.
contributo inviato da avoltesimpatico il 3 maggio 2010

L’incidente al largo della Louisiana con l’immane fuoriuscita del greggio è il più grave disastro ecologico nella storia degli States. Se la BP non  fosse stata sprovvista di una valvola acustica in grado di azionare un dispositivo di chiusura del pozzo in caso di incidente, obbligatoria in Norvegia ma non negli USA, quella tragedia ambientale sarebbe stata evitata. Questa vicenda  pone seri e  inquietanti interrogativi.  Fermare per sempre le trivellazioni offshore anche a rischio che un aumento del prezzo del petrolio possa nuocere alla già difficile ripresa o far finta che nulla sia successo accontentandosi di qualche accorgimento tecnico e lasciare in eredità alle future generazioni un pianeta che assomiglia sempre più ad una puzzolente e inquinata discarica? Se l’oro nero è destinato ad esaurirsi, non è ormai giunto il momento di puntare su quelle energie sicure, rinnovabili e pulite che possano nel contempo ridurre la dipendenza energetica dell’Italia e creare qualche nuovo posto di lavoro? Se la nostra salute è in relazione all’aria che respiriamo e al cibo che mangiamo  è più importante preservare l’ambiente che ci circonda o l’auto di lusso o altri beni voluttuari?    

TAG:  LOUISIANA 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
commento di car me lo inviato il 3 maggio 2010
Addirittura, bisogna che il PD si faccia promotore di una nuova strategia di sviluppo a favore della cosiddetta "Economia Verde" per esempio proponendo la semplificazione burocratica, la detassazione fino anche l'aiuto finanziario pubblico così da incentivare gli investimenti di aziende anche straniere in tutto il centro/sud. Spiegando, una volta individuati, quali settori possono essere incentivati e favoriti attraverso ripeto anche aiuti pubblici. Uilizzando fin da subito il recupero dei finanziamenti destinati al Ponte sullo Stretto.
Tali settori devono essere individuati tra quelli qualificati e ad alta tecnologia miranti alla produzione e alla ricerca di servizi moderni ed innovativi, considerando prioritari quelli per le energie alternative, per la tutela dell'ambiente ed il risparmio energetico.

informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
12 febbraio 2008
attivita' nel PDnetwork