.
contributo inviato da Fabio1987 il 10 giugno 2010
È bastato che il padrone alzasse appena la voce e dichiarasse finita la ricreazione degli emendamenti, e la fronda del presidente della Camera ha prontamente smesso di stormire. La legge-bavaglio, la legge-salvacricca, la legge “golpe strisciante” è ottima e abbondante – giura Fini mettendosi sull’attenti – e perfettamente conforme alle promesse elettorali di legalità. Dice proprio così, senza un residuo di pudore e con evidente sprezzo del ridicolo. D’ora in avanti l’onorevole Fini ci faccia il piacere – almeno – di non citare più i Tocqueville e le Hannah Arendt con cui si è permesso di accreditare i suoi libri e i suoi discorsi. E meno che mai di citare Borsellino come simbolo della destra che intende realizzare.

Abusivamente e a tradimento, come ha ormai ufficializzato. E ci facciano il medesimo piacere, visto che la responsabilità morale e quella politica (per chi ha una morale e per chi politica vuole farla davvero) è personale ancora più della responsabilità giudiziaria, tutti i senatori e i deputati della “fronda” finiana, singolarmente presi, che una volta di più passeranno sotto le forche caudine imposte dal ducetto di Arcore e piegheranno la testa sotto il giogo, arzigogolando e azzeccagarbugliando le più invereconde “trouvailles” per giustificare un ennesimo atto di servilismo che si spiega solo con una parola: viltà.

Viltà contro la Costituzione e le istituzioni della Repubblica, grazie a cui siedono in Parlamento. Viltà contro le loro stesse parole, sparse a bizzeffe nelle scorse settimane in ogni dichiarazione e talk-show, con una solennità pari solo a quella che si dimostra ora improntitudine e inganno, il solito mare tra il dire e il fare, nella più gaglioffa tradizione italiota. Viltà infine anche contro i poliziotti – di cui la destra si presenta sempre come paladina, nel bene e nel male, a prescindere – che vivono questa legge-befana pro-criminali come un insulto e una beffa.

Grazie a tanta viltà, colui che Bossi chiamava Berluscaz può finalmente colpire al cuore la democrazia liberale e realizzare l’architrave del suo disegno totalitario, tra i brindisi dei criminali. Ci sarà almeno una persona – una! – tra i parlamentari finiani, capace di uno scatto di civile dignità, di un NO puro e semplice a questa legge infame? Assai improbabile: salverebbe l’onore, parola-culto della destra ormai evidentemente dimenticata, ma sottoscriverebbe con la firma più solenne – l’azione – tutti i giudizi che avete letto in queste righe.

Paolo Flores D'Arcais (Micromega)
TAG:  POLITICA 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
commento di Anpo inviato il 10 giugno 2010
Finisce sempre allo stesso modo. Quando si arriva al dunque Fini fa il bravo soldatino e ubbidisce agli ordini. E questo sarebbe un interlocutore per il Pd? Ma andiamo.....
commento di partigiano49 inviato il 10 giugno 2010
Ma quale onore ? tengono famiglia ...... e il Beluscaz li ha rimpinzati con tanti di quei posti (leggi soldi) che non avrebbero mai immaginato.
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
14 maggio 2008
attivita' nel PDnetwork