.
contributo inviato da team_realacci il 31 maggio 2010
"Giugno sarà un mese spartiacque per gli sforzi a livello mondiale verso un'economia a basse emissioni di carbonio e per il futuro del clima". Lo afferma il Wwf in occasione degli incontri di Bonn e alla vigilia "degli importanti appuntamenti del mese di giugno". Infatti, oltre ai negoziati Onu sul clima che iniziano oggi in Germania, in calendario ci sono i summit G8 e G20 in Canada a fine mese che, sostiene l'associazione del Panda, "possono creare un importante movimento verso una serie di innovazioni necessarie per un accordo globale sul clima che potrebbe accelerare la corsa verso un futuro a basse emissioni di carbonio".

Mariagrazia Midulla, responsabile Clima ed energia del Wwf Italia, non ha dubbi: "Giugno è un punto di svolta per la politica climatica dopo un periodo di confusione e dopo Copenhagen". La Cop15 dello scorso dicembre, critica l'ambientalista, "non ha espresso il trattato pieno di cui il mondo ha bisogno, ma ci ha portato molto vicino a un accordo su alcuni elementi fondamentali del pacchetto". I negoziati di Bonn rappresentano allora "l’occasione per raccogliere la sfida dove Copenhagen l’ha lasciata, e traghettarla poi in Messico a fine anno”, quando si terrà la Cop16 a Cancun.

Secondo il Wwf i negoziati a Bonn "possono portare vicino alla conclusione alcuni importanti elementi, come la protezione delle foreste (il cosiddetto 'Redd +') e i finanziamenti per incentivare lo sviluppo fondato su basse emissioni di carbonio e l’adattamento ai cambiamenti climatici già in atto per i Paesi in via di sviluppo".

Fonte: Agenzia Dire
www.dire.it
31 maggio 2010

TAG:  CLIMA  COP 15  COPENHAGEN  BONN  NEGOZIATI  ONU  ECONOMIA  BASSE  EMISSIONI  CARBONIO  COP 16  CANCUN 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
26 gennaio 2009
attivita' nel PDnetwork