.
contributo inviato da pbagatin il 25 febbraio 2010
Non occorre essere Aldo Grasso del Corriere della sera per bocciare l'apparizione televisiva di Bersani a Ballarò.
Il tono dimesso,il continuo scuotere la testa ad ogni affermazione roboante dei due "ringhiosi" esponenti della destra non servono proprio a nulla.
A proposito avrete notato quanto riposati e pimpanti fossero Scajola e Bocchino? Il primo abbronzato ed il secondo con la barba non rasata per avere un aspetto giovanile.
Non ci siamo proprio,abbiamo bisogno come il pane di maggiori dosi di "bastardezza" anche a sinistra.
Il colmo della sua disastrosa serata Bersani l'ha raggiunto quando si è lamentato del fatto che i terremotati aquilani avessero ricevuto lenzuola e pentolame uguali per tutti.Forse Pier Luigi da giovane ,oltre a spalare (meritoriamente) fango a Firenze 66,faceva l'alzatore in qualche squadretta di volley?
La schiacciata ssusseguente del duo di destra è stata televisivamente devastante per noi.
Almeno Franceschini sapeva tirare fuori qualche affermazione pesante nei dibattiti....non è sufficiente avere l'aspetto buonista e dopolavoristico per convincere l'elettorato (specie quello meno informato) a votarci.
Su Soru,poi...quanto a "bucare" il video apriti cielo!La persona più onesta del mondo che combatte a mani nude contro i kalashnikov della destra,non è possibile!
Urge trovare un capezzone anche dalle nostre parti.
Quanto al pavido Floris:basta con le ospitate della Todini,clarissimo esempio di imprenditoria familiare di seconda generazione.La solfa dell'elogio dei 3000 posti di lavoro e degli assurdi attacchi della magistratura (per connivenza con la mafia) all'impresa di famiglia ci hanno annoiati.
Almeno l'imprenditore edile fiorentino intervistato ad Annozero era sincero e spiazzante.
TAG:  BALLARÒ  BERSANI  SORU  SCAJOLA  BOCCHINO  FLORIS  TODINI 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
30 marzo 2009
attivita' nel PDnetwork