.
contributo inviato da Anpo il 21 novembre 2009

Dopo quasi due anni di governo Berlsuconi tiriamo le somme e ci rendiamo conto che tutti i cavalli di battaglia del nuovo esecutivo si sono rivelati dei ronzini. Qualche esempio:

Le ronde: pochissime le richieste presentate ai Comuni, 1 a Milano, 2 a Roma 0 a Vicenza, fino al caso esilerante e grottesco di Padova dove la polizia è stata costretta a scortare una delle ronde cittadine, quella del Comitato di cittadini di via del Pescarotto, per evitare tafferrugli.

La guerra ai fannulloni: Ad Ottobre, malgrado le minacce di Brunetta, il giuramento di fedeltà e la censura sui calendari di George Clooney le assenze per malattia dei dipendenti pubblici, esclusi i comparti scuola, università e pubblica e sicurezza, sono cresciute del 28,3%, rispetto allo stesso mese dell'anno precedente. Sebbene ci sia ancora una rilevante riduzione globale delle assenza rispetto al 2007 (- 32%)

Social card: A 12 mesi dal suo lancio, la carta acquisti ha raggiunto meno della metà dei "bisognosi" previsti dal ministero dell'Economia: 627mila le richieste accolte e solo 450mila i beneficiari attuali, di fronte a una previsione governativa di un milione e 300mila persone.

G8 dell'Aquila: dopo aver speso 50 milioni di euro e cantato vittoria per il risultato ottenuto, le promesse dei Grandi circa la ricostruzione si sono rivelate effimere. Dei 300 milioni che, secondo il Ministro Bondi, i leader stranieri si erano impegnati a investire nella ricostruzione dei monumenti del capoluogo abruzzese non si è ancora visto nulla tanto che la giunta regionale ha chiesto al Ministro Frattini di intervenire in sede diplomatica far rispettare gli impegni mentre il presidente della provincia, Stefania Pezzopane, parla chiaramente di bluff da parte dei potenti della terra.

Per non paralre dei dati sull'economia che ci vedono, di nuovo, sotto procedura di infrazione per il debito alto, una pressione fiscale al 48,8% (dati Bankitalia) un Pil che quest'anno ha perso il 4,8% ma che tornerà a crescere nel 2010 del 1,1% e una disoccupazione che raggiungerà il 8,5%.

Allla faccia del "meno male che Silvio cè"

 

TAG:  GOVERNO  BERLUSCONI  FLOP  G8  ECONOMIA  SOCIAL CARD  RONDE  POLITICA   

diffondi 

commenti a questo articolo 0
commento di laser149 inviato il 22 novembre 2009
ANPO, mi sembra che la tua posizione su Di Pietro sia piuttosto negativa, ed io non la condivido.
Non sono entusiasta di Di Pietro, voto PD e lo voterò ancora ( dovrebbero fare cose atroci per cambiare ), ma il fenomeno IDV nasce da un vuoto enorme lasciato dal nostro partito, questo vuoto si chiama QUESTIONE MORALE, la stessa questione sollevata e mai risolta dall'ultimo capo carismatico della sinistra ENRICO BERLINGUER; invece di affrontarla, come avremmo dovuto, abbiamo riportato in auge Bassolino Latorre ecc.....

Questo terribile vuoto è stato riempito da Di Pietro con la sua approssimazione e inadeguatezza, ma, in mancanza del nostro deciso fermo e netto impegno in proposito, ben venga Tonino che faccia almeno da stimolo.
commento di Anpo inviato il 22 novembre 2009
Altro buon argomento, quello contenuto nel commento di galfra, per andare a manifestare (magari non il 5 Dicembre e non con Di Pietro) o comuqnue per fare qualcosa di concreto denunciando questo ennessimo sconcio nascosto da tg e giornali.

Quanto a Fini dimostri che fa sul serio e dica ai suoi di non votare la finanziaria finchè questo emendamento non viene cancellato. Lo farà? Io sono piuttosto scettico
commento di galfra inviato il 22 novembre 2009
Purtroppo qualcosa del loro programma sta andando avanti, per es:

Le mani su Cose nostre: ecco cosa succede
se la mafia ricompra i beni sequestrati
Grazie a un emendamento alla Finanziaria, i beni confiscati alla Mafia ora rischiano di tornare nella disponibilità di Cosa Nostra. Dalla Sicilia alla Toscana edifici e terre saranno messi all'asta. L'allarme di Don Ciotti. L'Antimafia: cancellare l'emendamento.

Sistema legalitario propugnato dal Fini, unitamente all'opposizione Pd, non è una parolaccia stalinista, bensì un metodo per evitare sconci simili!
commento di Yerle inviato il 21 novembre 2009
Permettimi di commentare i primi due punti.
Sul primo, meno male che i propositi del governo non siano andati a buon fine. Direi che piuttosto che criticare che non hanno rispettato quel punto del loro programma, dovremmo ringraziarli di non averlo realizzato nella realtà.
Per quanto riguarda Brunetta, direi che il personaggio si qualifica da sè: è un essere schifoso, punto. Non ha alcun interesse a fare la guerra ai "fannulloni" perchè i fannulloni nella PA esistono nella misura in cui i dirigenti (amici di Brunetta) consentano che ci siano.
Sarebbe il caso di incalzarlo su tutte le altre cose di cui si riempie la bocca. La informatizzazione (inesistente) della PA ad esempio. O il mettere la vita (e lo stipendio) dei dipendenti pubblici nella mani di sciagurati e inefficienti dirigenti, etc...
commento di laser149 inviato il 21 novembre 2009
JACOMAX, se aspetti il nostro segretario, fai in tempo ad invecchiare.

Bersani si muove con i piedi di piombo, ben attento ha non pestare nessuno soprattutto i suoi sponsor politici che sono D'Alema e la sua combriccola, i quali sono collusi con Berlusconi come dimostra il loro passato.

Se vogliamo smascherare le inefficienze di SUPERSILVIO l'unica speranza è, nonostante la sua approssimazione politica, Di Pietro.
commento di jacomax inviato il 21 novembre 2009
Caro Anpo mi trovi d' accordo su queste tue riflessioni, ora pero'si tratta di smascherare con efficacia tutte le bugie che ci ha raccontato questo esecutivo.
Questo lavoro spetta al ns. Segretario il quale supportato da tutto il Partito
deve rendere visibile e convincente quello che sta accadendo sotto gli occhi di tutti....
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
11 marzo 2008
attivita' nel PDnetwork