è un operatore finanziario non ha una visione globale dei problemi, che non sono solo economici e finanziari. Purtroppo da Bersani, D' Alema e Veltroni, sto ascoltando discorsi da Democristiani. Poco coraggio. Capisco anche che se Unipol e la finanza rossa sono ora collegati a doppio filo con quella bianca, a molti possa far paura la caduta del governo, nel PD. Vi dico : state sbagliando tutto. Innanzitutto perchè date un immagine che gli elettori non capiscono. Secondo perchè è impossibile un governo di transizione: e con chi con Tremonti ? Con Berlusconi, a cui Napolitano dovrebbe per forza dare l'incarico ? Sicuramente si va a votare in primavera. Quindi, recuperiamo un po' di ideali , invece di pensare alla borsa. E basta inciuci , sono perdenti e la storia lo ha dimostrato. Piuttosto se si va avanti così, prevedo una scissione della sinistra PD e un alleanza di questa con Di Pietro e le altre forze di opposizione. Adesso non la state facendo e fate solo tatticismi autolesionisti e suicidi. Pensateci bene.


Meno accordi con CL please, anche visto che Formigonim è implicato nei recenti scandali e vuole privatizzare l'acqua con i suoi amici.
commento di CondizioniAlContorno inviato il 6 agosto 2010
Leggere:

http://www.ilfattoquotidiano.it/2010/08/05/l%E2%80%99appello/47746/
commento di Giuseppe Ardizzone inviato il 5 agosto 2010
@torquemada e gli altri
"2) siamo divisi su tutto, senza un programma, senza un leader, con un gruppo dirigente che non è capace di vedere con le giuste lenti il quadro politico, in parole povere NON SIAMO PRONTI

ergo

è necessario prendere tempo ed evitare in modo assoluto elezioni ravvicinate prima della primavera del 2011. Io sono per un governo tecnico "neutro" a guida Draghi che abbia la funzione di tranquillizare i mercati e di traghettare il paese verso le elezioni.
"
condivido le premesse ma non le conclusioni. Abbiamo bisogno di tempo ma non è ns interesse la modifica della legge elettorale bensì del gruppo del cosiddetto centro. Lasciamo a loro la patata bollente e l'eventuale proposta di un governo tecnico, poi si vedrà! A noi interessa solamente avere il maggior tempo possibile per individuare il ns. leader, completare e/o costruire le parole d'ordine della ns proposta di governo e procedere sul terreno delle alleanze a destra e a sinistra ( messaggio ai puri:più la ns proposta è forte meno paura dobbiamo avere dell'alleanza con gli altri che è anzi benvenuta)ma con il timone ben stretto nelle ns. mani.Io intravedo inoltre una bella novità per il leader e va la propongo: Chiamparino. Uomo del nord equilibrato e moderno , con esperienza amministrativa e che mi sembra abbia le stesse idee che ho appena espresso sulla situazione politica.

commento di CondizioniAlContorno inviato il 5 agosto 2010
La cosa sorprendente è pensare di andare a votare con questa legge elettorale e con questo sistema mediatico...

questa è la pura follia dei tanti che credono alla fine di berlusconi.

Le elezioni sono un regalo fatto al Nuovo Duce per rigenerarsi... è l'unica cosa che è sempre riuscito a "fare bene". Per il resto solo parole e bugie e sgoverno. E noi stiamo abboccando di nuovo all'amo teso da questa perfida persona.

Se si vota in autunno sarà la fine della democrazia. Se si voterà in marzo, quasi lo stesso.
Complimenti a chi in questo momento riesce solo a lamentarsi delle possibili "alleanze improprie" (che comunque non ci saranno, perché impossibili! Non ci sono i numeri!). Complimenti davvero. Siete dei geni
commento di torquemada58 inviato il 5 agosto 2010


@ acicchel

la tua sicurezza mi incuriosisce, sostieni che " I mercati sono già tranquilli "
e che " Se si va al voto Berlusca perde " , sulla base di quali elementi fondi le tue certezze ?

commento di zingher inviato il 5 agosto 2010
Bresani, sii più deciso è netto fai percepire a tutti che siamo pronti a qualunque sfida e non abbiamo paura di nessuno, è ora di usare le unghie e i denti!!! Finché non la vedrò indossare una cintura fatta con la sua pelle non considererò finito il caimano!!!
commento di mand90 inviato il 4 agosto 2010
Dai Pierluigi, è venuto il momento del coraggio.
Dillo agli italiani che noi siamo diversi dal centro destra, che abbiamo un metodo democratico, che offriamo le primarie agli italiani (non dirmi che ancora non lo sai, qualunque leggere elettorale ci sia), che non presenteremo nelle liste indagati, che siamo per la democrazia sindacale, che tra Marchionne e lavoratori sappiamo da che parte stare, che sappiamo quanto investire nella scuola e quali leve utilizzare per trovare i danari che mancano, che i nostri futuri alleati non saranno persone che hanno collaborato con Berlusconi, che la democrazia televisiva è una risorsa per il paese, che la Chiesa non deve dare lezioni allo Stato, che siamo laici, che i ladri ed i disonesti devono finire in galera, che se nelle prigioni non c'è più spazio ne costruiremo di nuove.
CHE CHI NON HA VISTO UN PERICOLO IN BERLUSCONI, PER INCAPACITA' O ALTRO, NON VERRA' MAI PIU' RICANDIDATO.
Dai Pierluigi dimostra di sentire il pensiero del tuo popolo (anche se, giorno dopo giorno, ci stiamo riducendo a tribù)
Dai Pierluigi facci sognare: dillo che prima della Chiesa, dei cattolici, delle grandi imprese, della grande finanza ti interessa il pensiero del POPOLO.
Ciao a tutti.
commento di acicchel inviato il 4 agosto 2010
Caro Bersani, ti ho sentito ora al TG. E' utopistico pensare che chi ha fatto le legge-truffa (elettorale, salva corrotti) torni sui suoi passi in un governo tecnico. E' un utopia. Forse non ti è ancora chiaro, perchè forse sei troppo buono, chi hai di fronte: la malafede più assoluta e inaffidabile al servizo di gruppi di potere finanziario e dei propri interessi, anche loschi. Se invece ti è chiaro sono molto, molto preoccupato. Forza, giù il governo a testate ! E una volta al governo, di cambieranno le leggi truffa.
commento di acicchel inviato il 4 agosto 2010
I mercati sono già tranquilli. I Bot scadevano anche con la caduta di Prodi. Anzi, se cade Berlusca riconquistiamo credito dul mercato tedesco e l'economia decolla. Basta con queste teorie prive di alcun fondamento ! Scalfari invoca il governo tecnico salvamercati , ma dove , se soffriamo di crisi di credibilità per gli inciuci di B. con la Russia e la Libia ! Ma basta !
Ma quale governo tecnico o neutro ? Se si va al voto Berlusca perde e non potrà mai fare un nuovo governo, non avrù i numeri. Che il PD dimostri coraggio, e i gruppi di pressione economici, capitanati da Repubblica ma anche dietro a Veltroni e a volte anche a Bersani (leggi finanza , anche rossa, tipo Unipol) stiano al loro posto ! Forza e giù il governo a testate !
commento di viola16 inviato il 4 agosto 2010
...e poi, voglio sperare che,qualcuno che manifesta insofferenza alle solite argomentazioni della lega,vedi clandestini ci sia anche in qualche deputato del pdl.
commento di viola16 inviato il 4 agosto 2010
beh,bender,stava tessendo le lodi come sempre in modo sperticato di maroni per passare poi a tremonti....
commento di bender inviato il 4 agosto 2010
concordo e adesso purtroppo Cicchitto vende cara la pelle

non ho capito però chi se l'è presa con il leghista .... da destra!
commento di maxo7533 inviato il 4 agosto 2010
Ho visto ed ascoltato un Grande Franceschini in Parlamento.
commento di torquemada58 inviato il 4 agosto 2010

@ Giuseppe Ardizzone

In linea di massima concordo su quasi tutto :

1) una modifica della legge elettorale non è proponibile perché non ci sono le condizioni per un accordo e poi secondo me modificare la legge elettorale è pure sbagliato

2) Proporre un governo di transizione è assolutamente controproducente, infatti bisogna proporre un governo tecnico "neutro" solo per tranquillizzare i mercati e per affrontare alcune urgenze della crisi economica e poi andare alle elezioni

3) Condivido in toto : " non c’è alternativa, il Pd deve crescere attrraverso una proposta politica chiara e forte attraverso cui ottenere l’autorevolezza per candidarsi alla guida del Paese e attorno a cui porre il problema delle alleanze. A quel punto con qualsiasi legge elettorale avrà la possibilità di porsi come forza di governo".

commento di Giuseppe Ardizzone inviato il 4 agosto 2010
Dopo aver assistito alle prime avvisaglie del dibattito sulla crisi del centrodestra, le possibili elezioni anticipate e la richiesta di un governo di transizione.sono sempre più convinto di alcune cose:
1) il governo attuale non è d’accordo per la modifica della legge elettorale e se si andrà ad elezioni anticipate ci vorrà andare con questa legge.
2) Proporre un governo di transizione è assolutamente controproducente. Esso infatti non ha una legittimazione popolare ottenuta atttaverso delle elezioni ed inoltre non si capisce cosa potrebbe realizzare essendo un coagulo di forze politiche con posizioni diverse su tutti gli argomenti.Pertanto non si prefigura come una alternativa che ha già il consenso di fatto nel paese.
3) non c’è alternativa . il Pd deve crescre attrraverso una proposta politica chiara e forte attraverso cui ottenere l’autorevolezza per candidarsi alla guida del Paese e attorno a cui porre il problema delle alleanze. A quel punto con qualsiasi legge elettorale avrà la possibilità di porsi come forza di governo.
commento di alexdago inviato il 4 agosto 2010
Caro Mimmo 76 ,evidentemente non sei stanco di prendere sberle come abbiamo preso negli ultimi 10-15 anni.Purtroppo con la Sx che dici tu non vinceremo mai ,la gente non la vuole! come devono dirtelo visto che non vuoi capirlo?.Per quanto riguarda i punti di un fantomatico programma: Riforma fiscale,Riforma del lavoro,Riforma dell'ordinamento della Repubblica (federalismo ,potere ai cittadini,soprattutto deputati che rispondono ,di quello che fanno,ai cittadini che li eleggono,sindaci che riscutono le tasse e poi le mandano a roma per la competenza del Governo)Lo so che questo è un programma che non basterebbe una legislatura per attuarlo ma perlomeno iniziamo a buttarlo giù ,per iscritto. Un pò di coraggio segretario
commento di mimmo76 inviato il 4 agosto 2010
Caro Bersani preparati organizziamoci e iniziamo a fare un bel programma pochi punti conciso diretto e con le p.a.lle dobbiamo trainare il paese fuori dal fango. Gli incapaci stanno per mollare, non prendiamo scuse inutili i sondagg isi possono sconfessare ci vuole coraggio davant ialle fabbriche con i sindacati sul territorio porta a porta nelle sedi dell'opposizione sui palchi in tv ora subito tendiamo un braccio alla Sx radicata ora che non c'è più rutelli sicuramente ci sarà più coesione
commento di mario petrh inviato il 4 agosto 2010
Caro Bersani,
innanzitutto, a mio avviso, non è assolutamente il caso di dare l'impressione di avere paura di "andare alle elezioni". Poi è giusto fare quanto è possibile per eliminare il "porcellum".
Vorrei però che si cominciasse a fare una campagna mediatica, pre elettorale, per evidenziare il fallimento dei due anni di governo targato Berlusconi.
A tale proposito io avrei un'idea che può fare veramente presa e che mi piacerebbe illustrarle.
Questa volta, come mi è capitato di vedere nelle ultime elezioni (lotte interne, gelosie, accapigliaposti ecc., non rifacciamo l'errore di sottovalutare le proposte ...., La prego.
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
27 febbraio 2008
attivita' nel PDnetwork