.
contributo inviato da redazionepd il 29 novembre 2009

Il terzo ospite della nuova edizione di QUESTION TIME è Enrico Letta, vicesegretario del PD. Potete rivolgergli una domanda nei commenti a questo post.

Spazio alle vostre domande sull'attualità politica e sulle prossime mosse del Partito Democratico.

Per chi non ha seguito le scorse puntate ricordiamo che sulla manifestazione del 5 dicembre, il "No B. day" ieri Pier Luigi Bersani ha riassunto la linea del PD in un'intervista a la Repubblica e su PdNetwork ha già risposto la scorsa settimana Rosy Bindi, Presidente del PD, e vi riproponiamo la clip con la sua risposta.

No B Day del 5 dicembre: Rosy Bindi risponde

 

 

TAG:  PD  ENRICO LETTA  QUESTION TIME  PDNETWORK  YOUDEM 

diffondi 

commenti a questo articolo 3
commento di marcelobranko inviato il 4 dicembre 2009
Naturalmente mi riferivo alla "discussa affermazione di Enrico Letta". Chiedo scusa per il lapsus.
commento di marcelobranko inviato il 4 dicembre 2009
Visto che moltissimi hanno già posto il quesito d' obbligo sulla recente discussa affermazione di Gianni Letta ma visto anche che l' opportunità di rivolgere domande direttamente a dirigenti del PD non capita tutti i giorni, suggerisco di passare a domande attinenti a temi più "politici". A quelli da me precedentemente posti (su dignità del lavoro, redistribuzione del reddito, questione morale), vorrei aggiungerne uno, più specifico: come il PD intende muoversi per risolvere il problema degli infortuni sul lavoro ?; su questo tema vedo impegnato solo Cesare Damiano, che non mi sembra pienamente appoggiato da tutto il PD. Mi auguro che la segreteria spinga con decisione su questo tema.
commento di fabio.cerritelli inviato il 3 dicembre 2009
Sulla questione della frase di Letta riguardo i processi di Berlusconi, ieri su radiorai ha dato un chiarimento. Secondo Letta anche alcuni comuni cittadini possono avvalersi del legittimo impedimento; quindi poichè Berlusconi ha il diritto di difendersi nei e dai processi come tutti i cittadini italiani, ha il diritto a ricorrere al legittimo impedimento.
Io personalmente non so a quali categorie di cittadini Letta si riferisse, e quali legittimi impedimenti possano fare valere, ma la sua frase va interpretata in questo modo.
commento di galfra inviato il 3 dicembre 2009
Che farebbe il Pd nell'eventualità di un tale intreccio?

Quando l’altra sera ha sentito Gianfranco Fini sostenere che il presidenzialismo «non vuol dire immaginare un premier senza contrappesi negli altri poteri dello Stato», Bruno Tabacci, portavoce dell’Api, ha quasi avuto un brivido. «Perché è esattamente il punto polemico che ho sostenuto io in questi anni, quando dicevo che il presidenzialismo all’italiana rischiava di scivolare nel putinismo», esclama. Già. Del resto, essendo uno che si mette di traverso per natura, Tabacci non può non guardare con attenzione a quel che va dicendo e facendo Fini. Perché, passando dal caratteriale al politico, negli scenari prossimi venturi le loro strade hanno possibilità di intrecciarsi.
commento di Anpo inviato il 3 dicembre 2009
Scusa non avevo letto bene, nè ricordavo che Letta non avesse votato anche lui.

Però vorrei precisare che quanto accaduto di recente in Commissione sempre a proposito di Cosentino con l'astensione di un deputato radicale, sia pure eletto nelle liste del Pd, il quale si è astenuto non deve stupire gran chè.
Sono mesi che la pattuglia dei radicali fa quello che vuole. Peccato perchè avevo visto positavamente la loro candidatura proposta da Veltroni.
commento di Uno Qualunque inviato il 3 dicembre 2009
Anpo

l'articolo l'ho postato per chiedere conto a Enrico Letta del suo comportamento di quel giorno, in aggiunta a quanto vorrà dire in merito alle dichiarazione di questi giorni. (per chiarezza ho messo il capitolo intero).

Comunque hai ragione quando dici che è storia passata, ma lo stesso si è verificato poco tempo fa e fra un pò sara storia passata. Io, visto che sono un anima semplice, vorrei che il comportamento del PD fosse lineare senza ambiguità in modo che sempliciotti come me lo possano capire e identificarsi.
commento di galfra inviato il 3 dicembre 2009
da un intervento di Luttwack credo di aver capito che, negli Usa,una sentenza diviene esecutiva già al primo grado di giudizio. E’ il motivo per cui Maddoff è già in prigione per scontare la condanna.
Successivamente il condannato può avviare il ricorso per il processo di secondo grado, che credo di aver capito sia l’ultimo. Peraltro i ricorsi in appello non sono frequenti. Ciò spiegherebbe perchè la giustizia negli Usa sia rapida e garantisca la certezza della pena.
Da noi i processi non finiscono mai, soprattutto per la faragginosità delle leggi e le norme esecutive (parlo per una mia esperienza dopo aver intentato causa ad un imprenditore che, preso l’anticipo per l’acquisto di un appartamento, non ha dato seguito agli impegni), oltre alla fatiscente organizzazione del tribunale (assenza di cancellieri, giudici che seguono migliaia di processi piccoli,poca diffusione di pc, ecc.)

Sarebbe utile mettere a confronto, in grandi linee, le peculiarità delle legislature di alcuni paesi europei e degli Usa. Si potrebbe capire perchè il processi breve non è una soluzione,bensì una mazzata per il cittadino e l’imprenditore. Tuttavia c’è la necessità di accorciare i processi che da noi non finiscno mai, con la gioia degli avvocati che sono il triplo, ho sentito dire, rispetto, per es, alla Francia.
Inoltre da noi c’è il quarto grado, ancorchè virtuale, dei politici che condannano i giudici. Per es. Craxi fu condannato fino al terzo grado, quindi con sentena passata in giudicato, a 15 anni di reclusione, eppure per molti politici è un eroe che ha subito un’ingiustizia; io penso che l’ingiustizia l’abbiano subita i cittadini per i saccheggio delle casse dello stato perpetrato ripetutamente.
commento di madocapo inviato il 3 dicembre 2009
Caro Letta,
lei è veramente interessato a conoscere quello che ci aspettiamo da voi? Non ritengo che dobbiate uniformarmi al populismo del premier, non ci sta bene anche per questo, tuttavia, a me sembra che le nostre richieste siano razionali e non viscerali come avviene talvolta da parte di chi vota PdL. Noi vogliamo che non ci siano intrallazzi per non tornare indietro alla cosiddetta "politica dei due forni", non ci interessano i "pontieri", vorremmo punti di riferimento chiari e precisi sulle politiche sociali, del lavoro, della sanità, della giustizia, sulla riorganizzazione e la pulizia di questo Stato. I giochi di potere ci nauseano. Volete fare accordi con l'UDC? Non pensate che si dovranno fare compromessi di basso e non di alto profilo e di cui gli elettori saprebbero poco o niente? Troppe cose ci dividono.
Ribadisco che temo il passaggio di voti anche verso Fini, è vero che il suo comportamento è opportunistico ma ho sentito gli applausi che gli sono stati rivolti nella puntata di Ballarò, addirittura ovazioni da stadio.
Anzi, facento dietrologia spinta e modificando quanto ho espresso nell'intervento precedente (ci ho riflettuto questa mattina), penso che forse, la querelle che si è scatenata all'interno del PdL, potrebbe anche essere una commedia organizzata ad arte per occupare tutti gli spazi, dal governo all'opposizione.
commento di Anpo inviato il 3 dicembre 2009
caro Uno Qualunque
so che rischio di beccarmi (non da te) i soliti insulti infantili da pseudo elettori di sinistra rispondendo al tuo commento, però, per amor di verità, ti segnalo la risposta di Cuperlo (che non è che mi abbia convinto) fornita sul suo blog in merito alla mozione su Cosentino. Dato che almeno ha avuto il coraggio di provare a spiegare il suo atteggiamento agli elettori mi pare giusto dargli un'occhiata (http://www.giannicuperlo.it/?YY=2009&mm=1&dd=31)

Quelle assenze sono certo state un grave errore e credo che in 10 mesi ognuno d noi avrà avuto modo di farsi un giudizio in proposito, mi chiedo, visto che tutto il Pd è concorde che Cosentino debba dimettersi, perchè andare a rivangare?
commento di Uno Qualunque inviato il 3 dicembre 2009
Sig. Enrico Letta, intanto che c'è risponda anche su questo:

l'Unità, 30 gennaio 2009
A proposito di silenzi omertosi, anzi mafiosi: l’altroieri la Camera ha bocciato la mozione dell’opposizione Pd-Idv-Udc che chiedeva gentilmente al governo di “invitare alle dimissioni il sottosegretario all’Economia Nicola Cosentino”, Pdl, accusato da sei pentiti del clan dei Casalesi (come ha rivelato una lunga inchiesta dell’Espresso) e indagato per camorra dalla Dda di Napoli, in quanto “lede gravemente non solo il prestigio del governo, ma anche la dignità del Paese”. La mozione era firmata dai capigruppo del Pd Antonello Soro, dell’Idv Massimo Donadi e dell’Udc Michele Vietti, oltreché dagli on. Sereni, Bressa, Ciriello e Garavini. Quest’ultima, una maestra elementare eletta con gl’italiani all’estero e dunque ignara di cose di mafia, ha illustrato la mozione in aula. Purtroppo però le astensioni e le assenze nelle file del Pd han superato quelle del Pdl e salvato l’ottimo Cosentino.

Mozione respinta con 236 no (Pdl più Lega), 138 sì e 33 astensioni. Decisivi dunque i 26 astenuti Pd (fra i quali Cuperlo, Madia e i radicali), i 47 Pd usciti dall’aula perlopiù solo per quella votazione e poi subito rientrati (compresi ENRICO LETTA, il ministro molto ombra della Giustizia Lanfranco Tenaglia e perfino Marina Sereni, firmataria della mozione stessa), i 22 Pd assenti ingiustificati (compresi D’Alema, Gentiloni e Veltroni, che sull’Espresso aveva chiesto le dimissioni di Cosentino) e i 2 Pd addirittura contrari (fra cui il tesoriere Ds Ugo Sposetti). Erano troppo impegnati a salvare le istituzioni repubblicane minacciate da un paio di migliaia di persone in piazza Farnese.
commento di dollaro07 inviato il 3 dicembre 2009

caro nipote di gianni letta,

alle prossime regionali Lei si renderà conto dell'aria che tira.

Io e la mia famiglia vi daremo il resto dell'acconto che vi abbiamo dato nel

2008.

Un motivo in piu, per voi, di restare un po al centro un po a destra ed un

po a sinistra.

commento di marcelobranko inviato il 3 dicembre 2009
Caro Enrico Letta, come vede dai precedenti commenti, qui tira una brutta aria. Spero che lei e gli altri dirigenti terretenella giusta considerazione questo giustificatissimo cattivo umore della "base" . Siamo stufi di questo lungo periodo di mancanza di una linea politica chiara e riconoscibile. Non possiamo accettare ancora per molto gli accomodanti atteggiamenti di compromeso verso questa maggioranza sovversiva (non si può diversamente definire una maggioranza il cui leader, osannato ed assecondato, quasi quotidianamente minaccia Parlamento, Magistratura, opposizione, stampa indipendente). Comprendiamo tutti che l' obbiettivo è trovare uno spazio politico per far valere, nei limiti del possibile, il debole contributo politico del PD. Però a noi tutti sembra si sia passata la misura. Tutti sperano che iniziate subito una inflessibile opposizione al Governo, senza sconti nè compromessi, su temi politici (dei fatti privati de Premier non ce ne frega proprio nulla). Il Governo va incalzato quotidianamente, in Parlamento e nel Paese sui temi della dignità del lavoro, sul sostegno ai redditi (quando ci sono ancora) più deboli in questo drammatico momento di crisi, disoccupazione, precarizzazione del lavoro. Infine la questione morale da porre al Parlamento, nell' ambito delle riforme istituzionali: tetto al numero dei mandati, ineleggibilità dei pregiudicati, ineleggibilità dei portatori di conflitto di interesse e dei titolari di concessioni governative.
Questo ci attendiamo. Se sembra troppo a lei o ad altri della Direzione, potete sempre dimettervi a favore di qualcunoche per lo meno ci provi.
commento di Anpo inviato il 3 dicembre 2009
Riposto di nuovo la frase di Letta come tratta dall'Unità (attiro di nuovo l'attenzione di chi legge sulla parte in cui si dice "come ogni altro imputato")
«Consideriamo legittimo che, come ogni imputato, Berlusconi si difenda nel processo e dal processo. Certo, legittimo non vuole dire nè opportuno nè adeguato al comportamento di uno statista»

Con tutto il rispetto per l'opinione di madocapo definire un doppiogiochista come Fini l'unico che fa opposizione vera quando sono anni che sproloquia di voto agli immigrati mentre votava provvedimenti che hanno creato uana situaizone per la quale gli stranieri che perdono il lavoro rischiano di venire rimpatriati non mi sembra molto corretto
commento di madocapo inviato il 2 dicembre 2009
Per Letta, D'Alema, Violante e, mi duole dirlo, anche per Bersani Finocchiaro...

Quando ho letto la frase di E. Letta sul difendersi dai processi, sono rimasta senza parole.
Ma Veltroni non ha perso voti perché è stato troppo morbito con Berlusconi? E Franceschini non ne ha recuperati alcuni perché è stato un pò più determinato nell'opporsi?
La lezione non l'avete ancora imparata?
Cosa credete che continueremo a votare il centrosinistra in eterno?
Io non ho mai disertato un'elezione, ho sempre votato a sinistra o centrosinistra (che dir si voglia) ma la pazienza ha un limite!
Non voglio che l'attacco a Berlusconi sia il pensiero dominante del PD ma, soprattutto, non voglio che gli si faccia l'occhiolino, mi si rivolta lo stomaco.
Perché deve difendersi dai processi? Ne ha combinate di tutti colori e noi gli prestiamo anche il fianco? Vada in tribunale e risponda dei suoi atti che non hanno niente a che vedere con la sua carica istituzionale.

Quando voterete per definire il "legittimo impedimento",se mai succederà, siate rigorosi, perché voi rispondete a noi che vi votiamo, non a Berlusconi.
State attenti perché, se fino ad ora si sono persi voti in favore di Di Pietro, tra poco si comincerà a perderli anche per Fini; è all'interno del Popolo delle Libertà, è vero, ma è il solo che gli faccia un'opposizione vera.

Una postilla. Vi siete riempita la bocca della democraticità del NOSTRO partito grazie alle primarie ed ora, per le regionali, volete farci piovere i candidati dall'alto? NON CI PROVATE! Come dice il Presidente Emerito: "Non ci sto!". Non è vero che serve l'UDC per vincere, serve un candidato forte.
Accetteremo un candidato nuovo solo con le primarie (Pensate, in particolare, alla Puglia e al Piemonte).
commento di ugorizzardi inviato il 2 dicembre 2009
ho già lasciato quà e là commenti sul NO-BDay ripetendo anch'io ìl profondo dissenso dal modo ambiguo confuso pasticciato contradittorio con cui la Segreteria del Pd ha affrontato questo problema e volesse Iddio che fosse l'unico caso di questi giorni (vedi i tuoi "dal" e "nel"). E non che siano cose da poco,sono danni enormi sopratutto alla nostra fiducia oltre che alla vostra credibilità. Avrete visto,spero bene, il grande interesse della nostra gente con una totale geneale condanna,ovunque,in rete e sulla stampa di ieri e di oggi,l'Unità,Repubblica,il Fatto etc.,con argomentazioni ineccepibili. Per conto mio sostengo che l'unica via per tentare di porvi un qualche rimedio è che i blogs ed i giornali di lunedì 6 dic.confermino la presenza in piazza, insieme ai tantissimi nostri elettori, dei nostri Dirigenti.La posta è grossa si tratta di rimediare ad un vostro ennesimo passo falso.Basta.
commento di galfra inviato il 2 dicembre 2009
A' la guerre comme à la guerre. Perchè nel Veneto non si sostiene Galan, unitamente a Udc? Con De Poli non si vince

Ad Arcore Berlusconi non voleva sentire ragioni: «O chiarisce o è fuori, non lo voglio nemmeno più vedere. Mi fido solo di Bossi». E non è un caso infatti ieri, in una riunione al partito, è stato comunicato ai coordinatori Pdl del Piemonte e del Veneto, Ghigo e Giorgetti, che le candidature per la presidenza nelle due Regioni andranno alla Lega. «E su questo, ha precisato Berlusconi, Fini non deve mettere bocca».
commento di scossone inviato il 2 dicembre 2009
Bersani "Brodino di pollo" ancor oggi deve ricostruire un partito che non ha un'identità e non sa farsi capire dagli elettori... però vuole discutere... confrontarsi e poi disutere e riconfrontarsi.. per poi discutere e confrontarsi... per poi confrontarsi e discutere..
... SU COSA?... su cose che no interessano agli elettori!!!...15 ANNI DI PDS, DS, ULIVO, PD... non sono bastati per capirvi???????
commento di comaroschi inviato il 2 dicembre 2009
Redazione una domanda.
Per che giorno e ora è previsto il Question Time con l'onorevole Letta? Sarà possibile intervenire con domande in diretta? Se no, perché non provate ad organizzare in questo senso?
Grazie.
commento di F.Rosso inviato il 2 dicembre 2009
Enrico Letta, perché non si dimette se realmente pensa quello che ha detto? Il vice di quello che spacciate per partito di opposizione, NON può dire quelle cose! Non è possibile!
Se non volete fare opposizione, almeno evitate di appoggiare apertamente il nostro nemico! Sì, perché questo governo, nel caso non l'abbiate capito, è iol nostro nemico, da abbattere con ogni mezzo democratico, compresa la piazza.
Se non lo condividete, allora mi sa che non dovete stare all'opposizione ma nella maggioranza.
Avete mai pensato seriemente di fare come Capezzone? Fatelo, per il nostro bene.
commento di Uno Qualunque inviato il 2 dicembre 2009
Letta
a proposito delle sue dichiarazioni lei non ha corretto anzi ha RIBADITO che Berlusconi ha diritto a difendersi "dai" processi.

Questo vuol dire che ha diritto a varare leggi per accorciare i termini della prescrizione dei suoi processi, ha diritto al legittimo impedimento inventandosi impegni per non partecipare ai processi, ha diritto a varare leggi che interrompono i processi in cui lui è imputato vuol dire che è giusto avere avvocati in parlamento che votano leggi che impediscono di essere giudicati?

Ma brutto i.b...le quanti hanno la possibilità di farsi delle leggi in funzione delle dificoltà in cui possono ritrovarsi nei confronti della giustizia, quanti hanno avvocati in parlamento che votano leggi per impedire di essere processati. (mi faccia un esempio)

Sbagliare si puo ma lei ha confermato, questo dimostra che lei è in malafede e non venga a dirci che questa è la sua opinione, se vuole la sua opinione la tiene per sua moglie quando parla in nome di chi lo ha eletto LEI deve stare molto attento a quello che dice.

Confermo per me LEI è un emerito i.b...le!!!!!!!!!!!



commento di edipore inviato il 2 dicembre 2009
Sono un elettore alle primarie del PD ed ho votato Franceschini.
Come volevasi dimostrare...chi ha vinto è sotto l'egida di D'Alema, amico intimo di B. e per questo pronti a difenderlo a spada tratta.

Ma che cazzo fate!? Mandate in culo milioni di voti.

Spero, Letta, che legga tutti questi commenti e si renda conto...!

Grazie!
commento di clint333 inviato il 2 dicembre 2009
Letta, siamo molto preoccupati, tutti. Si sente male ? Ha avuto un attacco di varicella improvviso ? Diarrea ? Problemi sessuali ? O problemi di Identita ? Non si preoccupi, si metta sotto le coperte, si curi con calma, faccia un viaggio per distrarsi e quando tornerà saremo tutti qui ad aspettarla, perché UNO COME LEI DOVE LO RITROVIAMO ?
Spero che la Trilateral apra gli occhi e lo spedisca all'inferno: con il cervello che si ritrova lei avrebbe difficoltà a gestire la servitù, si immagini un intero paese. Ride ? Sì, lo sappiamo, ci sono molti coglioni tra i vostri elettori, e li avete trombati un'altra volta ancora. Ma prima o poi si svegliano.. Nel frattempo, la prego, non si interessi del futuro del paese, ma la invito tanto, proprio tanto, a FARSI I CAZZI SUOI e smetterla di fare quelli di Berlusconi, NON HA IL FISICO PER UNA COSA DEL GENERE !
commento di dollaro07 inviato il 1 dicembre 2009


Una domanda a gianni letta? e che cosa potrei chiedergli?

commento di mamili inviato il 1 dicembre 2009
Ci risiamo, e noi poveri fessi che siamo andati alle primarie nella speranza di veder un PD che finalmente facesse opposizione e si desse un'identità.
Speravo di non vedere più un La torre fornire pizzini a quelli del Pdl ma, invece ecco Letta che dice la sua castronata, ecco il dico non dico sul no berlusconi day, sul crocifisso, ecco D'alema in Puglia! ma allora mi toccherà votare Di Pietro.
commento di protoni inviato il 1 dicembre 2009
CIAO AMICI E COMPAGNI,TROVO SEMPRE PIU INTERESANTI I COMMENTI CHE QUANDO POSSO SBIRCIO E OGNI TANTO INSERISCO ANCHE IO QUALCHE RIFLESSIONE,NON CONDIVIDO MOLTO PERO CHI A POCHI GIORNI DA UN CONGRESSO FATTO ANCHE DA PRIMARIE(NON PERFETTE MA PERFETTIBILI)GIA RIMETTE IN DISCUSSIONE I DIRIGENTI,E UN COMPORTAMENTO NON DEFINIBILE NORMALMENTE........ORA IO VORREI DIRE A VOI E ALL'AMICO LETTA,CREDO CHE IL PROBLEMA DELL'ITALIA SIA RIPORTARE ALLA NORMALITA IL PARLAMENTO ITALIANO INVASO OGGI DA AVVENTURIERI,MAFIOSETTI,COCAINOMANI,SERVI SCIOCCHI ,SFRUTTATORI DEL MOMENTO A QUALSIASI COSTO(BENINTESO CI SONO ANCHE PERSONE SERIE MA DAI RISULTATI MI SEMBRANO MINORANZA)........ORA IO PENSO CHE BASTEREBBE UNA SEMPLICE LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE CHE NON PERMETTA DI STARE IN PARLAMENTO A CHI ABBIA COMMESSO O SIA IMPUTATO IN PROCESSI CHE RIGUARDANO MAFIA,PEDOFILIA,TERRORISMO,FURTO DANNEGGIAMENTO O CORRUZIONE IN AMBIENTI STATALI O PARASTATALI,INSOMMA I REATI PIU GRAVI E PER CHI DOVESSE INCAPPARE DURANTE IL MANDATO PARLAMENTARE SCATTEREBBE IMMEDIATAMENTE LA SOSPENSIONE DALLA CARICA, MA SI DOVREBBE AVERE UNA CORSIA PREFERENZIALE PER UN PROCESSO RAPIDISSIMO(TEMPI RISTRETTISSIMI,NON ANNI)TUTTO L'ALTRO LO LASCIO DECIDERE A VOI,IO CREDO CHE SIA UN METODO PRATICO ,VELOCE,DEMOCRATICO E PURE FURBO,ANCHE SE CREDO CHE NESSUNO LO APPLICHERA PERCHE NON CONVIENE AL TEATRINO DELLA POLITICA.ATTENZIONE PERO PERCHE NON SIAMO PIU A CINQUANTANNI FA,LE NOTIZIE ANCHE SE DISTORTE ARRIVANO E LA GENTE FA I SUOI CONTI,E NOI SIAMO SEMPRE PIU DEBOLI TRA LA GENTE..........SEMPRE PIU OTTIMISTA PER AUTOCOSTRIZIONE....PROTONI..........
commento di BruCo58 inviato il 1 dicembre 2009
Tornatevene a casa !!!!!

Fate largo a facce nuove, giovani, non compromesse da anni di bastonate elettorali e inciuci della più squallida specie.
D'alema, Letta, Veltroni, Violante, Bersani... avete perso tutto quello che era umanamente possibile perdere, continuate a flirtare col AlTappone che continua, regolarmente, a sputare addosso a Voi e, di riflesso, a tutti noi poveri fessi che continuiamo a votare PD... altro che "Dialogo" e "Riforme condivise".

Che triste fine... possibile che non ci resti che Di Pietro ?

Una risata Vi seppellirà !!!!!
commento di gattori inviato il 1 dicembre 2009
caro pd, anzi cari dirigenti del pd, sono un vostro piccolo elettore, volevo solo dire una cosa , quando ho letto le dichiarazioni dell ineffabile letta, pensavo fosse il letta vecchio quello del pdl, inveece no ,era propio quello che, a parole diceva che le province andavano abolite, e poi sotto alla richiesta di altre nuove province, un paio di anni fa ,c era anche la sua bella firma (vedi report)e questo sarebbe il nostro vicesegretario, per dirla alla totò: ma ci faccia il piacere!!!!! da parte mia sono nauseato e non ci capisco piu niente, meglio fini ,almeno nei suoi fuorionda dice le stesse cose che dice, magari piu sommessamente in pubblico, mi duole doverlo dire ma avete qualkosa da imparare da anche lui , purtroppo per noi.
auguri carlo vicenza
commento di centocittà inviato il 1 dicembre 2009
Caro Letta (e cari D'Alema, Fassino, Violante, Bersani, e compagnia bella), perché non si dimette? Lei rappresenta la peggiore politica che da 60 anni a questa parte sta devastando il paese. Con le sue ultime dichiarazioni aspira forse anche lei a farsi invitare in una delle ville di Berlusconi? Magari al posto della farfallina, come pensiero amoroso del cavalier Banana, per lei sarebbe più idoneo un bel cetriolo, lo stesso che ci state facendo assaporare, a noi poveri EX ELETTORI di sinistra (oddio, chiedo scusa, ho pronunciato la parola sinistra, spero che nessuno si offenda), da 15 anni a questa parte. Sono sicuro che quell'altra macchietta di Rutelli sarebbe pronto ad accoglierla a braccia aperte! Se ne vada, caro Letta, si faccia coraggio e, la prego, vada, vada.
PS: Aridatece Berlinguer!!!
commento di max bianco inviato il 1 dicembre 2009
Letta e Bersani si dimostrano amici di Berlusconi e della sua Banda del Crimine organizzato che sta distruggendo l'Italia e la sua Democrazia.
In momenti di emergenza nazionale. invece di stringerci tutti per abattere il nemico appoggiando i pochi giudici seguaci della legalità e i molti italiani che vogliono la giusta e necessaria fine di questo Regime, i nostri dirigenti se ne escono con corbellerie e idiozie filo-berlusconiane per l'ennesima volta dopo gli schifi del 1994-2000.
Fosse per me espellerei dal partito gente come Veltroni, Bersani, Letta e Dalema. Sicuramente potremo avere qualche speranza di recuperare l'appoggio del popolo pulito che non si può certamente riconoscere in questi amici di Berlusconi e della criminalità organizzata che egli ben rappresenta.
Non esiste primato della politica quando si parla di criminalità e salvaguardia della democrazia: i giudici che indagano sulle nefandezze di Berlusconi sono tutti nostri amici e se riescono a dimostrare per l'ennesima volta che lui e i suoi amici sono dei criminali non c'è che d'applaudirli.
Così sono tutti nostri amici coloro che dicono la verità: questi sono criminali e se ne devono andare in GALERA.
L'unica giustificazione e che siano anche loro ricattati dalla P2 per qualche passata nefandezza fotografata o filmata in passato o di cui rimane traccia in qualche documento conservato presso qualche Quotidiano di Regime.
commento di ugorizzardi inviato il 1 dicembre 2009
carissimo Enrico, dopo aver ringraziato la nostra Presidente di avere risposto nel suo Question Time ad un mio commento alcuni giorni or sono, mi sento di dover confermare ancora, questa volta all'on.Letta, il mio totale dissenso sul comportameno del nostro partito sul No-B Day. E, aggiungo, sono certo che il mio dissenso è condiviso da tanti, ma tanti elettori Pd. Basta che navighi nella rete qualche minuto e legga l'Unità, il Fatto e tutta la stampa di oggi e dei giorni pasati per avere conferma. Io mi auguro che questa stampa il giorno 6 Ducembre racconti la presenza di molti di voi Dirigenti in piazza a Roma
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
20 febbraio 2008
attivita' nel PDnetwork