.
contributo inviato da team_realacci il 3 giugno 2010
Nel 2008 l'Ue ha registrato un calo delle emissioni di gas serra dell'11,3% rispetto ai livelli di riferimento del 1990, attestandosi ad oltre meta' strada rispetto all'obiettivo del 20% di riduzione per il 2020. Questo il dato fotografato oggi dall'Agenzia europea dell'Ambiente.

Nel 2008 l'Ue ha prodotto 4,9 miliardi di euro di tonnellate di CO2 equivalente, che rappresenta una riduzione di 99 milioni di tonnellate (2%) rispetto al 2007. Considerando la Ue a 15 Stati membri, nel 2008 il calo delle emissioni di gas serra e' stato invece del 6,9%, che la avvicina all'obiettivo del protocollo di Kyoto per il periodo 2008-2012. Questo quinto anno consecutivo di riduzione delle emissioni, per il commissario europeo per il Clima, Connie Hedegaard, ''le diminuzioni registrate nel 2008 non sono dovute solamente alla crisi finanziaria, ma sono anche il risultato delle politiche ambiziose che l'Ue e i suoi Stati membri hanno attuato negli anni e i cui effetti stanno diventano sempre piu' visibili''.

Sul risultato hanno giocato un maggiore impiego del gas naturale per riscaldamento ed elettricita' e l'impatto della crisi economica nella seconda meta' del 2008 in diversi settori, inclusa edilizia, produzione manufatturiera e trasporti stradali. Per la prima volta dal 1992, nell'Ue a 27 sono calate le emissioni dell'aviazione internazionale e del trasporto marittimo, che non fanno parte del protocollo di Kyoto, ma registrano circa il 5,9% dei gas serra dell'Ue a 27.

Fonte: Ansa
2 giugno 2010

TAG:  CLIMA  UE  OBIETTIVO  RIDUZIONE  EMISSIONI  CO2  20%  PROTOCOLLO  KYOTO  GAS NATURALE  CRISI  AVIAZIONE INTERNAZIONALE  TRASPORTO MARITTIMO 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
26 gennaio 2009
attivita' nel PDnetwork