.
contributo inviato da tribo il 4 luglio 2010

I campionati del mondo di calcio sono, nei nostri giorni, la palestra più spudorata del nazionalismo al servizio dei peggiori e dei migliori regimi, che sempre regimi sono, e obnubila le menti dei popoli mentre anni di storia e di sofferenze inenarrabili parlano un linguaggio del tutto diverso e indicano un percorso pressoché opposto.

Una sola postilla, forse la più esile e impalpabile di tutte, ma per me raggelante:
guardate i volti dei giocatori non "originali" made in Germany, al canto di Deutschland ueber alles, anzi alla musica di Deutschland ueber alles, perché loro non cantano, gli originali si. E i giornali tedeschi premono per farli cantare per apparire come gli altri, loro invece non hanno ancora ceduto. Mi dico: meno male, almeno, che non c’è nessun italiano tra di loro.
 
Povero, grande vecchio Mandela!
Quando ostentare la scritta "NO al razzismo”, significa nello stesso istante celebrare il più stentoreo "SI al nazionalismo" che la storia e l’attualità indicano essere il seme originale e imprescindibile del razzismo!
 
Raggelano gli sghignazzi volgari e sfrenati soprattutto alla fine del video, nonchè amibentazioni del tutto ricercate del "cesso" con la carta igienca più e più volte ostentati. Una gazzarra da postribolo di infame memoria.
Ma ancora peggio sono i commenti degli italiani che si sforzano di sorridere, di giustificare, di partecipare in qualche modo alla sordida gazzarra, ...con spirito da ... kapò ...nella migliore delle ipotesi!
Alziamoci perdio! A cominciare dagli infami pretesti che la nostra sordida politica contiunua ad esibire sotto l'impermeabile arroganza del potere corrotto.
TAG:  RAZZISMO  EUROPA  NAZIONALISMO  CAMPIONATI DEL MONDO DI CALCIO 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
commento di rebyjaco inviato il 5 luglio 2010
Vedete? Ecco che nel bel mezzo del Disastro economico sociale del Paese Nostro, c'è qualcuno che si ricorda di questi dettagli che ""PRIMA"" erano importanti e che oggi fanno sorridere (per non dire ridere). Erano IMPORTANTI, IL MATRIMONIO, la Famiglia, L'ONESTA', (i rappresntanti del popolo se "beccati"" si suicidavano o almeno si dimettevano), i figli, comunque, rimanevano segnati e segnalati. Le donne lo facevano ma era UNA VIRTU' che la donna arrivasse illibata al matrimonio, erano altri tempi, ci hanno venduto di tutto, ci hanno illuso per interesse loro, ora ce lo stanno togliendo, lo stipendio, le garanzie per la vecchiaia, il lavoro, la famiglia, il rispetto dei figli che hanno più DIRITTI che DOVERI, la Religione? cos'è la Religione? Rubo al POPOLO e allo STATO e mi confesso? Mi ""perdonano tutto"" i miei collegamenti con la Mafia le MIE ruberie, le mie DEGENERAZIONI morali e SESSUALI le MIE Ministre e i MIEI ministri, basta che gli dia i soldi per le LORO scuole, e i finanziamenti a fondo perduto (anche se non dovuti), posso fare TUTTO con tanti saluti a GESU' e MARIA, ci pensa il Vaticano; sul quel fronte, sono in una botte di ferro.
commento di versoest inviato il 5 luglio 2010
Certo Tribo è tutto vero, ma è anche vero che proprio il Sudafrica per molti anni è stato escluso dalle competizioni internazionali a causa del suo razzismo di Stato e ora ha potuto ospitare una competizione mondiale nel nome di un intero continente, pergiunta nero! Grande Mandela.
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
19 febbraio 2009
attivita' nel PDnetwork