.
contributo inviato da Achille_Passoni il 19 maggio 2010
Lunedì scorso ho partecipato a Firenze al presidio organizzato dai lavoratori Agile/Eutelia davanti alla Regione Toscana. La richiesta dei sindacati è inevitabilmente sempre la stessa: bisogna istituire al più presto un tavolo nazionale di confronto sul futuro industriale del gruppo.

La richiesta non è nuova, ed è sempre più attuale a seguito della dichiarazione di insolvenza della società da parte del Tribunale di Roma, ma il Governo continua a fare orecchie da mercante. E dire che era stato proprio il Sottosegretario Letta a promettere l’istituzione di un tavolo nazionale qualora l’azienda fosse stata commissariata! Come si possono ignorare 1500 lavoratori che su tutto il territorio nazionale sono in cassa integrazione e non ricevono lo stipendio da 5 mesi? Se questa non è una priorità per il Governo, ci facciano sapere quali sono le altre questioni che ritengono più importanti.

Al presidio di Firenze erano presenti anche esponenti della politica locale e della Giunta toscana, a dimostrazione dell’impegno costante che la Regione ha messo in campo per sostenere i lavoratori, in primis fornendo strumenti di sostegno ai redditi. Insomma la Toscana c’è, e resta vicino ai lavoratori con i mezzi che ha. Ma dov’è il Governo?

La sciagurata proprietà di Eutelia ha portato all’attuale condizione fallimentare, col risultato che ora l’azienda è senza proprietà: siamo in una situazione di assoluta emergenza, l’attivazione di un tavolo di discussione non è più prorogabile, bisogna mantenere subito gli impegni presi mesi fa. Ne va del futuro di migliaia di famiglie.
TAG:  EUTELIA  LAVORO  DISOCCUPAZIONE  CASSA INTEGRAZIONE 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
4 marzo 2010
attivita' nel PDnetwork