.
contributo inviato da gdlombardia il 29 ottobre 2009
Grandissimo successo per le primarie del Partito Democratico in Lombardia. Nella nostra regione infatti gli elettori del 25 ottobre 2009 sono stati più numerosi  rispetto a quelli delle primarie del 2007: i 356.350 cittadini che si sono recati ai seggi e ai gazebi allestiti in tutti i comuni hanno dimostrato  così la grande voglia di partecipazione e di rinnovamento della popolazione lombarda. Un ringraziamento speciale quindi a tutti i partecipanti e soprattutto alle migliaia di volontari che in tutta la regione si sono spesi per l'organizzazione di questa straordinaria giornata di democrazia.

I risultati in Lombardia hanno visto una prevalenza di Pierluigi Bersani sul piano nazionale e una riconferma di Maurizio Martina alla segreteria regionale. Ecco i dati nel dettaglio: per quanto riguarda i voti per il Segretario nazionale del Partito Democratico, Pierluigi Bersani  ha ottenuto 191.454 voti (pari al 54%) Dario Franceschini 93.887 (pari al 26,50%) e 12.225 voti dalla lista Serracchiani-Franceschini (pari al 3,45%), e Ignazio Marino 56.713 voti (pari al 16,01%). A livello regionale invece con 190.377 voti (pari al 54,04%), Maurizio Martina è eletto Segretario regionale della Lombardia; Emanuele Fiano ha ottenuto 102.694 voti (pari al 29,15%) e Vittorio Angiolini 59.208 voti (pari al 16,81).

Le tabelle con i dettagli e l'elenco dei delegati eletti all'Assemblea nazionale e all'Assemblea regionale sono disponibili sul sito www.pdlombardia.it
TAG:  DEMOCRAZIA  PARTITO DEMOCRATICO  PARTECIPAZIONE  PIERLUIGI BERSANI  DARIO FRANCESCHINI  SEGRETARIO REGIONALE  IGNAZIO MARINO  MAURIZIO MARTINA  PD LOMBARDIA  EMANUELE FIANO  PRIMARIE PD ELEZIONE  SEGRETARIO NAZIONALE ELEZIONE  POPOLO PRIMARIE  VITTORIO ANGIOLINI 

diffondi 

commenti a questo articolo 1
commento di rebyjaco inviato il 29 ottobre 2009
Benissimo. Ci sentiamo tutti orgogliosi (coloro che abbiamo partecipato). Ora però manca il ""Più e il Meglio"". Far VEDERE, CAPIRE, agli elettori cosa, Come e CON CHI FACCIAMO il CAMBIAMENTO. Se (da quello che si sente dire e si ""vede) lo vogliamo fare (direi guidare) dal solito, prevedibile, perdente, DALEMA, la strada sarà breve. Gli allenatori, quando si PERDE vanno cambiati, se LORO, non hanno la DIGNITA' di capirlo e farsi da parte, allora qualcuno dovrà farglielo CAPIRE personalmente, e questo è un COMPITO che spetta al Segretario. Sicuramente questo non avverrà, vorrà dire che abbiamo partecipato, ci siamo illusi e avremo buttato 2 euri, non è la fine del mondo (ma di un partito)
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
7 ottobre 2008
attivita' nel PDnetwork