.
contributo inviato da Anpo il 16 dicembre 2009

Fra le moltelplice reazioni all'aggressione a Berlusconi si segnala (sempre int ema di violenza verbale) quello della Giovane Italia della provincia di Treviso, il movimento giovanile del Pdl. In un comunicato stampa diffuso stamattina, il coordinamento provinciale dei giovani berlusconiani accusa apertamente dipietristi e rifondaroli come partiti "che hanno come unico scopo l'inneggiare alla violenza e alla disobbedienza civile". Pertanto da cancellare attaverso "un intervento istituzionale molto forte che si traduca in una legge abolitiva". Il comunicato, scritto dal coordinatore Nicola Di Maio e il vice Fabio Maggio, continua con la richiesta di "sanzionare quei personaggi pubblici che fanno un uso criminoso della loro risonanza mediatica".

Antonello De Pierro, presidente dell'Italia dei Diritti, ha commentato così l'iniziativa: "Ci vuole una bella faccia tosta da parte della Giovane Italia di Treviso a lanciare proposte del genere, questo sempre se la proposta sia stata avanzata seriamente. Se, invece, si tratta solo di una manovra pubblicitaria per ottenere un pizzico di visibilità, allora ci facciamo una risata, anche se ai promotori vanno i complimenti per aver ottenuto il loro scopo. Ma, partendo dal presupposto di seriosità dell'iniziativa, la cosa mi preoccupa non poco. Nascendo poi il tutto in una provincia dove il PdL coesiste in alleanza con la Lega Nord, molto rappresentativa, la proposta assume i contorni del paradosso".

Spero che Pierro abbia ragione sul fatto che l'iniziativa sia un mera provocazione., perchè, in caso contrario, non so se mi fa più tristezza l'iniziativa (in sè anche assurda) o leggere un comunicato di una associaizone politica giovanile che si esprime pedisequamente come i propri leader nazionali.

 

 

 

 

 

TAG:  TEVISO  GIOVANE ITALIA  PDL  BERLUSOCNI  AGGRESSIONE  ITALIA DEI DIRITTI  POLITICA 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
commento di Yerle inviato il 17 dicembre 2009
Personalmente credo che buona parte del PD possa essere d'accordo con questa proposta...
commento di cristinasemino inviato il 17 dicembre 2009
Meno male che Rosy Bindi c'è......ed è pure presidente del PD, quindi lo rappresenta per intero. Non direi che lei stia zitta e quindi è tutto il PD a parlare tramite lei.
Quanto alle proposte dei sottoposti di b. non mi meraviglio: devono pur far vedere che esistono!
commento di laser149 inviato il 17 dicembre 2009
Perchè stupirsi tanto, d'altra parte nel PDL sono confluiti anche molti di coloro che fino a poco tempo fà erano fascisti, ergo una certa tendenza al VIZIETTO ci sarà pur rimasta.
Parlano sempre della violenza degli altri di cui è stato vittima il povero Silviuccio, ma, e mi ripeto ancora, la prima violenza l'ha fatta Berlusconi nel momento che è entrato in politica trascinandosi un enorme conflitto d'interessi e senza averlo mai sanato, come aveva promesso ( a parte il fatto che in paesi civili, PRIMA si deve sanare il conflitto POI si entra in politica ).
Tralasciamo il seguito della stora politica di Berlusconi che è tutta una violenza; quella della Lega ancora peggio ( le baionette, i mitra, i 300.000 pronti nelle valli, il mafioso di Arcore, Roma ladrona, i mafiosi di Bruxelles la bandiera=carta igienica ecc.... ).
Lo spettacolo è veramente indecoroso,e le repliche dei nostri rappresentanti, che non rammentano mai questi episodi passati, sono MOLTO MOLTO FLEBILI quasi rassegnate, mai combattivi come Di Pietro e Rosi Bindi.
commento di maxim11 inviato il 16 dicembre 2009
IDV dà fastidio il PD con i suoi latorre fa ridere..Il PD non è ancora stato in grado di far funzionare questo network (ve lo ripetero' all'infinito!!!!)
commento di ilbrusco inviato il 16 dicembre 2009
Questo è il POPOLO DELLA LIBERTA'.
Chissà perché non hanno fatto la stessa richiesta per il PD. Qualcuno inizi a chiederselo e magari pensi a chi dare un voto che conti, la prossima volta.
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
11 marzo 2008
attivita' nel PDnetwork