.
contributo inviato da cristina1950 il 12 aprile 2010

I partecipanti al Gruppo del Pdnetwork segnalano ai nostri dirigenti alcune delle tematiche emerse dalla discussione relativa al messaggio che il PD deve dare al paese.

- Il PD deve essere il partito della trasparenza e della moralità: i nostri parlamentari dovrebbero rinunciare ai privilegi della "casta"; impegnarsi a ridurre i costi della politica, proponendo la semplificazione della pubblica amministrazione, l'abolizione di province, comunità montane e regioni autonome; favorire costi europei per gli appalti delle grandi opere; lottare contro tutte le mafie mediante un attento controllo del territorio.

- Il PD deve essere il partito del lavoro: esso deve essere garantito a tutti, valorizzando l'impegno e le aspettative dei giovani, tutelando i lavoratori indipendenti con partita iva e i piccoli imprenditori, impedendo lo sfruttamento del precariato con l'introduzione di salari di accompagnamento e di un assegno di disoccupazione unico. La lotta alla disoccupazione deve essere praticata attraverso la formazione continua dei lavoratori.

- Il PD deve essere il partito delle regole: darsi ideali ed obiettivi sui quali non avere tentennammenti (si o no netti), come il rispetto del denaro pubblico e l'accettazione delle regole di civile convivenza, l'efficienza delle istituzioni (equamente suddivise sul territorio), lotta al conflitto di interessi tra controllati e controllori.

- Il PD deve essere il partito dell'equità fiscale: abbassare le tasse sul lavoro (dipendenti e imprese) e portare quelle sulle rendite a livello europeo; lottare contro l'evasione fiscale spostando il controllo del territorio sotto la responsabilità di comuni e guardia di finanza locale. Bene il federalismo fiscale se coniugato con parametri di solidarietà ed efficienza e coerente con una nuova morale politica e di sistema.

- Il PD deve essere il partito delle riforme: da quella dello stato (riduzione del numero dei parlamentari, ripristino delle preferenze....ma di questo dobbiamo ancora discutere!), a quella della redistribuzione della ricchezza, a quella relativa all'economia (green economy con proposta di un piano energetico per i prossimi trent'anni; abolizione degli ordini professionali; seria politica per la famiglia). Esistono persone serie e oneste in entrambi gli schieramenti. Con loro deve essere possibile instaurare un nuovo modo di confrontarsi e di trovare soluzioni condivise. Senza inciuci.

- Il PD deve essere il partito della cultura: valorizzare il turismo, l'ambiente naturale, la qualità della vita. No al razzismo, ma confronto tra le diverse culture ormai presenti sul nostro territorio, rispetto reciproco, doveri e diritti condivisi. Promuovere investimenti nella ricerca, nella scuola pubblica e nell'Università, con introduzione del merito come parametro premiale. Considerare la libertà di espressione come presupposto per l'affermarsi delle libertà individuali.

- Un PD strutturato in modo federale, presente su tutto il territorio nazionale e meglio organizzato a livello regionale, dovrebbe impegnarsi per il raggiungimento di questi obiettivi. Servono, concretezza, ascolto dei bisogni delle persone, rinnovamento completo a tutti i livelli. Se avrete coraggio...noi non vi abbandoneremo!


Buon lavoro!

TAG:  TRASPARENZA  MORALITÀ  REGOLE  EQUITÀ FISCALE  RIFORME  CULTURA  PD FEDERALE 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
commento di Andrea Esausto inviato il 23 aprile 2010
Ciao a tutti e tutte. Per chi è a Roma o ha la possibilità ed il tempo di venirci, vi segnalo un incontro, promosso dal Pd di Roma e aperto alla cittadinanza, per parlare di Roma, dei suoi problemi, delle possibili proposte alternative. Venerdì 23 aprile alle ore 16 e sabato 24 aprile dalle 9 alle 17, Sala Umberto, Via della Mercede 50 (Piazza S. Silvestro). Grazie a tutti. Un saluto
commento di Andrea Esausto inviato il 19 aprile 2010
Sarebbe il caso, visto ciò che sta succedendo nel PDL, che il PD si desse una fortissima scossa ed avanzasse con forza, unità (eh, magari!) e chiarezza, un programma ALTERNATIVO, incentrato sulle condizioni dei lavoratori, dell'economia, sbugiardando il Governo, con una campagna a tappeto in tutto il Paese. Niente salvagenti tirati all'avversario, niente strizzatine d'occhio. Però questi dirigenti, se noi ci ritiriamo nel mugugno, nella delusione e nella rassegnazione, continueranno a fare il comodo loro e a farci sprofondare ancora di più. Iscriviamoci in tanti, andiamo nei circoli, portiamo le nostre idee e proviamo a contendere il partito. P.S. : come funzionano i vostri circoli di appartenenza? Sono aperti? Vi coinvolgono? Si organizzano incontri e/o iniziative? Un saluto a tutti
commento di redazionepd inviato il 16 aprile 2010
Volevamo segnalarvi che Bersani, ha pubblicato su www.pdnetwork.it un messaggio per rispondere a voi che avete realizzato in queste settimane delle sintesi delle opinioni sull'esito delle regionali e suggerimenti per l'attività del PD. Il post anticipa i temi che tratterà la relazione del segretario nella Direzione Nazionale. Commentatelo qui http://partitodemocratico.gruppi.ilcannocchiale.it/?t=post&pid=2473943
commento di car me lo inviato il 16 aprile 2010
la picchia nessuno è obbligato a leggere i post.
Io li rovo interessanti perchè quì ci sono tanti poveri illusi, ci sono tanti fessi come me, ci sono tanti incazzati, ci sono tanti delusi, ci sono quelli che ci sfottono, ci sono quelli che ci marciano, ci sono quelli che ci credono, ci sono gli alti i bassi i forti i deboli e........ via dicendo.
Cosa credi che abbiamo la bacchetta magica, se vai in giro per la tua città che cosa trovi, che gente trovi la differenza è che qui' dentro c'è gente di tante città, tanti paesi, del nord, del centro e del sud. Ci vuoi stare ci stai se preferisci altro ok. ops Bersani, hai visto, ci ha letto.
firmato
I poveretti allo sbaraglio.
commento di Anpo inviato il 16 aprile 2010
E ci risiamo di nuovo. Il decreto salvaliste, come il conflitto di interessi, da vergona del Governo diventa vergona del Pd.
Chiedo scusa ma qualcuno conosce quante liste hanno beneficiato della salvezza degli effetti?
Io ho trovato non senza difficoltà solo il caso dei Verdi e solo nella città di Imperia ma mi pare un pò poco per dare la croce addosso al Pd per un decreto nato solo per gli interessi di bottega del PDL e poi decaduto perchè il lieto fine si era consuamto Lazio e Lombardia erano passate a destra.
commento di Anpo inviato il 16 aprile 2010
Mannaggia il link è scomparso che sfiga.
Comunque grazie a te cilloider per aver concordato con me sul post di lancilotto che Zaia, contrario alla RU 486, è un incivile :)
Anche se da buon alleato di Berlusconi ha già fatto una mezza piroetta sul tema.

commento di Andrea Esausto inviato il 16 aprile 2010
Ecco, appunto! Il voto di quasi tutto il PD (mi risultano i voti contrari di Furio Colombo ed Ileana Argentin) alla "leggina" che mantiene gli effetti dell'indecente DECRETO SALVALISTE mi pare un messaggio forte e chiaro inviato dal gruppo parlamentare del partito a noi fessacchiotti (credono loro) che ancora credono nel progetto del PD (non nella sua attuale classe dirigente). Le priorità del PD non sono la crisi, il lavoro, la legalità, un nuovo modello socio-economico, la formazione, le carceri affollate, ecc. La priorità è sempre e solo una : mettere un comodo sellino sotto il sedere del Presidente del Consiglio. Grazie a loro lo sarà ancora per vent'anni. Da cittadino, elettore (non è scontato) e da iscritto dirò la mia e cercherò di fare, nel mio piccolo, qualcosa per uscire da questo incubo (rinnoverò la tessera eccome, dovremmo iscriverci in massa e contendere il partito a questa gente, altro che disillusione, astensionismo o grillismi vari).
commento di cilloider inviato il 16 aprile 2010
Il Pd è impotente...

Anche se può "battere" la maggioranza in parlamento..........questo non ha importanza alcuna............il parlamento e deligittimato dalla televisione..e dai giornali.

Il Pd sarà sempre costretto a questi "giochetti" finchè non trova un'identità chiara.

Non è appoggio al governo ......qui siamo di fronte alla più esemplare manifestazione di decadenza politica e degli organi istituzionali.

Il Pd ha molte colpe.........ma oggi non poteva fare altrimenti!
commento di cilloider inviato il 16 aprile 2010
Ha ragione Berlusconi!

Se hai consenso puoi fare qualsiasi cosa in barba ad ogni regola.

Inutile affermare una cosa diversa.

commento di cilloider inviato il 16 aprile 2010
"Un nostro emendamento ha fatto decadere il pasticciato decreto ‘salva liste’. Battendo la maggioranza e il governo abbiamo evitato uno scasso senza precedenti delle regole costituzionali: le leggi elettorali non possono essere cambiate per decreto, per di più a competizione aperta. Ciò nonostante abbiamo votato a favore del disegno di legge che salva gli effetti del decreto poiché riteniamo che la volontà popolare che si è espressa liberamente il 28 e il 29 marzo debba essere garantita e non possa essere messa in discussione dall'irresponsabilità della maggioranza che ha voluto fare un decreto, ma che non l'ha saputo convertire."

Intervento e comunicato di Gianclaudio Bressa
commento di franco4657 inviato il 16 aprile 2010
Il gruppo dirigente del PD, alla luce di:

evidente incapacità ad approfittare della inusuale debolezza del PDL
evidente incapacità di interpretare i numeri, nient'altro che numeri, della sconfitta elettorale
evidente incapacità di fare opposizione (abbiamo lasciato al solo FINI l'intelligenza politica)

deve, dico DEVE, andare a casa e smettere di rubare braccia all'agricoltura.

Largo alle nuove leve che, peggio di questa massa si incompetenti, non voglio ancora credere che siano COMPLICI, non possono senz'altro fare.

p.s.: i nostri Grandi Padri del PCI che sono nell'aldilà...si stanno rivoltando nella tomba.
commento di Patrizia16 inviato il 16 aprile 2010
Vorrei sapere che senso ha per il PD votare un emendamento per far decadere il SALVA-LISTE un giorno, il giorno dopo votare a favore per sostanzialmente riammetterlo, sono sempre più felice di aver votato DiPietro alle europee e alle regionali, perchè è sempre più evidente che il PD non è che non sa fare opposizione, MA NON VUOLE, e fa di tutto per sostenere e puntellare la maggioranza in un modo che sta diventando PLATEALE, solo chi non vede e non sente può non capire, ovunque si guardi è INCIUCIO chiaro come il sole!!!! Aggiungo che i contorcimenti da attuare per poter intervenire in questo pd network sembrano fatti apposta per scoraggiare gli interventi, per cortesia fate sapere con chiarezza come fare per togliersi da qui, da questo vecchiume !!!
commento di ErlKoniG inviato il 16 aprile 2010
Affaire Decreto Salvaliste, il governo battuto incassa in 24 ore l'appoggio del PD per quel che riguarda l'ennesimo attacco alle istituzioni, che per una volta era stato sventato con un'azione di opposizione... ma dove non arriva il PDL ecco l'accorrere del PD a mettere a posto i problemi.

... a proposito di messaggi al paese eccone appunto un'altro di chiaro appoggio al governo Berlusconi.

Ah! Se qualcuno vuole ancora rendersi ridicolo a sostenere il contrario (che il PD non stia appoggiando il governo Berlusconi) si accomodi pure. E si vergogni anche un po'.

Salutiamo un altro milioncino di voti.

Una volta o l'altra mi metterò a fare una lista di tutte queste maialate del PD a favore del Berlusca.
commento di viola16 inviato il 16 aprile 2010
grazie alex naturalmente i miei desideri non si limitano solo a quell'elenco,ma basterebbe, per cominciare...

anpo anche a me interesserebbe sapere i motivi del silenzio sulla vicenda poolverini:il Fatto Quotidiano e' riuscito a farle ammettere le irregolarita' nella sua dichiarazione dei redditi,che naturalmente lei ha attribuito a commercialisti,notai ..basterebbe poco per smontare tutto suppongo,cosi' come le agevolazioni ottenute per l'acquisto di immobili ...una sindacalista di una piccola organizz sindacale che a 20 anni era povera in canna.....un esempio!!!
commento di pinocc inviato il 16 aprile 2010
sono d'accordo con Akritz,
aggiungerei riforma elettorale tipo tedesco, questa legge elettorale attuale fa schifo ed e' antidemocratica
commento di malagigi inviato il 16 aprile 2010
Nella tua sintesi, cara Cristina, inserisci che il Pd deve impegnarsi per una politica dei trasporti in linea con il futuro.
La autostrada Salerno Reggio Calabria sta al futuro, come l'impresa di Garibaldi stava alla unificazione dell'Italia nel secolo decimonono.
commento di cilloider inviato il 16 aprile 2010
"P.S. a parte che la Serracchiani è romana ma se si mettesse a parlare con un prosciutto mi preoccuperei :)"

Grazie Anpo che me lo hai ricordato...questo spiega tutto!

Ovvero la giuovane Serracchiani è solo un'appendice dell'establishment del Pd..non può nemmeno confrontarsi con un Cota o con un Zaia!

Per i dati...ora non posso darti il link...dato che è scomparso......
Perchè il Veneto vota Zaia???

E per chi dovrebbe votare?

ZAIA A "LA PROVA DEL CUOCO" - RAI1 - 17 dicembre 2009 from LUCA ZAIA on Vimeo.



commento di Anpo inviato il 16 aprile 2010
Più sintetici di così: spesso stanno zitti :)
comunque a parte gli scherzi sono d'accordo con le proposte di cristina. Soprattutto la rinuncia ai privilegi della Casta si fa, come hanno confermato i consiglieri eletti nelle liste di Grillo, in 5 minuti basta volerlo. Finchè non si farà questo la credibilità del Pd resterà inchiodata vicino allo zero


Per cilloider
Forse è perchè Zaia ha fatto 200 incontri (poi mi farai sapere dove prendi questi dati perchè interessano anche a me)che si è sottratto a qualunque confronto con Bortolussi (complimenti molto democratico).
Per il resto viste le sue uscite sull'immigrazione, visto che i redditi delle aziende agricole nel 2010 sono calate del 25% aspetterei ad incensarlo.
Anche se a livello umano è encomiabile il suo senso civico per aver salvato un cittadino albanese intrappolato in un auto in fiamme nel 2006

P.S. a parte che la Serracchiani è romana ma se si mettesse a parlare con un prosciutto mi preoccuperei :)
commento di arkritz inviato il 16 aprile 2010
Il PD deve smettere di rincorrere e rispondere a tutte le fantasie di Berlusconi e deve dare un messaggio chiaro e forte su quello che fara quando sarà al Governo.
Ad esempio:
abolire tutte le leggi ad personam
rifinanziare congruamente la scuola pubblica
per la scuola privata applicare l'art.33 della costituzione " Enti e privati hanno il diritto di istituire scuole ed istituti di educazione, senza oneri per lo Stato".
abolizione della legge 30 sul lavoro e ridefinirla in modo tale che il ricorso al lavoro a tempo indeterminato sia minimo e che questi lavoratori abbiano accesso ai diritti ed alle tutele di tutti i lavoratori.
abolizione delle province ed accorpamento di piccoli comuni
la gestione dell'acqua deve rimanere pubblica
tassazione delle rendite con aliquote pari alla media europea
diminuzione delle tasse su lavoro e pensione per redditi inferiori a 40.000 euro
lotta dura all'evasione fiscale per piccoli e grandi evasori
piano di ritiro di tutti i contingenti impegnati in pseudo missioni di pace
ecc. ecc.
insomma il PD deve dimostrare che è diverso e veramente alternativo e ripeterlo fino alla nausea.
commento di cilloider inviato il 16 aprile 2010
"Zaia pur sapendo di vincere con facilità ha fatto 200 incontri pubblici ed ha accolto 500 persone SINGOLARMENTE in 20 giorni nel suo studio."

Quale messaggio deve dare il Pd al paese?

IMPEGNO!
commento di cilloider inviato il 16 aprile 2010
Zaia è giovane (classe 1968...due anni in più della giuovane ed impacciata Serracchiani), rampante e mi dispiace dirlo davvero capace.
Ottima la cura della sua immagine...i produttori vinicoli veneti sono fieri di aver votato Zaia!! (FIERI) e hanno ragione.
La Serracchiani davanti ad un prosciutto S.Daniele non saprebbe che dire.
Eppure Vino in Veneto e S.daniele in Friuli significano economia, posti di lavoro, identificazione e lasciatemelo dire lustro internazionale.

Buona giornata!
commento di cilloider inviato il 16 aprile 2010
Personalmente penso che la Lega, ancora di più del PDL e del suo Capo supremo, siano una vera emergenza sociale e politica."

Anche io!
Perchè sono un partito e non una coalizione formata attorno al "carisma" di una persona o personalità..
Sono più scaltri dei loro alleati...in pubblico usano un linguaggio da bettola...tra di loro fanno sofisticati giochini di sottobosco.
La Lega è un partito esperto..molto esperto.
Il Pd ora come ora non è nemmeno una pallida opposizione alla Lega.
I propositi popolari e/o populisti della Lega sono chiari, lampanti...e possono chiaramente trovare consenso...gli altri propositi sono oscuri ai più...non permeano il tessuto popolar/politico.
Mi misi a ridere quella volta del "carro armato" in Piazza San Marco!
(abili comunque...io a Venezia non sono mai riuscito a far spedire un pacco da 10kg)
Ora non rido...Cota è giovane e rampante..e sicuramente migliore di qualunque suo alleato pidellino...Zaia pur sapendo di vincere con facilità ha fatto 200 incontri pubblici ed ha accolto 500 persone SINGOLARMENTE in 20 giorni nel suo studio.
Il Pd è lontano ...lontanissimo da questi numeri.....
Pensate che nel Network nazionale non viene nessuno!
Questo partito non può nemmeno confrontarsi con la Lega.
Altro che Pd federale...
Questo è preoccupante...la Lega è un virus letale che ha trovato nel Berlusconismo l'ospite con cui affacciarsi oltre Po.
il Pd questo non solo NON lo ha capito, ma non intende nemmeno tenerlo in considerazione.
Caro Pier ...non è il carroccio che tiene la sedia all'imperatore....i tempi sono cambiato caro mio...l'imperatore sta patteggiando la propria vita politica con i barbari...è quasi un fantoccio oramai....pur avendo un potere mediatico fuori da qualsiasi limite.
Dopo aver visto la conduzione di questa campagna elettorale da parte del Pd...posso dire che NON VI E' SPERANZA ALCUNA!

commento di alexbellotti inviato il 16 aprile 2010
Per essere ancora più precisi, cara viola, occorre dire che un parlamentare italiano costa circa a noi cittadini 1,5 milioni di euro all'anno contro i circa 800.000 euro di un parlamentare tedesco o francese.
Un parlamentare spagnolo 10 volte meno...
Ma voglio che i nostri beneamati polici se la godano...
Quindi, con le proporzioni già espresse, un parlamentare italiano DEVE costare 500.000 Euro.
Solo con questi costi, del tutto congruenti con lo status del cittadino italiano, si risparmierebbero, solo a livello di Parlamento italiano, 1 miliardo di euro all'anno.
Ovviamente estendendo questi semplici adeguamenti alle regioni e ai comuni (le provincie DEVONO essere eliminate) quanti miliardi di euro si potrebbero riparmiare in Italia ? Da un rapido conteggio almeno 4 o 5.
Che sono molto ma molto di più di quanto si è speso per gli ammortizzatori sociali in questo anno e mezzo di crisi.
Quindi, cari amici, i nostri 'politici' equiparando i costi della politica italiana a quelli della politica tedesca, in 10 anni, potrebbero dare un contributo essenziale alla crescita del paese.
Vorrei che tutti gli elettori italiani fossero a conoscenza di questi dati (peraltro inconfutabili..) per poter incidere, indipendentemente dalla fede politica, sui propri 'rappresentanti'.
L'unico segnale pervenuto è stato quello dei rappresentanti del Movimento a 5 stelle di Beppe Grillo: stipendio a 2.500 Euro netti mensili, anche meno di quello che ho calcolato prima.
Questo adeguamento di costi DEVE essere la prima proposta seria del PD.
Di fronte a questi dati non ci può essere trattativa.
commento di Andrea Esausto inviato il 16 aprile 2010
Ieri sera il Tg3 ha dato la notizia dell'aumento della pressione fiscale dal 42,9% del 2008 al 43,2% del 2009. Credo sia un ottimo argomento per fare opposizione. Altra vicenda sulla quale non farei cadere il silenzio é quella vergognosa di alcuni genitori della scuola di Adro (Brescia), soprattutto giovani mamme (riflettiamo su dove stiamo precipitando e per favore, smontiamo il mito delle donne sempre migliori degli uomini) che hanno protestato contro l'anonimo imprenditore (ex povero)che si è offerto di pagare la mensa (il diritto dei bambini al cibo) al posto di genitori in difficoltà perché travolti dalla crisi (che c'é eccome), disoccupati o in cassa integrazione. Al netto dei furbetti (ma non dimentichiamo i furboni delle truffe miliardarie e degli appalti truccati, degli affari con le mafie), la protesta di quei genitori è rigonfia di razzismo, perfidia e distorto senso della "giustizia". Per finire vorrei che il PD del Lazio facesse una battaglia limpida e dura sulle mirabolanti imprese immobiliari della neo Presidente della Regione, Renata Polverini e del primo di un lunga serie di contropartite che dovrà elargire (a spese nostre) ai suoi grandi ellettori. Vicenda Zaccheo - Striscia la notizia - Fazzone - figlie di Zaccheo. Volete ancora ciarlare di sistemi elettorali e riforme con gli scassatori della Costituzione, dello Stato di Diritto e della convivenza civile?
commento di viola16 inviato il 16 aprile 2010


messaggio da dare al paese? la prima parola che mi e' venuta i n mente e' stata coerenza:le persone hanno bisogno di certezze,possono non conoscere il significato di istituzione ma devono essere sicuri che chi le rappresenta conosce i loro problemi e cerca di risolverli.

la cancellazione delle province era parte del programma elettorale,e vinte o no le elezioni deve rimanere nel programma del pd e non mi si venga a raccontare che non si puo' fare se non rimettendo in discussione tutto l'ordinamento,perche' allora avrebbero dovuto dircelo prima. una boutade elettorale? eh no cosi' non va..
commento di viola16 inviato il 16 aprile 2010

si parli dell'abolizione delle province che tutti avevano dato per certo in campagna elettorale:argomento scomparso,e chissa' perche' quando sento proclami su riforme istituzionali,presidenzialismo ho l'impresssione che lo si faccia per parlare d'altro,e mi sento presa in giro.

commento di viola16 inviato il 16 aprile 2010
grazie alex,

vista la facilita' con cui si possono fare i conti direi che potremmo preparare noi la busta paga per i nostri rappresentanti.
commento di alexbellotti inviato il 16 aprile 2010
Cara viola
Per quanto riguarda lo stipendio dei parlamentari e dei vari presidenti di regione, assessori etc.. rinnovo la mia proposta per il calcolo della retribuzione. Il meccanismo di calcolo è molto semplice.
Si prenda come riferimento ad esempio lo stipendio di un deputato tedesco. Questo e circa la metà di un deputato tedesco.
Le retribuzioni medie da lavoro dipendente, in Germania, sono circa il 60% in più di quelle italiane.
Uno stipendio equo di un parlamentare italiano è quindi il 60% dello stipendio di un parlamentare tedesco. Questo, ovviamente, comprendendo tutti i trattamenti (benefit, sconti vari, auto blu..)di favore che anche un deputato tedesco ha.
Questo è un meccanismo semplice da attuare ed è quello più favorevole per i nostri parlamentari.
Facendo lo stesso calcolo utilizzando le medie europee (stipendi parlamentari e lavoratori dipendenti) i parlamentari italiani sarebbero ancora più penalizzati.
commento di nonnapapera inviato il 16 aprile 2010
Tre anni sono tanti, potrebbero essere meno, ma per i tempi del nostro PD sono persino pochi, alle prossime elezioni. Riassumendo la situazione attuale mi sembra che a fronte di una grande rabbia, delusioni, amarezza e di sollecitazioni non ci sia alcun interesse a modificare alcunchè nella strategia di partito. Da dove veniamo (se ne sono perse le tracce ) dove siamo (nel porto delle nebbie, assolutamente fermi)dove andiamo (da nessuna parte perchè ci manca la bussola) allora che facciamo? Penso che dobbiamo tirare diritti per la strada che abbiamo tracciato. A Cristina proporrei di affrontare un tema alla volta, guardando alle soluzioni anche ad altri paesi) Non voglio esaurire tutte le mie risorse parlando di Berlusconi e dei problemi del centrodestra. Perchè qualsiasi cosa succeda (Berlusconi non è eterno) io voglio essere pronta per un'alternativa culturale, ma soprattutto pragmatica: proposta, mezzi, tempi.

commento di viola16 inviato il 16 aprile 2010
io vi leggo volentieri,sono arrivata al network per capire finalmente attraverso altre persone che lo votano o lo hanno votato che cosa fosse questo partito e devo dire che ho imparato molto,soprattutto grazie ad alcuni di voi.

frapem in modo duro mi sollecita ad una proposta per impedire il ladrocinio in questo paese:io non ho proposte,ho desideri,e sono INTRANSIGENTE!!

voglio che da domani si dicano cose che parlino a tutti, che tutti capiscano,diminuzione degli stipendi dei parlamentari,diminuzione del numero dei parlamentari,creare situazioni di controllo e di trasparenza sulla gestione dei soldi pubblici, equita' fiscale,nel frattempo si discuta pure su presidenzialismo,semipresidenz.etc,ma per favore si rompa questo assordante silenzio,questo comportamento offensivo!!!!
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
22 febbraio 2008
attivita' nel PDnetwork