.
contributo inviato da team_realacci il 20 maggio 2010

L'orso bruno e la lontra, l'aquila e la tartaruga, il delfino e lo stambecco, il lupo e la foca monaca. Sono 23 le specie che in Italia camminano su un sottile 'filo rosso'. A stilare un elenco con gli animali che rischiano di piu' e' il Wwf Italia che, alla vigilia della Conferenza nazionale per la Biodiversita', da domani a sabato a Roma, chiede interventi urgenti. L'associazione targata Panda ricorda che l'Italia e' il Paese europeo piu' ricco di biodiversita' con 57.468 specie animali (8,6% endemiche) 12.000 specie floristiche (13.5%) endemiche, ma sono ora a rischio il 68% dei vertebrati terrestri, il 66% degli uccelli, il 64% dei mammiferi e l'88% dei pesci di acqua dolce. Ecco allora la 'red list' del Wwf sulle specie del nostro Paese. Meno di 90 sono gli esemplari di orso bruno sparsi in giro per la penisola (30-35 sulle Alpi, meno di 55 sugli Appennini). Nel centro-sud la lontra raggiunge a stento i 220-260, mentre in Sicilia dell'aquila del Bonelli se ne contano tra le 12 e le 15 coppie. Il piccolo avvoltoio capo vaccaio perlustra i cieli con 10 coppie, mentre del lanario e' presente in Italia la piu' importante popolazione europea, poche centinaia di coppie, tra Toscana e Emilia meridionale fino alla Sicilia, poche centinaia di coppie. I cambiamenti climatici minacciano le 5.000-9.000 coppie di pernice bianca, e per la gallina prataiola (una parente delle gru) si contano 1.500-2.000 esemplari soltanto in Sardegna e Puglia.

Fonte: Ansa
19 maggio 2010

TAG:  BIODIVERSITÀ  SPECIE  RISCHIO  ESTINZIONE  LISTA ROSSA 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
26 gennaio 2009
attivita' nel PDnetwork