.
contributo inviato da verduccifrancesco il 10 febbraio 2010
E' stato siglato un accordo tra Regione lombardia e la Federazione italiana tabaccai (Fit) in merito ad una politica di collaborazione tra forze dell'ordine e cittadini che niente a a che fare con le cosiddette ronde.
L'accordo,  fatto su richiesta della categoria dei tabaccai soggetti a frequenti rapine, prevede corsi di formazione, da parte della polizia locale, per i gestori per far fronte a eventuali rapine senza incorrere in inconvenienti tipo sparatorie dove ci può scappare anche il morto.

E' evidente che la famosa legge sulle ronde non viene applicata neanche la dove la gestione pubblica è affidata a partiti della coalizione al governo e ciò è un ulteriore dimostrazione della discontinuità esistente tra l'attuale maggioranza e la società reale.
 
D'altronde, già a novembre si registrava un flop in tutta italia.

Il coinvolgimento dei cittadini in fatto di sicurezza non deve essere inteso come una richiesta da parte dello stato di delazione, ma come un modo più realistico di controllo del territorio. Credo che chiunque, di fronte ad un atto di delinquenza, tipo lo stupro, spaccio, furti e altro, senta la necessità di collaborare ma viene impedito proprio dalla mancanza di collegamento con le forze dell'ordine che dovrebbero impedire eventuali ritorsioni; questo lo si può evitare solo attraverso un contatto diretto tra cittadini e forze dell'ordine.
Inoltre, impedisce la possibilità, presente nelle ronde, del formarsi di gruppi che, attraverso le ronde, mirano ad altri obiettivi.
TAG:  RONDE  CITTADINI  POLIZIA  REGIONE LOMBARDIA 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
commento di cilloider inviato il 11 febbraio 2010
Caro Prof.Verducci...

Non posso non rilevare la quasi totale assenza di commenti ai Suoi post, e dispiacendomi per la cosa, La inviterei a fare post attinenti alla sua passata carica di Responsabile della "comunicazione internet" del Pd.

Vede caro professore, i suoi articoli sono interessanti e a volte anche contro corrente, ma credo sarebbe più proficuo per tutti i partecipanti di questo network sapere le ragioni delle sue dimissioni.

Grazie (e mi raccomando non me ne voglia, ma faccia più attenzione all'ortografia!).
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
10 marzo 2009
attivita' nel PDnetwork