.
contributo inviato da MARABUT il 18 febbraio 2010

Credo che dobbiamo avere il coraggio di abbandonare gradualmente il concetto di automobile. 900 kilogrammi per spostarne 70: Al di fuori di ogni buon senso. Ogni anno, l'uso dei veicoli determina pesanti danni da inquinamentoatmosferico (oltre 15.000 morti), effetto serra (circa 117 milioni ditonnellate di CO2 immesse in atmosfera), incidenti (quasi 8.000morti), congestione (3 miliardi di ore perse, di cui oltre 2 inambitourbano). La costruzione di una singola autovetturacomporta: l'uso di circa 1,2 tonnellate di materiali (di cui circa685kg di acciaio, 117 di ghisa, 43 di alluminio, 8 di rame, 49 di vetro,105 di plastica, 35 di gomma, 57 di vernici, piu altri 70 kg circa tra batteria, pneumatici e liquidi vari); il prelievo di 103 metri cubi di acqua; l'emissione in atmosfera di piu di 4 tonnellate di CO2; FONTI:  Ufficio stampa Amici della Terra

Nessuna teoria economica fondata eticamente può pensare che questo sia sostenibile.

Vivo a 75 km da Roma. per arrivare al lavoro ogni mattina ci sono 15 km di coda che per mitigarne l'effetto è descritta" CODA A TRATTI). Impieghiamo fino a due ore e mezza. Non lo sentiamo da nessuna parte, neanche il CCiss la mattina lo evidenzia. Perchè?

L'DEA:  riconvertiamo lA produzione delle aziende automobilistiche in produzione di mezzi pubblici: in ogni città tutto lo spostamento è effettuato su mezzi pubblici che girano continuamente in ogni strada ed in ogni piazza. immaginiamo lo spostamento non più su mezzi privati ma su mezzi pubblici. questa è la sfida. Avete il coraggio di pensare questo?

Marco Orlandi

TAG:  RICONVERSIONE  MEZZI PUBBLICI  ETICA  LEGGI ECONOMICHE 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
21 febbraio 2008
attivita' nel PDnetwork