.
contributo inviato da verduccifrancesco il 25 maggio 2010
Dunque, il contestatissimo disegno di legge sulle intercettazioni - che dovrebbe essere parte integrante della riforma sulla giustizia - arriva oggi in aula al senato e, a quanto pare, senza significative modifiche al testo rivisto, dopo l'approvazione alla camera, in sede di commissione che prevede ulteriori difficoltà per i magistrati e giornalisti e inasprimenti delle pene.

A nulla è servito il lavoro dell'opposizione e le proteste del mondo della stampa - a cui stanno partecipando tutte le testate, destra, sinistra, centro, ecc. - la magistratura, le forze dell'ordine e la società civile (popolo viola, ovvero, i cittadini); il governo sembra deciso a continuare sulla propria strada in nome del "popolo sovrano".

Tra liti e insulti
, il testo esce dalla commissione per andare al senato.A dire del centrodestra, in senato si potrà parlare di modifiche e il  guardasigilli afferma: «Il testo della Camera ha rappresentato un compromesso alto tra tre principi costituzionali, privacy, diritto di cronaca e alle indagini. Nel passaggio tra commissione e aula valuteremo se è opportuno tornare a quel testo su alcune questioni».

Bene, anzi, male. Una legge che tiene in scacco il parlamento, che è fonte di disaccordi estremi - il PD e lIDV propongono di stracciare la legge -, che continua ad essere cambiata, che dopo mesi "forse è meglio com'era prima", da l'impressione (molto reale) di una maggioranza in cerca di consensi, non più popolari ma politici. Una maggioranza entrata al governo in pompa magna e che ora si ritrova a "giocare" al tira e molla per poter far passare la legge al senato.
Dico questo perché, la mia impressione è che non si sia più di fronte al solito giochetto di proporre, attendere le reazioni per poi aggiustare il tiro senza modifiche sostanziali, ma una resa di conti all'interno alla maggioranza e della comunità internazionale. Prima Fini che, in linea con il suo nuovo corso "liberal/democratico" la contesta quasi al pari dell'opposizione, poi gli USA che, a mezzo del suo rappresentante della giustizia, di fatto la  boccia. Non per nulla si è già paventato la possibilità della fiducia.

Per finire, l'impressione che questo governo sappia cosa vuole ma non sappia come ottenerlo è fonte di possibili reazioni estreme daparte della maggioranza per ottenere in altro modo ciò che vuole. D'altra parte, la legge stessa, se va in porto, sarebbe un inizio concreto, anche se soft (nel senso che non si usa violenza), per il disegno eversivo che è emerso concretamente in questa legislatura.

TAG:  INTERCETTAZIONI  EVERSIONE  LEGGE  MAGISTRATI  OPPOSIZIONE  PD  GOVERNO 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
10 marzo 2009
attivita' nel PDnetwork