.
contributo inviato da raffaeleinnato il 14 dicembre 2009

L'aggressione subita dal nostro Presidente del Consiglio S. Berlusconi, colpito al volto da un oggetto lanciato dalla folla (una riproduzione in miniatura del Duomo di Milano) ad opera di Massimo Tartaglia 42 anni (con problemi mentali, residente nell'hinterland milanese), mentre firmava autografi e salutava la folla, ha fatto scatenare subito la bagarre politico sociale.
I rappresentanti del Governo e i simpatizzanti del centrodestra insieme agli organi di stampa vicino al Presidente, da una parte, hanno subito condannato l'atto, dichiarando che l'accaduto è una concausa delle aggressioni orali e processuali (complici una sinistra politica antiberlusconiana ed una magistratura antigoverno) che Berlusconi subisce da 14 anni, affermando che il colpevole principale di tutto è l'on. Di Pietro. Mentre dall'altra parte, gli avversari politici del Governo e simpatizzanti del centrosinistra, pur garantendo la solidarietà a Berlusconi, dichiarano che l'atto è una concausa del clima aggressivo politico di una destra che, invece di pensare ai problemi reali del Paese, pensa ai problemi personali del premier.
Quindi, tutte e due le parti avverse con giustificazioni diverse, paradossalmente, dichiarano in effetti che l'aggressione di Massimo Tartaglia, pur avvenuta ad opera di una persona con problemi psichici è da condannare, ma legittima. Ancora una volta, questo sta a dimostrare come noi italiani siamo in balia di politici non all'altezza del loro compito, giornalisti della stampa e dei mezzi televisivi non obbiettivi schierati per ovvi motivi per interessi personali e di gruppi, che con notizie e dichiarazioni pennellate a seconda della circostanza portano acqua al proprio tornaconto, mentre il popolo confuso preso da problemi difficili quotidiani, si fa trascinare su questa onda lunga della deriva, per tifare una volta per uno e un'altra volta per l'altro, con la speranza che sul percorso ondivago e senza meta, si possa incontrare una zattera di salvataggio, che lo riporti verso la riva di una terra del sano convivere.

http://raffaeleinnato.blogspot.com

raffaeleinnato@gmail.com

TAG:  AGGRESSIONE  DICHIARAZIONI  GIUSTIFICAZIONI  RAPPRESENTANTI  SIMPATIZZANTI  BAGARRE   

diffondi 

commenti a questo articolo 0
commento di max bianco inviato il 15 dicembre 2009
Chi semina vento raccoglie tempesta. Berlusconi è vittima della sua stessa politica criminale favorevole alla mafia e alla corruzione che sta distruggendo il territorio nazionale, la giustizia, la scuola e la ricerca. E' chiaro che è solo il rappresentante di facciata di una banda di criminali che merita le forche della storia. Ed è chiaro che il superconscio collettivo ha già deliberato contro lui e la sua banda. Ed il pazzo di turno non ha fatto altro che raccogliere un pensiero sicuramente di maggioranza.
E poi Berlusconi è solo tuo, a me fa schifo anche quando sanguina.
Mettetevi il buonismo nel culo te e i democristiani Veltroni e Bersani.
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
25 febbraio 2008
attivita' nel PDnetwork