.
contributo inviato da team_realacci il 20 ottobre 2009
Roma, 20 ottobre 2009  

“Piena solidarietà ai sindaci calabresi. Le richieste che avanzano sono più che giuste ed è improrogabile che il Governo dimostri di esserci. Nessuna titubanza può più essere tollerata”, lo affermano Ermete Realacci (PD) e Fabio Granata (Pdl) intervenendo al sit-in dei sindaci calabresi oggi davanti a Palazzo Chigi.
“A tal proposito”, proseguono i due deputati firmatari di una mozione sottoscritta da oltre settanta parlamentari di maggioranza e opposizione, “chiediamo che la mozione sulle navi dei veleni venga subito calendarizzata nei lavori d’Aula. Torniamo a ripetere che si tratta di una vicenda di straordinaria gravità per cui è necessaria la mobilitazione dello Stato ai massimi livelli. La Presidenza del Consiglio deve coordinare l’azione del Ministero degli Interni, della Giustizia, degli Esteri, della Salute e dell’Ambiente in una task-force che possa mettere in campo le risorse, i mezzi e le tecnologie necessarie per far luce su questa gravissima vicenda, a cominciare dal recupero del mercantile affondato al largo di Cetraro e del suo carico di fusti sospetti. Oltre all’ improrogabile ricerca delle altre navi che con tutta probabilità giacciono sui fondali dei nostri mari con il loro carico di rifiuti tossici e radioattivi e la bonifica delle aree a terra che risultano contaminate”.
“Proprio oggi”, conclude Realacci, “è arrivata la replica del Ministero dell’Ambiente ad un interrogazione che avevo presentato il giorno successivo al ritrovamento della nave di Cetraro, che pur essendo formalmente corretta, non appare all’altezza della gravità della situazione. La salute dei cittadini, la tutela del mare, la dignità del nostro paese non possono più aspettare.”
 
Ufficio stampa On. Realacci
TAG:  NAVI  VELENI  RIFIUTI  TOSSICI  RADIOATTIVI  NAVI A PERDERE  CUNSKY  RELITTO  CETRARO  SICUREZZA  PESCATO  MOZIONE  GRANATA  REALACCI 

diffondi 

commenti a questo articolo 0
informazioni sull'autore
ISCRITTO A PDNETWORK DAL
26 gennaio 2009
attivita' nel PDnetwork