.
contributo inviato da mario petrh il 18 novembre 2009

 

Altezza minina un metro e settanta, taglia 42, bella presenza, questi i requisiti delle 100 "anime scelte" per una lezione a sorpresa di proselitismo islamico. Le bellezze nostrane, rigorosamente in tacchi alti e tailleur, si sono ritrovate davanti un maestro del tutto inaspettato: nintepopodimeno che il Colonnello Gheddafi in persona.

Convertitevi - si sono sentite dire le anime taglia 42 - chi crede in Dio è musulmano. Il Corano è uno e non è mai cambiato, mentre i Vangeli sono quattro". E poi il pezzo forte:  Cristo morto sulla croce non è altri che un sosia.

E noi che ci accapigliavamo per il crocifisso si o il crocifisso no nelle scuole! Geniale, arriva Gheddafi e ti tira fuori la storia del "sosia" in croce.

Ed ora chi glielo dice alla vecchietta che tutte le sere e tutte le mattine aveva raccomandato la sua anima e quella dei propri cari a quel "tizio"  in croce appeso nella camera da letto? Che quel crocifisso comprato per buono era invece una patacca? Ce ne sarebbe per fare una class action contro il Vaticano!

La Russa…..; La Russa ……, che fa ci pensa lei a dire qualcosa su questa storia del “sosia” o è meglio che lo faccia Berlusconi che è pure amico del Colonnello? Sa, perché c'è già chi comincia a guardare quel crocifisso con occhio sospetto, e pare che le stesse ragazze portate a sorpresa alla lezione, abbiano cominciato ad incuriosirsi del “giallo del sosia” tanto che qualcuna di loro si aspetta un invito dal Colonnello per sentire il resto dei misteri della storia. E le immagini del Gheddafi nelle vesti da “ratto delle italiane”, superando persino Berlusconi in strategia mediatica, hanno già fatto il giro del mondo 100 volte !

No perché poi, illustrissimo On. La Russa, il Vaticano potrebbe pure “imberberirsi”, come dicono i toscani, e non c’avrebbero manco tutti i torti: “ma che fa stò Silvio, per un po’ di gas ci porta gli amici suoi a far proselitismo in casa nostra e per giunta di formose bellezze silenziose, regalando Corani, libri Verdi della Rivoluzione e opuscoli “Come essere musulmano?” ?

Perché poi sarebbe pure paradossale, On La Russa, che quell’elettorato cosiddetto cattolico, che vota per il vostro leader e che s’indignava per la sentenza anti crocifisso nelle scuole, ora non s’indigni per le esternazioni dell’amico libico del loro beniamino politico: anche la fede ha un prezzo al metro cubo?

Pure di Borghezio e della Lega ancora  non si sente voce: chissà com’è?

Anche il Vaticano tace.

Che c’abbia ragione Gheddafi? Hai visto mai, lui di sosia si che se ne intende!

A proposito, ma sarà stato lui o un suo “sosia” a fare stà comparsata?

 

TAG:   

diffondi 

commenti a questo articolo 0
commento di mario petrh inviato il 19 novembre 2009
Cara Cristina,
come dici, si può comprendere che per la "gola" si possa far finta di niente, ma che tacciano le campane del "cuppolone", questo mi sembra anche più indicativo delle connessioni che esistono tra una certa politica e la religione in Italia.

"Pecunia non olet".
commento di cristinasemino inviato il 19 novembre 2009
Nessuno dice nulla, mario...un silenzio assordante. E la notizia è stata data da Repubblica on line, ma non riportata in alcun Tg.
Mi aspettavo, almeno da parte della chiesa, una piccola, lieve, presa di posizione, invece il nulla. C'è poco da fare...gli interessi prevalgono.
commento di cilloider inviato il 19 novembre 2009
Che invidia!!!!

Deve essere bello essere un personaggio pubblico potente per "sparare cavolate"....

Cavolo ....chi si ricorda "Shaykhspeare"?

commento di centine inviato il 19 novembre 2009
E la tristeza diventa estrema quando ci si ricorda di Massimo "Baffino" D'Alema, che servilmente correva agli accampamenti di Gheddafi a Villa Pamphili, a cercare di scongiurare lo "strappo" del ritardo a all'incontro con Fini e poi a giustificare quell'essere di Gheddafi dicendo che stava pregando(regalando pure a Fini il ruolo dell'integerrimo custode della laicita' repubblicana)
commento di rebyjaco inviato il 18 novembre 2009
Gheddafi è uno dei numerosi ""MOSTRI"" che popolano il Pianeta Terra. Ha petrolio, siamo SUOI complici perchè ci sono nostri imprenditori che hanno grossi interessi in Libia MA, nessuno obbliga la NOSTRA STAMPA a concedergli tutto lo spazio che gli concede, se lo fa, vorrà dire che LA NOSTRA STAMPA è sensibile agli interessi di Gheddafi e degli AMICI SUOI. NON è una novità, mi sorprenderebbe se facesse altrimenti, generalmente gli EDITOTI della nostra stampa sono legati a interessi che niente hanno a che vedere con l'ONESTA' LA GIUSTIZIA e L' INFORMAZIONE LIBERA.
commento di cimmi inviato il 18 novembre 2009
Una Chiesa in ginocchio,assediata,che non riesce più ad avere quella forza morale in grado di farle alzare la voce, come invece seppe fare in Sicilia il
Papa precedente.
Forse i Manager del Vaticano sono più interessati a strappare quel piatto di lenticchie al quale faceva cenno Famiglia Cristiana qualche mese addietro.
D'altra parte si è potuto comprendere questo anche dalla rapida rimozione del
Direttore Boffo di Avvenire che aveva trovato il coraggio di gridare forte il
disgusto dei Cattolici.
Perdono, misericordia l'insegnamento di Cristo nei confronti dei ravveduti,ma
fermezza, coraggio,condanna eterna per coloro che del peccato sono sostenitori.
LA CHIESA RIVEDA LA SUA LINEA POLITICA.
commento di Anpo inviato il 18 novembre 2009
La Russa non dice nulla cosi come la Santanchè e tanti altri che si sono stracciati le vesti in difesa del crocifisso. Perché in quest'ultimo caso si trattava di aggredire persone semplici che avevano un parere diverso e quindi si poteva tranquillamente fare i prepotenti mentre nel caso di Gheddafi si tratta di rispondere al miglior amico di papi. E questo non si fa.

Del resto anche i partecipanti alla quarta crociata assediarono la cristiana Costantinopoli perché avevano paura degli Arabi che occupavano Gerusalemme.
commento di verdesca inviato il 18 novembre 2009
La verità è che dove arriva Silvio con il suo viagra tutti gli anziani vanno in resta, ci è andato anche il colonello Gheddafi,solo che lui non ha palazzo Grazioli e pertanto le invità alla scuola coranica.
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
20 febbraio 2008
attivita' nel PDnetwork