.
contributo inviato da PAOLOANTONIO il 15 giugno 2010

Radio Padania sbeffeggia gli Azzurri

L'esultanza dei seguaci di Bossi al gol del Paraguay non è passata inosservata.

Pepe: "Sono dei poverini".

 

 

 

La gioia di "Radio Padania" per il gol del Paraguay è diventata oggetto di discussione al termine della gara pareggiata dagli Azzurri con i sudamericani. "Abbiamo fatto gol, grazie a Cannavaro che si è fatto sovrastare", ha esultato il conduttore Roberto Ortelli, al momento della rete di Alcaraz.

"Radio Padania? Non me ne frega niente. Penso che non vi potete abbassare a fare domande di questo livello, perché penso che voi che siete qui siete giornalisti di altissimo livello", la risposta del commissario tecnico, Marcello Lippi, a chi, in conferenza stampa, gli ha chiesto cosa ne pensasse.

"Una brutta cosa, davvero brutta, ma non voglio fargli pubblicità", il commento di Riccardo Montolivo da Caravaggio (Bergamo), mentre Pepe è andato giù piatto: "Sono dei poverini, andateglielo a dire". Cannavaro ha dribblato la questione ("Basta che non mi parliate di Padania", ha detto subito ai cronisti), Buffon, che ha altro a cui pensare, è stato laconico ("E' una cosa che si commenta da sola, lascia il tempo che trova").

Chiusura con Gigi Riva, per anni simbolo della Nazionale come calciatore e ora come dirigente:

"Facciano quello che credono, io sono lombardo ma non la penso come loro".

 

 

 

 

 

Mentre questi miserabili esultavano

dal Sud-Africa ci arrivava sullo schermo

la splendida immagine di quel ragazzino

che con tanto Amore

baciava lo scudetto tricolore

che portava cucito sul cuore.

 

L’Amore per la Patria, l’attaccamento al Tricolore, all’Inno di Mameli ed alla maglia Azzurra sono dei Valori che devono essere preservati dagli attacchi deliranti di una minoranza che riesce a far sentire la sua voce soltanto grazie

alla complicità del Popolo Delle Libertà.

 

Ed i complici hanno le stesse responsabilità perché:

avallano l’assenza del ministro degli interni alla festa della Repubblica,

avallano la sostituzione dell’Inno con il Va’ pensiero (scritto da uno dei più grandi fautori dell’unità d’Italia Giuseppe Verdi)

avallano l’iniziativa della assessore-donna-leghista che ha fatto stampare Il tricolore sui rotoli di carta igienica dopo aver ricevuto le istruzioni dal suo

leader sull’uso che ne avrebbe fatto del Vessillo d’Italia.

avallano e premiano questi ominicchi facendoli eleggere prima Senatori

e poi Ministri di quella Repubblica che odiano e che cercano in ogni modo

di sgretolare dall’interno.

TENIAMOLI D’OCCHIO E DENUNCIAMO OGNI LORO PORCATA!

Paoloantonio

TAG:  CRISI ECONOMICA 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
27 marzo 2008
attivita' nel PDnetwork