.
contributo inviato da team_realacci il 15 giugno 2010

Nel corso della sua quarta visita nel Golfo del Messico, il presidente americano Barack Obama ha promesso agli abitanti della regione colpita dalla marea nera che la zona tornerà a essere addirittura meglio di quanto non fosse prima del disastro. Visitando le coste dell'Alabama, il presidente ha detto che la sua amministrazione farà il possibile, lavorando ogni giorno, affinché le comunità danneggiate economicamente possano risollevarsi.

Obama ha anche assicurato che il governo marcherà stretto la British Petroleum, responsabile della fuoriuscita di greggio nel Golfo, affinché risarcisca tutte le persone danneggiate. Il presidente ha poi invitato gli americani ad aiutare la zona visitando le spiagge locali: «Ce ne sono molte che non sono state colpite dalla chiazza di petrolio».

Questa sera alle 20 (le 2 di notte in Italia), il presidente degli Stati Uniti Barack Obama si rivolgerà alla nazione con un discorso in diretta televisiva per illustrare ai cittadini gli sforzi compiuti dalla sua amministrazione per fermare la marea nera nel Golfo del Messico.  È la prima volta dall'inizio del suo mandato che Obama si rivolge alla nazione dallo Studio Ovale. L'appuntamento avverrà poche ore dopo il rientro del presidente dal suo quarto viaggio nella zona del disastro ambientale, dove ha toccato con mano la contaminazione del greggio sulle coste della Louisiana, del Mississippi, dell'Alabama e della Florida.

Fonte: l'Unità
15 giugno 2010

TAG:  PETROLIO  GREGGIO  MAREA  NERA  BP  GOLFO MESSICO  OBAMA  GOLFO  MESSICO 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
26 gennaio 2009
attivita' nel PDnetwork