.
contributo inviato da generosobruno il 26 maggio 2010

Care democratiche, cari democratici.

Durante i lavori di questa tre giorni di assemblea, abbiamo caricato di peso e di rilevanza alcuni degli interventi centrali: la relazione di Caterina Lengua e, per quello che mi riguarda, l’intervento di Enzo De Luca. Ho letto, nel passaggio relativo all’ultimo lavoro di Asor Rosa, il tentativo di assumere, da parte del Senatore, nella propria storia, uno dei riferimenti dell’altro. Con Asor Rosa, della mia storia, ad esempio.
Con senso di responsabilità, abbiamo affrontato il confronto di questo dibattito. Eravamo nella condizione di chiedere, all’Assemblea congressuale, la messa in liquidazione del Segretario e del Presidente. Lo abbiamo evitato. Preferendo, nella difficoltà del momento, smettere di essere la rappresentazione di una parte ed assumere, su noi stessi, l’onere della responsabilità e della direzione politica.
Manifestando, però, al contempo, la necessità di un cambio di passo.
Provando, almeno questo ci sia concesso, senza atti di fede, ma qui ed ora – i filosofi direbbero “hic et nunc” – ad aprire, per il Partito Democratico irpino, una nuova fase che, inevitabilmente, come già durante i congressi ho avuto occasione di sostenere, passa attraverso quella che è la “fatica del rimescolamento”.
Ciò non deve esser letto come il semplicistico superamento di ciò che sono state le nostre storie ma la possibilità che quegli stessi percorsi – individuali e collettivi – possano essere delle lenti, degli occhiali, con cui leggere ed interpretare i segni ed i linguaggi della fase.
Mai come adesso, non compiere, nei nostri organismi, il salto generazionale potrebbe rivelarsi esiziale per i democratici.

Non mi spaventa che, in queste ore, si sia lavorato all’accordo, al compromesso. E’ sulla base di questo che, da sempre, voi, generazioni precedenti alla mia, avete misurato la qualità della politica.
La qualità di questo accordo, di questo compromesso, sta nel salto generazionale; nella costruzione di un gruppo dirigente che, libero da vincoli di fedeltà, è chiamato a riscrivere, per l’Irpinia, un nuovo progetto democratico. E’ su questo, su questi elementi di condivisione, che, invece, a noi altri piace misurare la qualità e la bontà della politica.
Il legame con il proprio territorio, la presenza nei conflitti, la scelta di essere all’interno dei fenomeni – Sono queste e non altre le occasioni di selezione della classe dirigente.
Guardo con preoccupazione al costume politico che anche i Giovani Democratici hanno finito con l’acquisire. L’elemento della patronage è cosa da respingere.
Il salto generazionale serve, né più né meno, a superare quella generazione che ha ridotto la politica ad anticamera e ad attesa. Non è più il tempo, se mai lo è stato, degli scudieri, dei palafrenieri o degli sbandieratori.
Viviamo nella consapevolezza che anche se ci dovesse capitare di essere vicini a Re Riccardo, preferiremmo farlo alla maniera delle truppe irregolari di Robin Hood.



Abbiamo chiesto, durante tutti gli interventi di questa assemblea, di cominciare, davvero, a mettere mano alla scrittura comune e libera di una nuova narrazione democratica.
Se ciò non dovesse avvenire o, per meglio dire, non dovesse – Segretaria e Presidente - esservi concesso, lo abbiamo già detto - senza smettere di costruire quel Partito Democratico che riteniamo utile all’Irpinia ed al Paese - saremo opposizione. Starà a voi, poi, essere in grado di riuscire a misurarvi con la proposta.

Il Partito Democratico, oggi, è forza di opposizione. E, ad una forza di opposizione spetta sia la definizione del campo dell’alternativa che la capacità di agire da guastatori nel campo avverso.
Abbiamo la necessità di riprendere a parlare con la nostra gente. Ritorno alla politica, quindi, nella consapevolezza che non sono più possibili – per fortuna – risposte ad aspettative e bisogni individuali o a gruppi o segmenti di interessi particolari.
Si chiude – definitivamente – la fase descritta da Pasolini nel “Processo alla Dc” della “distribuzione borbonica di cariche pubbliche agli adulatori”.
Uno degli errori di questi anni ha riguardato il costume fondativo di questo Partito – specie nel Mezzogiorno – centrato, più che sul tema del governo, sui tratti, non sempre limpidi, della gestione.
Come ultimo atto di questa lunga fase, leggo, qui in Irpinia, anche quello di una anomala campagna elettorale, con la rinuncia, durante le ultime regionali, alla possibilità, per il Pd, di declinare al meglio il complesso tema della nostra identità.
Identità, nonostante il giusto richiamo alla militanza, messa in discussione, alla radice, dalla stessa formula scelta per la campagna elettorale da Vincenzo De Luca, giocando quella partita come “un solo uomo al comando”. E, definitivamente affossata, sui territori, da un rapporto anomalo del Pd con le sue stesse candidature.
Colpevole, qui in Irpinia, un gruppo dirigente che ha voluto essere parte a sostegno di una parte. La propria. Preferendo, in questo modo, alla costruzione della mission democratica il tema classico della “filiera” del consenso. Il prevalere, ancora una volta, per l’ultima volta, delle carriere sulla missione.

Al Sindaco Galasso – Alcuni mesi fa, in questa stessa sala, ci mettevi in guardia circa la necessità di chiudere, in città, la fase congressuale.
Già allora, ci siamo detti d’accordo. E, già in quella occasione, ponemmo, forse per la prima volta, il tema dell’unità e della scelta di regole condivise.
Tu, invece, sembravi intenzionato a chiudere la partita nello stesso modo di quella del congresso provinciale e, aggiunsi io stesso, della tua Giunta.
Se quello, però, era il tempo della fedeltà agli uomini ed allo schema, dopo le regionali quella fase è terminata.
Vorremmo, tra quattro anni, poterci candidare in continuità con il tuo mandato; senza rivendicare una discontinuità che, ad oggi, su alcuni temi, ci appare necessaria.

Abbiamo bisogno di un Pd capace d’intervenire all’interno della divaricazione – esasperata dal berlusconismo – tra Carta fondamentale e costituzione materiale.
A cominciare dal primo articolo che lega in maniera inscindibile la Repubblica ed il lavoro.
Caterina – Non è vero, come tu hai detto nella tua introduzione che, nella crisi, il centrodestra “sta provando a salvare il salvabile”.
Quella guidata da Scajola e Sacconi, potremmo arrivare a definirla, con parole antiche, una vera e propria offensiva di classe. Perché, loro, questa lotta, non hanno mai smesso di farla.
Come una clava, questo governo, sta usando la crisi per colpire e destrutturare la rete dei diritti, disarcionare il sindacato, colpire il salario ed aumentare la flessibilità.
E’ questo quello che all’Irpinia racconta la vertenza della Fma. Ma quante sono, le storie dei “cancelli” che questo partito conosce?
Abbiamo bisogno di un Partito Democratico capace di guardare la crisi negli occhi.
Che abbia la forza di respingere come pratiche riprovevoli quello che, in questi giorni, è accaduto all’Asa. La mia indignazione è la stessa che, da giovane capogruppo, avevo ventidue anni, nel Consiglio comunale di Avellino, al passaggio di consegne tra ditta Cecchini e società mista, riguardo ad un gruppo di assunzioni pilotate e sospette, perché anche allora a chiamata diretta, tredici anni fa, puntò il dito sul servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani.

Abbiamo bisogno di un Pd capace di parlare a quella generazione – la mia – sospesa sul filo, tra terra e desideri.
Saremo noi o, almeno, così dovrebbe essere, a ripensare questi luoghi e questa terra. Nostre, sono le domande e, nostre, dovrebbero essere, pure le risposte.

Assemblea provinciale Pd – Avellino 24 maggio 2010

Generoso Bruno

TAG:  BERLUSCONI  PARTITO DEMOCRATICO  CENTROSINISTRA  CENTRODESTRA  IRPINIA  SCAJOLA  ROBIN HOOD  SACCONI  FMA  GENEROSO BRUNO 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
26 giugno 2009
attivita' nel PDnetwork