.
contributo inviato da ScuolaDemocratica il 8 dicembre 2009

Noi di Scuola Democratica condividiamo totalmente il comunicato della CGIL Scuola che ha convocato uno sciopero per Venerdì 11 Dicembre 2009.
Riportiamo quasi per intero il documento. Abbiamo cambiato in "tutto maiuscolo" i concetti su cui anche noi insistiamo da tempo:

"La Scuola non si taglia!” Così recitava uno dei tantissimi cartelli della manifestazione del 30 ottobre 2008 e così ha dichiarato anche il nostro Presidente della Repubblica. Ma questo Governo PERSEVERA IN UNA POLITICA DI IMPOVERIMENTO E DI DESTRUTTURAZIONE DELLA SCUOLA. I tagli stabiliti dalla L. 133/08 (oltre 130.000 posti e 8 miliardi in meno in tre anni), nonostante alcuni risultati ottenuti attraverso le mobilitazioni (stop al maestro unico e all’inglese potenziato, rinvio dei regolamenti delle superiori, ecc.), producono già da quest’anno i primi effetti devastanti. DIFFICILE GARANTIRE IL DIRITTO ALLO STUDIO E ALLA SICUREZZA E NEL PRIMO CICLO SI ASSISTE A UNA STRISCIANTE EROSIONE DEGLI ELEMENTI DI BASE DI UNA ISTRUZIONE DI QUALITÀ. E come se non bastasse, malgrado i tempi della scuola e delle famiglie, si vorrebbero attivare già dal prossimo anno i regolamenti delle superiori. La FLC ha ribadito il proprio dissenso sia nel metodo che nel merito e ha richiesto un rinvio dell’attuazione dei regolamenti della scuola secondaria di secondo grado, anche in considerazione che i pareri del Parlamento saranno espressi solo a gennaio. Lo abbiamo segnalato sia nelle audizioni alla Camera e al Senato sia nell’incontro al Ministero del 18 novembre.LA SCUOLA HA BISOGNO DI ALTRO: LE RIFORME NON SI FANNO CON I TAGLI MA CON GLI INVESTIMENTI.NO al licenziamento dei precari. SI alle assunzioni in ruolo su tutti i posti liberi“Nessun licenziamento nella scuola”. Questa la dichiarazione del Presidente del Consiglio lo scorso anno. Ma come si sa le bugie hanno le gambe corte. I licenziamenti ci sono eccome: almeno 25.000 lavoratori precari, solo quest’anno, non hanno potuto rinnovare il loro contratto. Lo confermano i numeri forniti dallo stesso Ministero e le domande per i cosiddetti contratti di disponibilità. La soluzione prospettata dal Governo attraverso le graduatorie prioritarie e le convenzioni con le Regioni si rivela di giorno in giorno sempre più iniqua, insufficiente e macchinosa. Si scaricano sulle Regioni i tagli del Governo, si mettono i precari gli uni contro gli altri, si complica il lavoro delle scuole e questo senza nessuna risorsa aggiuntiva, senza nessun intervento sugli ammortizzatori sociali.Le 16.000 assunzioni in ruolo di quest’anno sono una goccia nel mare del precariato. NON SI È RISPETTATO IL PIANO PLURIENNALE DI 180.000 ASSUNZIONI PREVISTO DALLE LEGGI FINANZIARIE DEL 2007 E 2008 E NON SI È COPERTO NEPPURE IL TURN-OVER: ECCO LA VERITÀ.La FLC Cgil chiede un piano pluriennale di assunzione su tutti i posti liberi: già oggi sono almeno 90.000 (30.000 docenti e 60.000 ATA) e da questi si deve partire per avviare la STABILIZZAZIONE DEL PERSONALE PRECARIO CHE DA ANNI GARANTISCE IL FUNZIONAMENTO DELLE SCUOLE.Rinnovare i contratti è un diritto e un fatto di civiltà12 EURO LORDI DI AUMENTO MENSILE È QUANTO HA MESSO SUL TAVOLO IL GOVERNO PER IL RINNOVO DEL CONTRATTO SCUOLA. È UN INSULTO: QUESTA SOMMA NON GARANTISCE IL POTERE D’ACQUISTO DEGLI STIPENDI DI UNA CATEGORIA CON LE RETRIBUZIONI PIÙ BASSE D’EUROPA. È UNA BEFFA: CON QUESTA SOMMA SI VORREBBE ANCHE PREMIARE IL MERITO!L’accordo separato per la riforma dei contratti prevede, per i settori pubblico e privato, la possibilità di recuperare lo scostamento rispetto all’inflazione solo al termine del triennio di vigenza contrattuale: cioè, il recupero non è certo.La vera somma è in negativo: meno soldi alle scuole, tagli agli organici, licenziamento dei precari, diminuzione degli stipendi.Con quale faccia il Ministro Gelmini continua a elogiare la sua riforma? Alla fine della cura cosa resterà della scuola?LA SCUOLA VIVE IN GRAN PARTE DELL’IMPEGNO E DELLA MOTIVAZIONE DI CHI VI LAVORA, I DOCENTI IL PERSONALE ATA, I DIRIGENTI. MORTIFICARE IL LORO LAVORO, SIGNIFICA MORTIFICARE LA SCUOLA STESSA.I dirigenti, che il ministro Brunetta vorrebbe trasformare in arcigni funzionari governativi, aspettano il rinnovo del contratto da 48 mesi. È questo il trattamento da riservare a chi spetta la leadership educativa della scuola dell’autonomia?ALTRO CHE RIFORME. ABBIAMO UN GOVERNO ARRETRATO E AUTORITARIO, CHE HA PAURA DELLA LIBERTÀ E DELLA RESPONSABILITÀ DI CHI LAVORA.

E il PD cosa fa? Pensa di muoversi o crede che la scuola sia un settore marginale della società?

TAG:  DESTRUTTURAZIONE DELLA SCUOLA  DIRITTO ALLO STUDIO  RIFORME  INVESTIMENTI  STABILIZZAZIONE DEL PERSONALE PRECARIO  CONTRATTO SCUOLA  GOVERNO ARRETRATO E AUTORITARIO 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
8 novembre 2009
attivita' nel PDnetwork