.
contributo inviato da pierluigi bersani il 19 luglio 2010
E’ nostro dovere ricordare la figura di Paolo Borsellino. A diciotto anni dalla strage di via D’Amelio dobbiamo impegnarci perché non si affievoliscano nel Paese né la sete di verità e di giustizia, né la volontà di costruire una convivenza civile che possa fondarsi su una piena affermazione di legalità. Non potremmo dire di aver onorato fino in fondo la memoria di Borsellino, e quella dei tanti eroi caduti nella lotta alla mafia, finché una parte del territorio nazionale sarà condizionato dalla criminalità organizzata, finché l’economia sarà distorta da inquinamenti mafiosi e, più in generale, finché i diritti dei cittadini saranno negati e considerati come favori. La crisi di legalità che da troppo tempo riguarda l’Italia sta erodendo le fondamenta stesse del nostro vivere civile.

Occorre, perciò, ripristinare quei valori che hanno segnato la vita e il lavoro di uomini come Borsellino. Non c’è altra via per onorarne davvero la memoria se non quella di impegnare tutta la classe dirigente affinché vengano ristabiliti comportamenti adeguati, senso dello Stato, rispetto delle istituzioni democratiche e un civismo rinnovato e diffuso. Questo è valso eroicamente per Paolo Borsellino, questo deve valere quotidianamente per tutti noi.
TAG:  BORSELLINO  MAFIA  PD  LEGALITÀ  "VIA D'AMELIO" 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
commento di Anpo inviato il 19 luglio 2010
A 18 dalla strage di Via D'Amelio stiamo ancora chiedendo risposte alle stesse diomande riassunte da lancilotto. Mentre la nostra memoria viene indebolità poco alla volta ogni anno.
commento di mand90 inviato il 19 luglio 2010
Scusate se è fuori argomento, ma la democrazia e l'onestà vengono prima di ogni cosa.
Domanda a tutti i simpatizzanti del Pd: i nostri dirigenti stanno cercando intese con l'Udc dei Casini, Cesa, Cuffaro ecc.
Vi prego di guardare questo video e poi vediamo se, con i nostri dirigenti che non hanno nessun problema a rapportarsi con i mafiosi, chi andrà a parlare con i giovani, i disoccupati, i precari ecc.
Chi di voi farebbe volantinaggio assieme a Cuffaro?
Chi sta assieme a Cuffaro e come Cuffaro.
http://www.youtube.com/watch?v=F5MZmJLMQ9Y
commento di lancillotto8777 inviato il 19 luglio 2010
Occorre soprattutto scoprire i mandanti a "volto coperto" che c'erano dietro la strage di via D'Amelio così come in quella di Capaci che hanno aiutato Cosa Nostra fornendo indicazioni, comportamenti, coperture in tutti questi anni.
Massoneria, Servizi Deviati, Politici Collusi con il Potere Mafioso e Criminale: gli Italiani vogliono i nomi dopo 18 anni.
Siamo stati governati per 50 anni da un colluso con la mafia come Andreotti, ora lo abbiamo come Senatore a Vita (forse per il merito di essere riuscito a non andare in galera salvandosi con la prescrizione), abbiamo persone come Dell'Utri (che frequentava mafiosi come Bontate, Teresi, Cinaà, Mangano, Fauci, Virga ecc. ed è stato organico a Cosa Nostra fino al 1992) e Cosentino nelle Istituzioni, segno che il potere mafioso si è ben radicato nella vita politica così come lo è nel circuito economico-imprenditoriale del Nord (vedi scandalo nella "mia" Lombardia di qualche giorno fa).

Viva Borsellino, Viva Falcone, Viva Pio La Torre, Viva Peppino Impastato, Viva Giorgio Ambrosoli e tutti gli Italiani Onesti
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
27 febbraio 2008
attivita' nel PDnetwork