.
contributo inviato da amphioxus il 7 aprile 2010

Link  dove reperire altre proposte

clicca qui

Ci stiamo impegnando per il lavoro

6 marzo 2010

-5% del Pil nel 2009, pressione fiscale del 43% e un alto tasso di disoccupazione ora pari al 8,6%. In una parola crisi economica. Nonostante le bugie diffuse dal governo, i dati parlano chiaro: l’Italia è un paese in ginocchio, costellato da fabbriche prossime alla chiusura, da piccole e medie imprese al collasso, da disoccupati, lavoratori precari e in cassa integrazione. È a questo mondo dimenticato dal governo mediatico che il Partito democratico si rivolge. E’ questa che la battaglia che il PD ha deciso di portare avanti in parlamento e sul territorio, con proposte concrete.


Per oltre un milione di persone che ha perso il lavoro, e centinaia di migliaia che non hanno alcun sussidio di disoccupazione, il Pd propone un sostegno per tutti i lavoratori precari sprovvisti di copertura assicurativa.



Per le famiglie che non arrivano a fine mese e i negozi, le piccole imprese e gli studi professionali che continuano a chiudere. Il Pd propone di ridurre le imposte sui redditi da lavoro e sulle pensioni medie e basse.



Per gli Enti Locali, lasciati soli dal governo ad affrontare gli interventi emergenziali per il lavoro e per le imprese,il Pd chiede di allentare i vincoli di spesa per investimenti di Comuni e Province per far partire i progetti immediatamente cantierabili e stimolare l’occupazione.


Il governo ha bloccato gli investimenti delle imprese nel Mezzogiorno e per le spese in ricerca e sviluppo, il Pd propone di rimuovere i limiti introdotti alle agevolazioni fiscali, favorire l’accesso al credito e sbloccare il pagamento delle pubbliche amministrazioni alle imprese.



Inoltre proprio perché il lavoro, come ribadito dal segretario Bersani, è la nostra priorità, ma soprattutto quella del paese, il PD ha propone:


• Sostegno fiscale ai contratti di solidarietà per integrare la retribuzione; riforma del sostegno al reddito e della formazione:



• introduzione dell’assegno di disoccupazione per lavoratori parasubordinati ed autonomi;



• generalizzazione e riordino della cassa integrazione per tutti i casi di sospensione temporanea dei rapporti di lavoro;



• graduale introduzione del contratto unico d’ingresso al lavoro ed allineamento degli oneri contributivi per tutte le tipologie contrattuali.




Anche nei mesi passati il Pd si è schierato al fianco dei lavoratori più penalizzati dalla crisi, a cominciare dai dipendenti ex Eutelia , Alcoa, e di tutti quelli che sempre più spesso sono dovuti salire sui tetti per rivendicare un proprio diritto. Alla riapertura delle camere, dopo la pausa natalizia, il segretario PD Pier Luigi Bersani è stato il promotore e primo firmatario di un progetto di legge ad hoc, un fondo che anticipa gli stipendi dovuti a lavoratori che si trovino in questa situazione. Pensato per i casi in cui non ci siano ancora le condizioni giuridiche per poter attivare strumenti come la cassa integrazione o l’anticipo del tfr, il fondo di garanzia, da istituire presso il Ministero del lavoro, anticiperebbe i crediti maturati dai lavoratori in caso di insolvenza dell’impresa nel pagamento delle retribuzioni. Potranno accedervi, facendo domanda, coloro che non percepiscono lo stipendio da almeno 4 mesi e che non godono di alcun beneficio.


Il progetto di legge, presentato in occasione del ddl Milleproroghe, non fu accolto dal governo che due mesi fa, come oggi, preferì incrociare le braccia e fare orecchie da mercante di fronte alle disperate richieste di aiuto di migliaia di lavoratori.




In occasione della Finanziaria 2010, il PD ha condotto una battaglia parlamentare finalizzata all’approvazione di emendamenti che si rivolgevano al mondo del lavoro, alle famiglie, alla green economy e agli Enti locali. Per quanto riguarda il lavoro si proponeva:


• Riconoscimento su base universalistica dei trattamenti di disoccupazione;


• Estensione dei trattamenti di cassa integrazione guadagni ordinaria;


• Estensione della durata dei trattamenti di cassa integrazioni guadagni ordinaria


• Raddoppio delle risorse per i rinnovi contrattuali


Dal governo è arrivato il solito ritornello: non ci sono soldi. Ma la compagnia di Tremonti non si è limitata a ignorare le esigenze dei lavoratori, ha addirittura messo le mani sui fondi per il Tfr e li ha dirottati sui progetti più svariati.

TAG:  LAVORO  PROPOSTE PD 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
commento di no-rating inviato il 8 aprile 2010
in effetti...
Fosse basta servito a prendere qualche voto!
Non siamo proprio capaci a fare demagogia.
Per quel che mi riguarda BOCCIATI SU TUTTA LA LINEA!
commento di Pino1954 inviato il 8 aprile 2010
Gentili frequentatori del PDnetwork, posso dire che a me questo comunicato non trasmette nulla di positivo ? Mio malgrado devo infatti dire che trovo alcuni pesanti difetti in questo comunicato.

1)il tono propagandistico e la forma comunicativa generica che non suscitano in me alcun tipo di reazione positiva. Ad esempio,possiamo definire meglio quali sono le famiglie "che non arrivano a fine mese" , magari rinunciando a questa forma un pò lamentosa del tipo "disperate richieste di aiuto di migliaia di lavoratori?" Mi evocanol'idea di espressioni usate ad arte per amplificare a proprio uso e consumo il concetto "siamo in una crisi drammatica e il governo se ne frega" piu' che per reale senso di comprensione e vicinanza con gli sfortunati che vi sono coinvolti.
2) salvo un paio di eccezioni (sblocco dei limiti di spesa dei comuni e un vago accenno alle spese di ricerca a sviluppo) molte delle proposte sono meri interventi di tamponamento dell'emergenza, per quanto doverose e sacrosante per non lasciare morire di fame la gente. CI STIAMO IMPEGNANDO PER IL LAVORO : ok. E allora qualche idea per rilanciare l'economia e crearlo questo benedetto lavoro, la vogliamo esprimere ? Ho sentito esporre da Bersani delle idee sull'argomento che condivido (ad esempio puntare sulla Green Economy) ma qui non si propone alcun tipo di attivazione di iniziative di quel tipo ne di altro tipo.
3) Infine (e molto grave) nessun accenno, nemmeno di principio , a come si finanziano gli iterventi di sostegno proposti. E questo toglie credibilità all'intero impianto del documento.

Non amo molto essere negativo ma.....
commento di matteo.g.k. inviato il 8 aprile 2010
Quindi, il PD propone cose giustissime, e ci mancherebbe!
Ma questi sono temi (lavoro e ammortizzatori) che soffrono di mali endemici, cioe' mali che esistono da lungo tempo, e cosa ha FATTO il PD quando era al Governo di queste "proposte" nobilissime qui elencate?
Si e' sbrigato a farne delle leggi? Si?
Lo avrei tanto voluto, lo dico con le lacrime agli occhi, perdonatemi....

Non so, non capisco, non capisco piu', davvero non capisco di che cosa parliamo, e perche' parliamo...... cosa FA il Pd, cosa FA davvero....
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
4 marzo 2008
attivita' nel PDnetwork