.
contributo inviato da ermanno.l il 14 gennaio 2010

Ho letto con interesse un recente intervento su LinkedIn di un utente che ha aperto un blog descrivendo la propria esperienza con impiegati forse troppo aggressivi verso un contribuente che invece le tasse le ha pagate tutte davvero.

Se non mente, e pare da come si è esposto che non lo stia facendo, quanti altri innocenti sono stati triturati da questo meccanismo?

In effetti i piccoli professionisti (non intendo medici, avvocati e simili già troppo tutelati dai propri rispettivi Ordini professionali) quali strumenti hanno per evitare danni alla loro fiducia nello Stato e quindi alla loro volontà di contribuire alle sue spese comuni?

I più forti hanno altri strumenti, tra i quali consulenti fiscali migliori, adeguarsi agli Studi di Settore ed evadere impunemente (sì, in caso di adeguamento l'evasione di tutto l'eccedente è praticamente al sicuro da ogni accertamento), o condurre aziende con capitale superiore a quelli per cui sono applicati gli Studi di Settore, che possono fare risultare in perdita la società a fine anno o spostare capitali investendo liberamente in altre nazioni (senza contare a come questi ultimi hanno potuto aprofittare del recente scudo fiscale). Certo qui il fisco avrebbe da mordere bene, ma in questa categoria ci sono le persone che contano, quelli più potenti, quelli con gli amici politici (e non solo di destra).

TAG:  EVASIONE  STUDI DI SETTORE  FISCO  SENSO CIVICO  ADEGUAMENTO 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
14 gennaio 2010
attivita' nel PDnetwork