.
contributo inviato da LucaPat il 21 dicembre 2009

Leggo oggi sul siti web del Corriere della sera una notizia a mio avviso che segna la fina di un'epoca. Forse la vera fine della Prima Repubblica viziata e malata.

Il presidente della Camera Fini, a margine di un' evento ha detto parole importantissime, le più importanti che un politico italiano, soprattutto in un ruolo di responsabilità abbia a mio avviso mai detto.

Questo è il link:

http://www.corriere.it/politica/09_dicembre_21/fini-politica-criminalita_89d608ae-ee1f-11de-9127-00144f02aabc.shtml

"Aiutate voi la politica a migliorare non votando mai chi vi dice "dammi il voto e poi vedremo quello che posso fare": questo è un atteggiamento paramafioso".

Questo è ciò che abbiamo aspettato tanti anni, la politica al sud è sempre stata soprattutto clientela, in moltissime occasioni e in larghissima parte si è votato per avere in cambio favori. Io ho sempre pensato che questo è forse il maggiore problema italiano ( o uno dei due/tre maggiori problemi ), dato che ciò avviene in una area enorme del paese ( 25/30 %, sia dal punto di vista geografico che dal punto di vista della popolazione ). Ho visto, mi ha sempre fatto schifo un certo modo di fare "non-politica", è per questo  che da anni io faccio il militante nel partito che ho sempre pensato fosse portatore di queste battaglie: il mio è stato finora un credito enorme al partito dove ho militato e a lquale sono tuttora iscritto. Poi, Gianfranco Fini ha detto, in Sicilia, la cosa che avrei sempre voluto sentirmi dire da un politico. Devo dire che sono molto contento e soddisfatto. Che a me risulti, mai una dichiarazione, che centra il punto del problema, così forte e esplicita, così riformista, era stata fatta da un politico italiano di peso.

Confido che la Redazione metta in luce un evento così importante; confido che i dirigenti del PD esprimano ufficialmente apprezzamento per le parole di Fini, se non lo fanno, il problema è del PD.

Bravo Fini,

Luca.

 

 

TAG:  ANTIMAFIA  ITALIA 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
commento di LucaPat inviato il 22 dicembre 2009
( ... continuo ) Quindi il punto non è che Fini debba fare chiarezza in casa sua o in casa di altri, sappiamo tutti che accozaglia di delinquenti è stata Forza Italia nei vari livelli locali. Il punto è che una parola così chiara, impopolare perchè ripeto, in larghissima parte del paese si vota in cambio di favori, è venuta da destra, per me comunque è importantissima che sia venuta.
Ho addirittura appoggiato la mozione Bersani; nel frattempo da questo luogo, durante la sua campagna elettorale, a ogni contributo di Bersani postavo un mio commento/richiesta di dire una parola sulla malapolitica traffichina e clientelare meridionale; lui non ha mai fatto alcun cenno in questa direzione. E non poteva, basta vedere le maggioranza bulgare della sua mozione in Calabria e Campania.
I vertici del PD non hanno capito che c'è una generazione che non ha bisogno di favori, vuole parole chiare, efficienza e trasparenza, non sopporta accordi con l'Unione dei Condannati e Lombardo per due poltrone in più; ma, sinceramente, il problema è loro, di quelli che non hanno capito, il mondo va avanti.
commento di LucaPat inviato il 22 dicembre 2009
Ricordo bene le parole di Veltroni in Sicilia, in campagna elettorale, che mi hanno fatto emozionare, più o meno erano queste "...in questi giorni molti di voi, famiglie/gruppi mafiosi, si stanno organizzando, posizionando in riferimento a come infiltrarsi in chi vincerà le elezioni, noi a queste persone noi diciamo, non ci votate, perchè, se vinciamo, vi distruggeremo !"
Aggiungo che qualche anno prima Prodi andò in Calabria, poco proma era stato ammazzato Fortugno, a urlare "non vogliamo i vostri voti", sotto al palco c'erano i ragazzi con le magliette "Adesso ammazzateci tutti".
Quello era un grande Partito Democratico, un grande Ulivo.
Quelli erano dirigenti disposti a mandare a casa il 80% dei dirigenti locali delle regioni italiane sottosviluppate, compromessi per definizione perchè lì la politica è clientelismo per sua natura. Adesso questo 80% dei dirigenti locali ha vinto il congresso.
commento di versoest inviato il 22 dicembre 2009
Caro Luca, Fini ha espresso un'auspicio parlando alla serva perchè la padrona intenda, il PDL ha ottenuto risultati elettorali sorprendenti, malgrado si impossessi dei successi ottenuti dalle forze dell'ordine e dalla magistratura, proprio in zone d'Italia dove la connivenza tra politica/malavita/imprenditoria è più radicata, sarà un caso, ma certe inchieste della magistratura, se confermate, esculderebbero le coincidenze. Perciò, come per alcuni casi vergognosi che ci riguardano da vicino,il Presidente Fini deve prima di tutto guardare in casa sua, il PDL, poi potrà invitare, come rappresentante dell'Istituzione, tutti gli altri alla corretezza. La prima repubblica nella tradizione italiana si è trasformata nella aseconda e dal punto di vista della corruzione e della connivenza ha semplicemente aumentato le tariffe, consiglio Luca, al riguardo, di prendersi il tempo di elencare gli episodi di corruzione accertati nelle gare d'appalto pubbliche e paraprivate già accertate, figuriamoci il sommerso,per confrontarli con quelli della prima repubblica: che sorpresa!
commento di inviato il 21 dicembre 2009
Memoria corta,Luca Pat.Veltroni nella sua campagna elettorale si espresse a gran voce contro la mafia,e nessuno ci fece caso.Ora che lo dice Fini ,per te è un avvenimento
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
4 novembre 2008
attivita' nel PDnetwork