.
contributo inviato da team_realacci il 15 gennaio 2010
REPUBBLICA FIRENZE VENERDÌ, 15 GENNAIO 2010
Pagina I - Firenze

La polemica

di MAURIZIO BOLOGNI

Ermete Realacci lancia l´allarme. Il governo smentisce. Ma intanto c´è apprensione dopo che il parlamentare del Pd ha rispolverato una vecchia mappa del nucleare in Italia, risalente al 1979, dicendosi certo che il governo deciderà dove costruire le centrali nucleari scegliendo tra i siti individuati più di 30 anni fa. E nella mappa c´è una fetta di Toscana, da cui il presidente in pectore della Regione Enrico Rossi ha detto di voler tenere lontano il nucleare. Dall´isola di Pianosa alla costa a nord di Piombino fino a Cecina, dall´area a sud di Piombino fino a Follonica, dalla costa di Grosseto con Montalto di Castro all´area a nord e a sud del Monte Argentario, ecco i luoghi dove - secondo Realacci - potrebbero sorgere le centrali nucleari.
«Non possiamo accettare che circolino elenchi di possibili siti nella nostra regione» dicono gli ecologisti democratici del Pd toscano. Gli Ecodem toscani sottolineano che l´Italia vorrebbe acquistare «4 ‘bidoni´ francesi Epr, di vecchia generazione» e ribadiscono che non saranno mai accettate «imposizioni dall´alto e nessun esproprio agli enti locali e alla Regione di ogni ruolo». Anche perché «quelle indicate sono tutte aree fortemente turistiche, popolate e con vincoli naturalistici».

TAG:  GOVERNO  ROSSI  REGIONALI  PIOMBINO  TOSCANA  SITI  NUCLEARE  CECINA  CENTRALI  PIANOSA  SAGLIA  QUESTION-TIME  CNEN 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
26 gennaio 2009
attivita' nel PDnetwork