.
contributo inviato da CondizioniAlContorno il 30 marzo 2010

 Mi sembra che molti di noi qui chiedono chiarezza ai dirigenti, ma a mio avviso dovrebbero essere loro a chiarire a se stessi se pensano ad un PD partito di massa o ad un partito di elite. I temi (che condivido) che si dibattono interessano diverse minoranze, che tra l'altro non si mettono nemmeno insieme...

Attenzione: premetto che ritengo Vendola un grande, e che se fossi abitante della Puglia lo avrei votato. La sua forza sta nel fatto che "buca" il teleschermo e le piazze. L'unione di ideali forti con il fare e fare bene sono sempre "competitivi". Volete mettere in confronto al sonnifero degli altri nostri leader? Troppo cervellotici, tante parole, pochi fatti.     Tuttavia può non bastare!
Per esempio: VENDOLA ha vinto, ma se UDC si fosse alleata con il PDL? Temo di sospettare come sarebbe finita. Soprattutto mettiamo la situazione in una campagna elettorale nazionale... Berlusconi se lo sarebbe ingoiato. Ed è quello che accadrà nel 2013... la forza che metterà in campo B. sarà proporzionale al rischio di perdere. Se sarà relativamente tranquillo farà il "gentiluomo" (ammesso che sappia cosa significhi), se invece si sentirà in pericolo, l'invasione mediatica sarà micidiale. Preparatevi e chiedete anche voi ai nostri dirigenti di fare quel poco che ancora si può per poter condurre una campagna elettorale in condizioni più equilibrate!
Non scherziamo, altrimenti avremo sempre amare sorprese!

TAG:   

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
16 febbraio 2010
attivita' nel PDnetwork