.
contributo inviato da ippogrifomimetico il 9 maggio 2010

Dovrebbe essere colpita la speculazione instaurando e facendo applicare regole severe per i comportamenti degli investitori in borsa, al cui confronto gli squali sono pesci rossi. Il fatto che l'eurogruppo, la commissione europea e l'Ecofin, e poi la la Bce, "salvino l'euro", come dicono i giornali sostenuti da editori impuri, è particolarmente sospetto, anzi inaccettabile. E' la speculazione che distrugge montagne di danaro, non gli stati europei. Per fermare la speculazione vengono approvati i sacrifici con cui la Bcr acquisterebbe titoli tossici pagandoli con i soldi delle tasse dei cittadini europei. Dov'è la giustizia? I cittadini europei che cosa ne ricevono in cambio? Forse il riconoscimento della cittadinanza europea con tutti i servizi che essa comporta? 

L'Unione europea prepara un fondo di stabilizzazione che non è affatto gradito ai campioni di sensibilità del continente, i britannici. Mentre il tory Cameron cerca di convincere Clegg a rinunciare alla riforma della legge elettorale e a fargli da assistente per realizzare il proprio programma (nessuna riforma: solo tagli alla spesa pubblica, pedate agli immigrati). Un ruolo subalterno, che annullerebbe l'originalità della presenza di Clegg, spostandone la posizione politica a destra e modificandone il programma elettorale. Una figura immonda in cambio della governabilità, quando Clegg non ne ha conquistato il diritto, perché ha solo la minoranza. Com'era prevedibile la base dei liberaldemocratici non accetta il matrimonio forzato. Alzare il prezzo e basta non conviene a Clegg che ha un'occasione storica per realizzare riforme attese da parecchi anni. Se la spreca, perde mezzo secolo.

 

Ma Londra sta facendo di tutto, cercando consensi anche fuori dall'eurozona, per bloccare il fondo di solidarietà. In sé tale fondo non ha ragion d'essere. La responsabilità della crisi è della follia devastatrice dei capitali d'assalto (non dell'aspettativa dei mercati compresi i piccoli risparmiatori, come scrive oggi su Repubblica Scalfari!!!!!). La speculazione è compiuta da mostri assatanati che spostano enormi capitali! Perché deve pagare il cittadino europeo con i suoi quattro soldi che gli restano? Ma nessuno ha la minima intenzione di far funzionare le istituzioni di controllo sulle Borse, dalla Sec alla Consob, che hanno svolto un ruolo ridicolo in questi anni, lasciando perpetrare qualsiasi disegno finanziariamente criminoso. Speculare sul prezzo del pane: ma chi può eticamente ammetterlo? Eppur si fa sovente. E non da parte dei piccoli risparmiatori egoisti e cattivi di Scalfari! 

Questo fondo di solidarietà potrebbe aver senso solo come misura provvisoria e condizionata dall'attivazione di politiche contro la speculazione! Non è possibile che ogni due anni i forzieri degli stati vengano dissanguati. L'altr'anno bisognava salvarsi dalla catastrofe della Lehman (e poi tanti altri casi simili negli Usa e poi nell'Ue), e adesso bisogna trovare anche i soldi per gli stati dissestati. Poi? Quali sacrifici per l'anno prossimo? Gli speculatori non aspettano altro che fondi di solidarietà salva-speculazione, che spuntano ogni anno o due, come funghi di stagione! Io speculo, tu sei solidale, egli è inglese, noi siamo capitalisti e voi pagate.

Ma si conoscono da parecchi anni i disastri che sa realizzare scientificamente la speculazione. Come mai non vengono prevenuti? Bisogna per forza credere che gli stati stessi, non a caso borghesi per nascita e tutori del capitale, siano intimamente d'accordo? Infatti. Purtroppo lo slogan "salvare l'euro" pare efficace. L'euro certo va salvato. Ma perché è così orribile proporre di colpire la speculazione anzi renderla impossibile in settori determinati? Perché non è presente nel dibattito questa proposta? Forse perché viviamo in un mondo diabolicamente borghese.

 

TAG:  EUROPA  CAMERON  CLEGG  SPECULAZIONE   

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
14 aprile 2010
attivita' nel PDnetwork