.
contributo inviato da frapem il 24 giugno 2010

Grazie a questa classe dirigente superpagata, corrotta e sprecona, siamo al fondo di tutti i parametri, dall'economia, alla scuola, alla ricerca, alla libertà di stampa... ci mancava l'esclusione dal mondiale..

"IN PIAZZA SOLO PER CAMBIARE L'ITALIA"

 

TAG:   

diffondi 

commenti a questo articolo 0
commento di cilloider inviato il 26 giugno 2010
Purtroppo Frapem credo che la tua soluzione soffra di "centrismo".
Spiego: se la riforma di questo Stato fosse partita da Roma...da un bisogno di efficienza e di meno sprechi...allora la tua soluzione avrebbe una valida ragion d'essere.

Invece ....parte dai localismi...parte dal piccolo...parte dalla rivendicazione di identità locali.

Bisogna a mio avviso organizzare meglio le varie componenti piccole o medie esistenti...per creare un macchina efficiente si...ma che soprattutto piaccia ...dove il cittadino possa riconoscersi...e riconoscere il suo ruolo attivo nella comunità.
Nulla è efficiente se non piace!

commento di frapem inviato il 25 giugno 2010
Caro Cill, so che la cosa puo' farti sorridere, ma io ho una mia idea di architettura dello stato, che cercherò di illustrarti..
Anzitutto credo che lo stato debba essere presente sul territorio attraverso una prima cellula che è il comune. Ne prevedo circa seicento da centomila abitanti, considerando che è stato scoperto il motore a scoppio, il telefono per non parlare della tv e del computer, in pratica i mezzi di comunicazione e di mobilità ci hanno avvicinati come non mai. Oggi in tv il sindaco di palermo diceva che un sindaco non ha comptenza sui rifiuti e le discariche.. ma siamo matti? direbbe il nostro pierliuigi.. Il sindaco deve rappresentare lo stato sul territorio a tutti gli effetti, deve avere il polso del territorio in termini di salute, sicurezza, giustizia, lavoro stato sociale, istruzione, cultura, sport, fisco, e ciascun asserssorato deve essere in stretto contratto con i vari responsabili di dette istituzioni.
Ogni venti comuni vi dovrebbe essere una città metropolitana con altre competenze ben definite: strade, trasporti, e tutto quanto è inerente il proprio territorio. Ogni cinque città vi dovrebbe essere un governatorato.
In pratica esclusa la Sicilia e la Sardegna le regioni dovrebbero essere cinque con circa diecimilioni di abitanti...a dopo.
commento di cilloider inviato il 25 giugno 2010
Ehi Frapem che ne dici (seriamente) di dare un tocco di modernità ...

Quanto è possibile una federazione comunale?
(eri tu che la proponevi??)
Perchè effettivamente anche io come Tribo credo che l'entità regione sia più astratta di altre.
Il Trentino : non esiste! Esiste la provincia auton.di Trento e quella di Bolzano
Il Veneto esiste: solo per Venezia, Padova ...le altre sono province a se
La Lombardia esiste: Bergamo < Brescia < di Milano...ma anche il resto sono realtà a sè..
Le Marche non esistono
L'emilia Romagna : non esiste da sempre ...l'emilia è una cosa la romagna un'altre
La toscana : mi astengo
Il Piemonte : mi astengo
Il Friuli: Non esiste ...ci sono addirittura 4 realtà distinte Friuli, Giulia, Carnia e Trieste.
Potrei andare avanti....Con Campania e Lazio..

Quello che temo ...è che la teoria del federalismo se apporterà benefici sarà solo se la comunità si riconosce nell'istituzione, in caso contrario...sarà sicuramente peggio di prima.
Quindi ...
commento di frapem inviato il 25 giugno 2010
Ciao cill, sappi che non sono un musone, anzi.
In verità il post era: Campioni dal Fondo, Campioni dal Fondo.. scritto solo per sollevare il morale degli amici..
insomma per ridere..ma vedo che non ci sono riuscito..
commento di cilloider inviato il 25 giugno 2010
Ehi Frapem!

Pare che la tua iniziativa sia stata capita!
(te l'ho detto che hai un problema di linguaggio)

Ora che c'è Prandelli...anche io aspetterei a scendere in Piazza..., poi se dopo Cannavaro se ne va e anche gente come Iaquinta ...non può che migliorare.

Abbi fede su ricambio generazionale!

(dai su un po di umorismo...su!)
commento di versoest inviato il 25 giugno 2010
Caro Frapem, non serve scendere in piazza, l'Italia che interessa, cioè quella del pallone, è già cambiata con l'avvento del Sig. Prandelli alla sua guida.

Il Sig. Lippi godrà della sua "pensione" a bordo della sua barca, il Sig. Cannavaro sentirà "come sa di sale lo pane arabo", il Sig. Buffon si curerà la schiena assistito da una quasi Slovacca.

Per il resto non è un problema di mercato, ma di calciomercato.
commento di Bei capelli inviato il 25 giugno 2010
Terna arbitrale Anglosassone non all'altezza,mondiale falsato, peccato potevamo essere agl'ottavi! se fosse successo agl'inglesi con una terna italiana come minimo avrebbero chiamato l'ambasciatore italiano a Londra, inglesi per carita' del cielo, il mondo ha guardato. Poi mettiamoci la tessera del tifoso e la sparata di Bossi ed il quadro e' piu' che completo. Mondiale nato sotto una cattiva stella. Mr Webb quei gol vanno dati! ne avevamo fatti 4 in dieci minuti non so agl'ottavi le cose poi come si mettevano.
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
28 aprile 2008
attivita' nel PDnetwork