.
contributo inviato da team_realacci il 17 febbraio 2010
Roma, 17 febbraio 2010
  
“Il gravissimo incremento di denunce per corruzione e concussione nell’ultimo anno segnalato oggi dalla Corte dei Conti e l’invito ad un controllo reale anche nei confronti della Protezione civile rispetto all’abnorme uso di ordinanze legato all’organizzazione di grandi eventi, confermano tutte le ragioni della battaglia condotta dal Partito Democratico per difendere il sistema della Protezione Civile da una deriva pericolosa che rischia di travolgere una delle punte di eccellenza del nostro paese, frutto della collaborazione fra istituzioni e mondo del volontariato. Miliardi di euro in appalti per eventi straordinari come i Mondiali di nuoto, l’Expo 2015, la Conferenza episcopale del 2011 o la Luis Vuitton Cup, hanno poco a che vedere con le reali emergenze nelle quali il lavoro della Protezione civile e delle tante persone, volontari e non, che in esso operano si è dimostrato essenziale per la sicurezza dei cittadini e del territorio”, lo afferma Ermete Realacci (PD), commentando la denuncia lanciata oggi dalla Corte dei Conti.
“E’ comprensibile”, prosegue Realacci, “l’amarezza che traspare nella lunga lettera che Bertolaso oggi scrive alle donne e agli uomini che lavorano nella Protezione civile, ma è proprio per difendere il lavoro di queste persone dagli abusi, citando un passo della lettera, “di gente che ha lavorato in maniera disonesta”, bisogna rompere in modo netto e trasparente il legame che unisce la Protezione Civile di cui tutti gli italiani vanno fieri, e il sistema opaco di cui si è abusato in questi anni.”
 
Ufficio stampa On. Realacci
TAG:  PROTEZIONE CIVILE  CORRUZIONE  CONCUSSIONE  CORTE  CONTI  ORDINANZE  GRANDI EVENTI  APPALTI 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
26 gennaio 2009
attivita' nel PDnetwork