.
contributo inviato da intpress2 il 22 marzo 2010

Molto denaro pubblico,poca energia
Il fallimento del fotovoltaico e dell'eolico in Germania.  Rapporto integrale dell'RWI

Abstract:  Il fascino di una fonte più rispettose dell'ambiente, abbondante e a basso costo ha portato un numero crescente di paesi industrializzati a sostenere con un finanziamento pubblico le energie rinnovabili, solare e eolico. L'esperienza della Germania  in questo campo è spesso citata come un modello da replicare altrove, essendo basata su una combinazione di misure che risalgono a quasi due decenni. Uno studio della
 Rhineland-Westphalia Institute for Economic Research (RWI) di Essen, Economic Impacts from the Promotion of Renewable Energy Technologies, The German Experience, ha riletto criticamente l'efficacia di queste misure, incentivi basati su pagamento a privati di forniture elettriche prodotte da impianti fotovoltaici o eolici, Act (EEG), concentrandosi sui suoi costi ed effetti: la creazione di posti di lavoro, lo stimolo all'economia, la protezione del clima. Il rapporto mostra che a fronte di una massiccia spesa pubblica i risultati  conseguiti sono stati molto modesti, sia sul fronte occupazionale, sia su quello economico e ambientale.  Pertanto, anche se la politica tedesca di promozione delle energie rinnovabili è comunemente presentata dai media come un "fulgido esempio per il mondo "(The Guardian 2007), l'esperienza del paese mostra che è vero il contrario.
Altri governi europei prima di emulare la Germania nel varare politiche di promozione delle energie rinnovabili dovrebbero esaminare attentamente il
rapporto della RWI che qui presentiamo integralmente (pdf), è valutare fino a quale misura sia possibile sostenere finanziariamente, con denaro pubblico, fonti energetiche che non potrebbero competere sul mercato in assenza di tale sostegno.

TAG:  EOLICO  FOTOVOLTAICO  ENERGIE RINNOVABILI  ENERGIA SOLARE  ENERGIA EOLICA 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
17 marzo 2009
attivita' nel PDnetwork