.
contributo inviato da Idolo il 17 giugno 2010

Era un magnifico pezzo d'artiglieria, molto innovativo. A rimorchio su un carrello gommato, viaggiava a pancia in su ed aveva una messa in batteria molto rapida. Una volta liberato dall'autocarro, con l'aiuto di una leva,si sganciava, ruotava di 180 gradi su se stesso e si posava dolcemente a terra. Bastava solo aprire le crociere per fissarlo al terreno ed era già pronto per il tiro. Una batteria bene addestrata poteva  eseguire l'operazione in meno di trenta secondi. Aveva l'anima intercambiabile ed era provvisto in dotazione di due canne nuove che potevano essere sostituite assai facilmente. Il puntamento per il tiro in caccia avveniva mediante una centrale gamma di fabbricazione cecoslovacca se non vado errato. E' passato tanto tempo, mi si consenta.
Le sue caratteristiche erano le seguenti: distanza di tiro.da 1000 a 11400/8500m secondo i vari angoli di sito, quota massima di azione per il tiro in caccia circa 7000 m (la corona circolare aveva un'ampiezza tale, circa 4500 m,  che il velivolo poteva essere battuto da varie salve nel tempo che impiegava ad attraversarla, quota massima di azione per il tiro di sbarramento circa 8ooo m. Alzo massimo 90° + 2. Aveva tuttavia un affusto alto. I Wickers inglesi non superavano, occhio e croce gli 80 cm dal suolo e si potevano agevolmente nascondere in un anfratto del terreno..Nelle zone fredde la densità della miscela a base di glicerina del freno e del recuperatore subiva notevoli alterazioni e rendeva difficile il rinculo e la risalita in batteria. Si diceva,ma non so se è vero perché non ne ho testimonianza diretta,che vi si suppliva introducendovi del cognac. A detta dei nostri ufficiali e anche di questo non ho testimonianza diretta, non erano in grado di forare una corazza di un carro armato russo e sono tentato a crederlo perché per testimonianza diretta, la torretta di questi carri armati era veramente di uno spessore imponente. Quello che ho esaminato io era stato veramente sfortunato. Una pallottola gli aveva forato la canna del cannone rendendolo del tutto impotente. Per il pezzo da 90/53 non posso dire nulla perché ne ho visto uno solo in un deposito, forse un prototipo.

TAG:   
Leggi questo post nel blog dell'autore Monaud
http://Monaud.ilcannocchiale.it/post/2500132.html


diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
19 marzo 2009
attivita' nel PDnetwork